Andrea Canobbio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Andrea Canobbio (Torino, 1962) è uno scrittore e traduttore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la laurea conseguita alla facoltà di Economia e commercio dell'Università di Torino[1], ha esordito nel mondo della letteratura nel 1986 con il racconto Diario del centro, incluso nella raccolta Giovani blues curata da Pier Vittorio Tondelli per il progetto "Under 25". Lavorò poi come editor per Bompiani: una volta pubblicata la sua prima opera, Vasi cinesi, uscito per Einaudi, fu assunto dalla casa editrice torinese come editor per le opere in francese e in inglese. Ha pubblicato 7 libri e ne ha tradotti due (entrambi dal francese); per Vasi cinesi ha vinto il Premio Grinzane Cavour per scrittori esordienti e il Premio Mondello opera prima, mentre per Tre anni luce ha vinto nel 2013 il Premio Mondello opera italiana[2].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • Vasi cinesi, Torino, Einaudi, 1989 Finalista al Premio Bergamo[3]
  • Traslochi, Torino, Einaudi, 1992
  • Padri di padri, Torino, Einaudi, 1997
  • Indivisibili, Milano, Rizzoli, 2000
  • Il naturale disordine delle cose, Torino, Einaudi, 2004 Premio Brancati 2004[4]
  • Presentimento, Roma, Nottetempo, 2007
  • Mostrarsi, Roma, Nottetempo, 2011
  • Tre anni luce, Milano, Feltrinelli, 2013

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Boyd Tonkin, Novelist Andrea Canobbio: Private angst, public terror, su independent.co.uk, 25 gennaio 2008. URL consultato il 29 maggio 2018.
  2. ^ Premio Mondello, vincono Andrea Canobbio, Valerio Magrelli e Walter Siti, su libreriamo.it, 22 aprile 2013. URL consultato il 29 maggio 2018.
  3. ^ RACCOLTA PREMIO NAZIONALE DI NARRATIVA BERGAMO, su legacy.bibliotecamai.org. URL consultato il 7 maggio 2019.
  4. ^ Albo d'oro premio Brancati, su comune.zafferana-etnea.ct.it. URL consultato il 14 ottobre 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN99037708 · ISNI (EN0000 0000 7832 126X · SBN IT\ICCU\CFIV\093675 · LCCN (ENnr92015086 · GND (DE12987289X · BNF (FRcb122029582 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nr92015086