Gianfranco Folena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gianfranco Folena

Gianfranco Folena (Savigliano, 9 aprile 1920Padova, 14 febbraio 1992) è stato un linguista, filologo e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Savigliano in Piemonte nel 1920, da famiglia toscana, Gianfranco Folena sposò la francese Elisabeth Marcilhacy, pittrice e poetessa, da cui nacquero i loro quattro figli: Lucia, docente universitaria di letteratura inglese presso l'Università di Torino; Andrea, matematico deceduto in Francia in giovane età; Eleonora, professoressa di matematica delle scuole medie di Padova; e l'ultimogenito Pietro Folena, per anni deputato della Repubblica e imprenditore culturale. Rimasto vedovo, Gianfranco Folena si sposò nel 1989 con Daniela Goldin, docente ordinario di Filologia medievale umanistica e Storia del melodramma presso l'Università degli Studi di Padova.

Frequentò la Scuola Normale Superiore di Pisa con maestri come Michele Barbi e Giorgio Pasquali, ma - dopo la lunga pausa della guerra e della prigionia in India [1] - si laureò, nel 1946, a Firenze, [2] dove, proprio su consiglio di Pasquali, prese le lezioni di Bruno Migliorini, fresco di nomina alla prima cattedra di Storia della lingua italiana, all'Università di Firenze.[3]

Tenne la cattedra di Filologia romanza e poi di Storia della lingua italiana all'Università di Padova fino alla conclusione della sua attività didattica (1990).

Membro di Accademie italiane e straniere — Accademia dei Lincei, Accademia della Crusca, Bayerische Akademie der Wissenschaften (Accademia bavarese delle scienze) — diresse fin dall'inizio l'Istituto per le lettere, la musica e il teatro della Fondazione Giorgio Cini di Venezia. Fondò il Circolo filologico-linguistico di Padova, che ha organizzato una lunga serie, molto nota e rinomata in tutto il mondo, di seminari e di convegni di linguistica e di filologia a Bressanone.

Fu direttore delle collane Scrittori d'Italia, dell'editore Laterza, e Quaderni del Circolo filologico-linguistico padovano, nonché delle riviste Quaderni di retorica e poetica e Filologia veneta. Fu altresì condirettore del Giornale storico della letteratura italiana e delle riviste Lingua nostra e Medioevo romanzo.

Vincitore nel 1972 del Premio Feltrinelli,[4] vinse poi, nel 1983, il Premio Viareggio per la saggistica, con L'Italiano in Europa.[5] Autore di una vastissima produzione che spazia tra svariati ambiti, pubblicò diversi saggi e volumi. Della sua attività di filologo resta, tra le altre edizioni critiche, quella dei Motti e facezie del Piovano Arlotto (Milano-Napoli, Ricciardi, 1953). Nel 1967 fu il primo presidente della Società di Linguistica Italiana.

Nel 2014, il Comune di Padova gli dedicò la piazzetta antistante palazzo Maldura, sede dell'Istituto di Filologia Neolatina (oggi Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari), che per tanti anni fu il luogo del suo magistero [6][7] .

Nel 2020, il MiBACT ha istituito un Comitato nazionale per le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena che proseguirà le sue attività nel 2021 e nel 2022. Il Comitato è presieduto da Claudio Marazzini, presidente dell'Accademia della Crusca.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • La crisi linguistica del Quattrocento e l'"Arcadia" di I. Sannazaro (tesi di laurea), Firenze, Olschki, 1952
  • L'italiano in Europa, Torino, Einaudi, 1983
  • Culture e lingue nel Veneto medievale, Padova, Editoriale Programma, 1990
  • Volgarizzare e tradurre, Torino, Einaudi, 1991
  • Il linguaggio del caos, Torino, Bollati Boringhieri, 1991
  • Dizionario della lingua italiana Palazzi-Folena (in collaborazione con Fernando Palazzi), Torino, Loescher, 1992
  • Filologia e umanità, Vicenza, Neri Pozza, 1993
  • Vocabolario del veneziano di Carlo Goldoni (a cura di Patrizia Borghesan e Daniela Sacco), Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 1993
  • Scrittori e scritture, Bologna, Il Mulino, 1997
  • Textus testis: lingua e cultura poetica delle origini, Torino, Bollati Boringhieri, 2002

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Seconda Guerra Mondiale - Elenco aggiornato dei prigionieri italiani a Yol (India), di Giovanni Marizza, su l'Occidentale, 18 ottobre 2012.
  2. ^ Stammerjohann, Harro; Radatz, Hans-Ingo. Italiano: lingua di cultura europea : atti del simposio internazionale in memoria di Gianfranco Folena. Weimar, 11-13 aprile 1996. Gunter Narr Verlag, Tübingen, 1997.
  3. ^ Folena, storia delle parole per difendere il valore delle cose, di Paolo Pellegrini. Il manifesto, 27 dicembre 2015.
  4. ^ Premi Feltrinelli 1950-2011, su lincei.it. URL consultato il 17 novembre 2019.
  5. ^ Premio letterario Viareggio-Rèpaci, su premioletterarioviareggiorepaci.it. URL consultato il 9 agosto 2019.
  6. ^ Maldura, una piazzetta per Folena, su Uninews24, 5 Maggio 2014. Archiviato il 1º luglio 2014 in Internet Archive..
  7. ^ Una piazza per Gianfranco Folena, su Accademia della Crusca, 16 aprile 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Studi di filologia romanza e italiana offerti a Gianfranco Folena dagli allievi padovani, Modena, Mucchi, 1980
  • Omaggio a Gianfranco Folena, 3 voll., Padova, Editoriale Programma, 1993
  • Studi sulla lingua della letteratura musicale in onore di Gianfranco Folena, Firenze, Olschki, 1994
  • Studi sul lessico della letteratura critica del teatro musicale in onore di Gianfranco Folena, Firenze, Olschki, 1995
  • Plurilinguismo e letteratura, XXVIII Convegno interuniversitario in memoria di Gianfranco Folena, Bressanone/Brixen, 6-9 luglio 2000
  • Accademia dei Lincei. Giornata di studio in ricordo di Gianfranco Folena, 18 giugno 2002

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN49225475 · ISNI (EN0000 0001 0898 3425 · SBN IT\ICCU\CFIV\009558 · LCCN (ENn82032142 · GND (DE119166798 · BNF (FRcb11903008b (data) · BAV (EN495/131120 · WorldCat Identities (ENlccn-n82032142