Patrizia Cavalli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Patrizia Cavalli

Patrizia Cavalli (Todi, 17 aprile 1947[1]Roma, 21 giugno 2022[1]) è stata una poetessa e scrittrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata e cresciuta a Todi, dopo aver frequentato il liceo classico Jacopone da Todi[2], nel 1968 si trasferisce a Roma. Durante gli studi di filosofia conosce Elsa Morante che scopre in lei la vocazione per la poesia[3][4], e dalla cui frequentazione scaturì, nel 1974, la sua prima raccolta di poesie, a lei dedicate[5]. Nel 1976 venne inserita da Biancamaria Frabotta nell'antologia Donne in poesia - Antologia della poesia femminile in Italia dal dopoguerra ad oggi, insieme ad autrici come Maria Luisa Spaziani, Vivian Lamarque, Amelia Rosselli, Anna Maria Ortese[6].

Pubblicò per la Collezione di poesia di Einaudi alcune raccolte di successo: Le mie poesie non cambieranno il mondo (1974), Il cielo (1981), L'io singolare proprio mio (1992). Queste tre sillogi verranno riunite nel volume Poesie (1974-1992) (1992). Pubblica, sempre con Einaudi: Sempre aperto teatro (1999, Premio Letterario Viareggio-Repaci),[7] Pigre divinità e pigra sorte (2006, Premio Dessì), Datura (2013) e Vita meravigliosa (2020).

La sua unica prova narrativa fu la raccolta di prose Con passi giapponesi (2019), vincitrice del Premio Campiello - selezione Giuria dei Letterati.

Sempre per Einaudi tradusse Anfitrione di Molière e il Sogno di una notte d'estate di Shakespeare; dello stesso autore tradusse inoltre Otello, messo in scena dal regista e attore Arturo Cirillo nel 2009.

Insieme alla cantautrice Diana Tejera realizzò nel 2012 il libro/disco Al cuore fa bene far le scale edito da Voland/Bideri. Con Tejera e Chiara Civello scrisse il brano E se (Premio Betocchi - Città di Firenze 2017).

Patrizia Cavalli è morta nel 2022 a Roma, dopo una lunga malattia. [8]

Stile letterario[modifica | modifica wikitesto]

La poesia di Patrizia Cavalli è caratterizzata da una complessa tecnica poetica. Le misure metriche che utilizza sono classiche, ma il lessico e la sintassi sono quelle della lingua contemporanea; sono assenti poeticismi e manierismi, e il linguaggio è quello quotidiano e familiare.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Patrizia Cavalli.jpg

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • Le mie poesie non cambieranno il mondo, Einaudi, Torino, 1974.
  • Il cielo, Einaudi, Torino, 1981.
  • L'io singolare proprio mio, Einaudi, Torino, 1992.
  • Poesie (1974-1992), Einaudi, Torino, 1992 (raccolta che assomma le tre precedenti).
  • Sempre aperto teatro, Einaudi, Torino, 1999.
  • La guardiana, nottetempo, Roma, 2005.
  • Pigre divinità e pigra sorte, Einaudi, Torino, 2006 (contiene La guardiana).
  • La patria, nottetempo, Roma, 2011.
  • Al cuore fa bene far le scale (con Diana Tejera), Voland, Roma, 2012.
  • Datura, Einaudi, Torino, 2013 (contiene La patria).
  • Flighty matters, Quodlibet, Macerata, 2017.
  • Vita meravigliosa, Einaudi, Torino, 2020.

Prosa[modifica | modifica wikitesto]

  • Con passi giapponesi, Einaudi, Torino, 2019.

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario Buonofiglio, Sull'«endecasillabare» di Patrizia Cavalli o il fiore di datura, in «Il Segnale», anno XXXII, n. 96, ottobre 2013.; ora disponibile in Academia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b È morta Patrizia Cavalli, poetessa dalla penna limpida e drammatica, in Rai News, 21 giugno 2022.
  2. ^ Sergio Guarente, IL LICEO “JACOPONE DA TODI” RICORDA PATRIZIA CAVALLI (PDF), su liceojacopone.it. URL consultato il 23 giugno 2022.
  3. ^ treccani.it, https://www.treccani.it/enciclopedia/patrizia-cavalli_%28Lessico-del-XXI-Secolo%29/. URL consultato il 25 giugno 2022.
  4. ^ Patrizia Cavalli: il mio incontro con Elsa Morante, su youtube.com. URL consultato il 25 giugno 2022.
  5. ^ E' morta la poetessa Patrizia Cavall, su repubblica.it. URL consultato il 21 giugno 2022.
  6. ^ Donne in poesia, cos’è successo alle generazioni dopo il ’68?, su alleyoop.ilsole24ore.com. URL consultato il 21 giugno 2022.
  7. ^ Premio letterario Viareggio-Rèpaci, su premioletterarioviareggiorepaci.it. URL consultato il 9 agosto 2019.
  8. ^ https://www.repubblica.it/cultura/2022/06/21/news/e%20morta%20la%20poetessa%20patrizia%20cavalli-354792091/?ref=search È morta la poetessa Patrizia Cavalli.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7537237 · ISNI (EN0000 0001 3978 7697 · SBN RAVV017618 · LCCN (ENnr94022146 · GND (DE119358808 · BNE (ESXX1022014 (data) · BNF (FRcb13475419f (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nr94022146