Cinzia Tani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cinzia Tani (Roma, 5 settembre 1958) è una scrittrice, conduttrice televisiva e conduttrice radiofonica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha esordito come scrittrice nel 1987, con la pubblicazione del suo primo libro Sognando California, col quale si è aggiudicata il Premio Scanno. Nello stesso anno è divenuta collaboratrice della Rai[1], come inviata del programma Mixer, condotto da Giovanni Minoli. Dal 1991 è stata autrice e conduttrice di programmi televisivi, tra cui Chi è di scena, L'occhio sul cinema, "Il caffè". Nel 1997 è stata conduttrice e autrice, insieme a Giordano Bruno Guerri, di Italia mia benché. Dal 2008 è autrice del fumetto Unità Speciale, per i tipi dell'Eura Editoriale.

Ha alternato la conduzione di programmi televisivi e radiofonici, come Rewind - Visioni private e Fantasticamente (in onda su RadioRai), alla scrittura e alla divulgazione. Ha collaborato alla stesura di molte puntate del programma televisivo Delitti, documentario su episodi di cronaca nera accaduti in Italia dal secondo dopoguerra in poi.

Nel 2004 è stata nominata Cavaliere su iniziativa del Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi[2].

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

La piastrella del Muretto di Alassio autografata dalla Tani
  • Sognando California , (Marsilio, 1987)
  • Premiopoli, (Mondadori, 1987)
  • I mesi blu, (Marsilio, 1991)
  • Fantastica Mente: paure e manie degli italiani, (Nuova Eri), 1995
  • Dalla Russia alla Russia, (Longanesi), 1997
  • Assassine (quattro secoli di delitti al femminile) [3], Mondadori, 1998
  • "Coppie assassine", (Mondadori, 2000)
  • "Nero di Londra, (Mondadori, 2001)
  • "Amori al bivio", (Sperling & Kupfer, 2002)
  • Amori crudeli, Mondadori, 2003
  • I segreti delle donne, (Sperling & Kupfer), 2004
  • L'insonne, Mondadori, 2005
  • "Rosso", (Giulio Perrone Editore, 2006)
  • Sole e ombra, (Mondadori, 2007)
  • "La brava moglie" (Piemme, 2008)
  • "Panico", (Mondadori, 2008)
  • Lo stupore del mondo, (Mondadori, 2009)
  • "Rabbia" (Mondadori, 2009)
  • La migliore amica, (Piemme, 2009)
  • La mela, (Gallucci, 2010)
  • "Charleston" (Mondadori, 2010)
  • "Io sono un'assassina" (Mondadori, 2011)
  • "Stringimi" (Piemme, 2011)
  • "Il bacio della Dionea" (Mondadori, 2012)
  • "Mia per sempre" (Mondadori, 2013)
  • "La storia di Tonia" (Mondadori, 2014)
  • "Donne pericolose" (Rizzoli, 2015)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 8 marzo 2004. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN81081374 · LCCN: (ENn88297932 · SBN: IT\ICCU\CFIV\070241 · ISNI: (EN0000 0000 3768 3344 · BNF: (FRcb14566689h (data) · NLA: (EN53859221