Andrea Tagliapietra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Andrea Tagliapietra (Venezia, 7 marzo 1962) è uno scrittore e filosofo italiano.

Andrea Tagliapietra

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la maturità classica al Liceo Marco Foscarini di Venezia, ha compiuto studi di medicina e di filosofia, laureandosi in filosofia teoretica all'Università Ca' Foscari con una tesi discussa con Emanuele Severino e Romano Madera. In quegli stessi anni perfeziona gli studi di ermeneutica biblica sotto la guida di Carlo Enzo. Ha insegnato Storia della filosofia moderna e contemporanea presso l'Università degli studi di Sassari (1997-2004). Attualmente è professore di Storia della filosofia presso la Facoltà di Filosofia dell'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano dove insegna Storia delle idee, Filosofia della cultura e Storia della filosofia. Fonde nelle sue ricerche un'indagine storico filosofica sul pensiero greco, sulla tradizione apocalittica ebraica e cristiana e sul canone del pensiero moderno, con un'attenzione a temi contemporanei legati al mondo delle immagini e della comunicazione, allo studio del linguaggio e delle metafore, nonché all'intreccio storico e teorico fra teatro e filosofia. In quest'ultima prospettiva si orientano i suoi studi sull'idea di sincerità e sul significato della bugia nel quadro di una costruzione drammaturgica dell'individuo,[1] sul ridere e sulla natura del personaggio comico.[2] Ha curato, per Feltrinelli, Bollati Boringhieri e Bruno Mondadori edizioni importanti: L'Apocalisse di Giovanni, raccolte di scritti sull'Illuminismo e sul tema della "catastrofe"; opere di Platone, Gioacchino da Fiore, Kant, Benjamin Constant, Voltaire, Jean-Jacques Rousseau, Alessandro Manzoni, Constantin-François de Chassebœuf de Volney, Ludwig Andreas Feuerbach. Dal 2007 sta curando l'edizione delle opere complete di Italo Valent. Collabora saltuariamente con Il Gazzettino, il quotidiano della sua città, e ha collaborato con varie testate giornalistiche (Capital; Panorama; Il Sole 24 Ore; l'inserto culturale "Saturno" de Il fatto quotidiano, ecc.), con interventi di carattere culturale o legati all'attualità sociale e politica. Con La virtù crudele. Filosofia e storia della sincerità [3] ha vinto nel 2004 il Premio Viareggio per la saggistica. Nel 2013 gli è stato conferito il premio di filosofia "Viaggio a Siracusa" per il saggio Gioacchino da Fiore e la filosofia. È direttore, insieme a Sebastiano Ghisu, della rivista internazionale di filosofia Giornale critico di storia delle idee.[4] È fondatore e direttore del Centro di Ricerca Interdisciplinare di Storia delle Idee (CRISI)[5], che ha sede presso la Facoltà di Filosofia del San Raffaele.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • La metafora dello specchio. Lineamenti per una storia simbolica, Feltrinelli, Milano 1991 (2ª ed. riveduta e accresciuta, Bollati Boringhieri, Torino 2008)
  • Il velo di Alcesti. La filosofia e il teatro della morte, Feltrinelli, Milano 1997
  • Filosofia della bugia. Figure della menzogna nella storia del pensiero occidentale, Bruno Mondadori, Milano 2001 (2ª ed. riveduta, Bruno Mondadori, Milano 2008)
  • La virtù crudele. Filosofia e storia della sincerità, Einaudi, Torino 2003
  • La forza del pudore: per una filosofia dell'inconfessabile, Rizzoli, Milano 2006 (tr. francese, a c. di Robert Kremer, La force de la pudeur. Pour une philosophie de l'inavouable, Salvator, Paris 2017)
  • Il dono del filosofo: sul gesto originario della filosofia, Einaudi, Torino 2009
  • Icone della fine. Immagini apocalittiche, filmografie, miti, il Mulino, Bologna 2010
  • Sincerità, Raffaello Cortina, Milano 2012 (tr. francese, a c. di Robert Kremer, La sincérité, Salvator, Paris 2015)
  • Gioacchino da Fiore e la filosofia, il Prato, Padova 2013
  • Non ci resta che ridere, il Mulino, Bologna 2013
  • Alfabeto delle proprietà. Filosofia in metafore e storie, Moretti & Vitali Editori, Bergamo 2016
  • Esperienza. Filosofia e storia di un'idea, Raffaello Cortina, Milano 2017

Opere in collaborazione con altri autori[modifica | modifica wikitesto]

  • con Gianfranco Ravasi, Non desiderare la donna e la roba d'altri, il Mulino, Bologna 2010 (tr. francese, a c. di Robert Kremer, Tu ne convoiteras pas la femme d'autrui ni son bien, Salvator, Paris 2013)
  • con Renato Corrado, Il senso del dolore. Testimonianza e argomenti, Editrice San Raffaele, Milano 2011
  • con Claudio Bartocci e Piero Martin, Zerologia. Sullo zero, il vuoto e il nulla, il Mulino, Bologna 2016

Edizioni scientifiche, curatele e traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Apocalisse di Giovanni, testo latino a fronte, prefazione di Andrea Tagliapietra, traduzione e postfazione di Massimo Bontempelli, Feltrinelli, Milano 1992
  • Platone, Fedone o sull'anima, testo greco a fronte, traduzione, introduzione e cura di Andrea Tagliapietra, saggio critico di Elisa Tetamo, Feltrinelli, Milano 1994 (7ª ed., 2011)
  • Gioacchino da Fiore, Sull'Apocalisse, testo latino a fronte, introduzione, traduzione e cura di Andrea Tagliapietra, Feltrinelli, Milano 1994 (2ª ed., 2008)
  • Immanuel Kant, Benjamin Constant, La verità e la menzogna. Dialogo sulla fondazione morale della politica, introduzione e cura di Andrea Tagliapietra, traduzioni di Silvia Manzoni e di Elisa Tetamo, Bruno Mondadori, Milano 1996
  • Che cos'è l'illuminismo? I testi e la genealogia del concetto, introduzione e cura di Andrea Tagliapietra, traduzioni di Silvia Manzoni e di Elisa Tetamo, Bruno Mondadori, Milano 1997 (2ª ed., 2000)
  • Rudolf Otto, Il sacro, introduzione, note e apparati di Andrea Tagliapietra, traduzione di Ernesto Buonaiuti, Gallone Editore, Milano 1998
  • Voltaire, Rousseau, Kant, Sulla catastrofe. L'illuminismo e la filosofia del disastro, introduzione e cura di Andrea Tagliapietra, traduzioni di Silvia Manzoni e di Elisa Tetamo, con un saggio di Paola Giacomoni, Bruno Mondadori, Milano 2004
  • Immanuel Kant, La fine di tutte le cose, a cura e con un saggio di Andrea Tagliapietra, traduzione di Elisa Tetamo, Bollati Boringhieri, Torino 2006
  • Alessandro Manzoni, La storia e l'invenzione. Scritti filosofici, introduzione, note e apparati di Andrea Tagliapietra, il Prato, Padova 2014
  • Costantin-François de Chasseboeuf conte di Volney, Le rovine, ossia meditazione sulle rivoluzioni degli imperi, a cura di Andrea Tagliapietra e Marco Bruni, introduzione di Andrea Tagliapietra, postfazione e traduzione di Marco Bruni, Mimesis Edizioni, Milano-Udine 2016
  • Ludwig Feuerbach, L'uomo è ciò che mangia, a cura e con un saggio di Andrea Tagliapietra, traduzione e nota biobibliografica di Elisa Tetamo, Bollati Boringhieri, Torino 2017

Alcuni saggi e articoli[modifica | modifica wikitesto]

Testi in rete[modifica | modifica wikitesto]

Interviste e video[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN14833145 · ISNI: (EN0000 0000 6155 709X · SBN: IT\ICCU\CFIV\114763 · LCCN: (ENn95016670 · GND: (DE1105593339 · BNF: (FRcb122814839 (data)