Francesco Pecoraro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Francesco Pecoraro (Roma, 16 settembre 1945) è uno scrittore, poeta e architetto italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Architetto e urbanista impiegato presso il Comune di Roma, con collaborazioni alle principali riviste del settore, a 62 anni pubblica la raccolta di racconti Dove credi di andare, che si aggiudica il Premio Napoli[1] e il Premio Giuseppe Berto per l'Opera Prima[2]. Un anno dopo pubblica Questa e altre preistorie, recensito, tra l'altro, da Filippo La Porta [3]. Con La vita in tempo di pace si aggiudica il Premio Viareggio ed entra nella cinquina finalista del Premio Strega 2014 [4].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

Miscellanea[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Premio Napoli 2007-2011, su premionapoli.it. URL consultato il 27 aprile 2019.
  2. ^ Presentazione premio Berto, su giuseppeberto.it. URL consultato il 1º maggio 2019.
  3. ^ I dieci libri dell'anno 2008/2009: scrittori e scrittrici, a cura di Alfonso Berardinelli, Milano, Libri Scheiwiller, 2009, pp. 91-8
  4. ^ Intervista su RAI.it
  5. ^ Autori vincitori 2019, su premiocampiello.org. URL consultato il 6 giugno 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN34768149 · ISNI (EN0000 0000 7849 3512 · LCCN (ENno2007030552 · GND (DE1014184614 · BNF (FRcb155517091 (data) · ULAN (EN500086069