Renata Colorni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Renata Colorni (Milano, 7 novembre 1939) è una traduttrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di Ursula Hirschmann (sorella dell'economista Albert O. Hirschman), dalla quale impara il tedesco, e dell'antifascista Eugenio Colorni, uno degli ideatori e firmatari del Manifesto di Ventotene, ebbe come guida intellettuale proprio Altiero Spinelli, che divenne secondo marito della madre. Sua sorella, l'economista Eva Colorni, è stata moglie, fino alla morte nel 1985, dell'economista Amartya Sen, premio Nobel per l'economia nel 1998.

Laureata all'Università di Pavia, inizia nel 1969 a lavorare per la FrancoAngeli. Nel 1973 è chiamata da Paolo Boringhieri a curare l'edizione italiana delle Opere di Sigmund Freud. Dal 1979 al 1995 lavora alla Adelphi per cui, oltre a rivedere tutte le traduzioni dal tedesco, traduce in proprio autori quali Elias Canetti, Thomas Bernhard, Franz Werfel, Arthur Schnitzler, Friedrich Dürrenmatt, Joseph Roth. Dal 1995 lavora con Arnoldo Mondadori Editore per cui dirige prima il settore Classici e I Meridiani, infine l'intero settore dell'editoria letteraria. Nel 2010, per Mondadori, ha curato l'innovativa (fin dal titolo La montagna magica) traduzione de La montagna incantata. Tra i numerosi premi e riconoscimenti ottenuti, il Premio Goethe nel 1987, il Premio Monselice nel 1991, il Premio Grinzane Cavour nel 1995, il Premio Feltrinelli nel 2007.

Ebbe tre nipoti: Leo Riccò, Jacopo Riccò e Giulia.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN79358520 · ISNI: (EN0000 0000 7049 5396 · SBN: IT\ICCU\CFIV\082598 · GND: (DE112839223