Marco Alloni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marco Alloni

Marco Alloni (Mendrisio, 31 luglio 1967) è uno scrittore e giornalista italiano.

Risiede al Cairo. Lavora come corrispondente per la Radio Televisione Svizzera Italiana[senza fonte] e collabora con diverse testate locali e internazionali, tra le quali la rivista di filosofia e politica Micromega, il sito culturale Nazione Indiana, Il Fatto Quotidiano, Il Corriere del Ticino e Akhbar El-Adab.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Marco Alloni studia a Urbino, dove si laurea in Lettere Moderne nel 1994 con una tesi su “Paolo Volponi e gli esiti narrativi della questione industriale”. Durante l'università fonda e dirige la rivista semestrale “Profili letterari”, dedicata agli autori europei contemporanei, e pubblica il suo primo romanzo, a 22 anni, dal titolo La luna nella Senna (Casagrande, 1990 – Premio Grinzane Cavour Esordiente).

Nel 2005 scrive Lettere sull'ambizione (Liberilibri, 2005), ispirato all'opera di James Hillman, continua nella riflessione critica sulla rivolta egiziana Ho vissuto la rivoluzione. Diario dal Cairo (Aliberti, 2011) e successivamente Shaitan (Imprimatur, 2013), il primo titolo della Trilogia di Dio e del suo contrario, che si compone anche di Aqui estamos e Il libraio di Addis Abeba, di prossima pubblicazione[senza fonte].

Claudio Magris ha definito Shaitan “Un romanzo notevole, con uno stile accattivante”.[senza fonte]

Per Aliberti Editore Marco Alloni ha curato la collana di libri-intervista Dialoghi – dal 2007 al 2013 – trattando il tema della questione morale. Fra i suoi interlocutori figurano Antonio Tabucchi, Marco Travaglio, Giulio Giorello, Umberto Galimberti, Furio Colombo, Gian Carlo Caselli, Amos Luzzatto, Corrado Augias, Claudio Magris e altri.

Nell'estate 2013 esce l'e-book Egitto o morte (Aliberti, 2013) in cui critica una presunta manipolazione della realtà ad opera dei mass media.

È inoltre tra i promotori, in Egitto, del “Cairo Mediterranean Literary Festival” e del laboratorio di traduzione dall'italiano all'arabo “Oltremare” (Baad E-Bahr), dal quale è nata la serie antologica in quattro volumi Baad El-Bahr, raccolta di racconti delle maggiori scrittrici e dei maggiori scrittori italiani viventi.

Sposato con una giornalista egiziana del Canale Culturale Nile Tv, ha due figli, Karim e Dylan, e si professa “musulmano ateo”. Ateo per vocazione e musulmano per necessità.[senza fonte]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • La luna nella Senna. Monumento all'inutile (Casagrade, 1990)
  • Lettere sull'ambizione (Liberilibri, 2005)
  • Il viandante della filosofia. Con Umberto Galimberti (Aliberti, 2008)
  • Ho vissuto la rivoluzione. Diario dal Cairo (Aliberti, 2011)
  • Vivere l'architettura. Con Mario Botta (Casagrande, 2012)
  • Egitto o morte. Il golpe che non era un golpe e la coscienza sporca dell'Occidente (e-book, Aliberti, 2013)
  • Capire Isis (Aliberti, 2017)


Per la collana Dialoghi di Marco Alloni*

La pace in guerra. Dialogo con Cornelio Sommaruga (Adv, 2006)

Leggere il Corano nel deserto. Dialogo con Khaled Fouad Allam (Adv, 2006)

Itinerario di un eretico. Dialogo con Paolo Flores d'Arcais (Adv, 2006)

Amo inventare storie. Dialogo con Tahar Ben Jelloun (Adv, 2006)

Il resto è politologia. Dialogo con Lucio Caracciolo (Adv, 2006)

Scrivere il tempo. Dialogo con Lidia Ravera (Adv, 2007)

Conversazione. Dialogo con Massimiliano Fuksas (Adv, 2007)

Se questo è un ebreo. Dialogo con Amos Luzzatto (Aliberti, 2007)

Saudade di libertà. Dialogo con Antonio Tabucchi (Aliberti, 2008)

Se non siamo innocenti. Dialogo con Claudio Magris (Aliberti, 2008)

Corretti e corrotti. Dialogo con Gian Carlo Caselli (Aliberti, 2008)

Fatti a pezzi. Dialogo con Marco Travaglio (Aliberti, 2008)

Il diritto di non tacere. Dialogo con Furio Colombo (Aliberti, 2008)

Il sole non è adesso. Dialogo con Margherita Hack (Aliberti, 2009)

Divulgare il mondo. Dialogo con Corrado Augias (Aliberti, 2010)

Se ti spiegassi la scienza. Dialogo con Giulio Giorello (Aliberti 2010)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN86305553 · BNF: (FRcb12934541j (data)