Davide Longo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Davide Longo (Carmagnola, 1971) è uno scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Carmagnola nel 1971, vive e lavora a Torino dove insegna scrittura alla scuola Holden.

Nel 2001 ha pubblicato per Marcos y Marcos il romanzo Un mattino a Irgalem con il quale ha vinto il Premio Grinzane opera prima e il Premio Via Po. Dello stesso anno è il libro per bambini Il laboratorio di Pinot.

Nel 2004 è uscito il suo secondo romanzo il Mangiatore di pietre (Marcos y Marcos), Premio Bergamo[1] e del Premio Viadana. Dal romanzo è stato tratto un film omonimo uscito nelle sale nel luglio del 2019 e presentato lo stesso anno alla XVIII edizione del Festival del cinema di Porretta Terme.[2]

Nel 2007 ha curato per Einaudi l’antologia Racconti di montagna, mentre tutti i suoi libri per bambini, tra cui La vita a un tratto e La montagna pirata con l’artista Fausto Gilberti, sono pubblicati da Corraini Edizioni.

Longo è anche regista di documentari (Carmagnola che resiste, Memorie dell’altoforno), autore di testi teatrali (Pietro fuoco e cobalto, Il lavoro cantato, Ballata di un amore italiano, About Fenoglio) e autore radiofonico per RadioRai (Centolire, Luoghi non comuni). Ha scritto per Repubblica, Avvenire, Slow Food, Donna, GQ, Travel, Alp, il quotidiano olandese Ncr.next e la rivista tedesca ADAC. Del 2006 è La vita a un tratto, ed. Corraini. Nel 2007 ha curato per Einaudi l’antologia Racconti di montagna, e pubblicato per Corraini il libro E più non dimandare, realizzato con il pittore Valerio Berruti.

Nel gennaio 2010 è uscito per l’editore Fandango il suo terzo romanzo L’uomo verticale, vincitore del Premio dei Lettori di Lucca. Nell’estate dello stesso anno il volume Il signor Mario, Bach e i settanta (Keller Editore).

Nel 2011 è uscito il romanzo Ballata di un amore italiano. Nel 2014 pubblica Il caso Bramard, il primo romanzo della trilogia di Bramard e Arcadipane, seguito da Così giocano le bestie giovani del 2018 e Una rabbia semplice del 2021. Nel 2022 ha pubblicato il quarto episodio di Bramard e Arcadipane, La vita paga il sabato.

Nel 2018 ha scritto la sceneggiatura del film Il mangiatore di pietre, interpretato da Luigi Lo Cascio.
Insegna scrittura presso Scuola Holden di Torino ed i suoi libri sono tradotti in molti paesi.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Un mattino a Irgalem, Marcos y Marcos, 2001.
  • Il mangiatore di pietre, Marcos y Marcos, 2004.
  • La vita a un tratto, Corraini, 2006.
  • E più non dimandare, Corraini, 2007.
  • Racconti di montagna, Einaudi, 2007.
  • Pirulin senza parole, Corraini, 2008.
  • Il signor Mario, Bach e i Settanta, Keller, 2010.
  • L'uomo verticale, Fandango, 2010.
  • Ballata di un amore italiano, Feltrinelli, 2011.
  • Il caso Bramard, Feltrinelli, 2014.
  • Maestro Utrecht, Milano, NN editore, 2016, ISBN 9788899253219.
  • Così giocano le bestie giovani, Feltrinelli, 2018, EAN 9788807032998.
  • Una rabbia semplice, Einaudi Stile libero, 2021.
  • La vita paga il Sabato Einaudi Stile libero, 2022.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ RACCOLTA PREMIO NAZIONALE DI NARRATIVA BERGAMO, su legacy.bibliotecamai.org. URL consultato il 7 maggio 2019.
  2. ^ MyMovie del 21/11/2019, Porretta Cinema 2019, presentato il programma della XVIII edizione', su mymovies.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79194350 · ISNI (EN0000 0001 0919 2617 · SBN CFIV176482 · LCCN (ENno2004016667 · GND (DE132708213 · BNE (ESXX4425455 (data) · BNF (FRcb14607758p (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2004016667