Andrea Canobbio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Andrea Canobbio (Torino, 1962) è uno scrittore e traduttore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la laurea conseguita alla facoltà di Economia e commercio dell'Università di Torino[1], ha esordito nel mondo della letteratura nel 1986 con il racconto Diario del centro, incluso nella raccolta Under25-Giovani Blues. Lavorò poi come editor per Bompiani: una volta pubblicata la sua prima opera, Vasi cinesi, uscito per Einaudi, fu assunto dalla casa editrice torinese come editor per le opere in francese e in inglese. Ha pubblicato 7 libri e ne ha tradotti due (entrambi dal francese); per Vasi cinesi ha vinto il Premio Grinzane Cavour per scrittori esordienti e il Premio Mondello opera prima, mentre per Tre anni luce ha vinto nel 2013 il Premio Mondello opera italiana[2].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • Vasi cinesi, Torino, Einaudi, 1989
  • Traslochi, Torino, Einaudi, 1992
  • Padri di padri, Torino, Einaudi, 1997
  • Indivisibili, Milano, Rizzoli, 2000
  • Il naturale disordine delle cose, Torino, Einaudi, 2004
  • Presentimento, Roma, Nottetempo, 2007
  • Mostrarsi, Roma, Nottetempo, 2011
  • Tre anni luce, Milano, Feltrinelli, 2013

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Boyd Tonkin, Novelist Andrea Canobbio: Private angst, public terror, su independent.co.uk, 25 gennaio 2008. URL consultato il 29 maggio 2018.
  2. ^ Premio Mondello, vincono Andrea Canobbio, Valerio Magrelli e Walter Siti, su libreriamo.it, 22 aprile 2013. URL consultato il 29 maggio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN99037708 · ISNI (EN0000 0000 7832 126X · SBN IT\ICCU\CFIV\093675 · LCCN (ENnr92015086 · GND (DE12987289X · BNF (FRcb122029582 (data)