Anna Maria Carpi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Anna Maria Carpi (Milano, 22 marzo 1939) è una scrittrice, traduttrice e docente italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Anna Maria Carpi è nata nel 1939 a Milano, da madre emiliana e padre di origine irlandese. Ha studiato lingue e letterature straniere alla Statale di Milano. Ha vissuto a più riprese a Bonn, a Berlino e a Mosca. Ha insegnato letteratura tedesca all' Università di Macerata (1968-80) e alla Ca' Foscari di Venezia (1980-2009) e dal 2001 insegna traduzione letteraria dal tedesco alla Statale di Milano. Vive a Milano. È autrice di un diario inedito di 15.000 pagine e di studi su Kleist, Th.Mann, Handke e sulla poesia tedesca del '900. Per le sue traduzioni dalla poesia tedesca (Nietzsche lirico, Benn, Celan, Enzensberger, H.Mueller, Gruenbein, Krueger) ha avuto nel 2012 il Premio nazionale per la traduzione. Nel settembre 2015 ha ricevuto il Premio Città di Sant'Elpidio a mare, per la miglior traduzione italiana della poesia straniera, È membro delle giurie del Premio Monselice e del Premio internazionale Wuerth di Stoccarda e dal 2013 dell'Akademie der Sprache und der Dichtung di Darmstadt. Nel 2014 ha ricevuto il Premio Carducci alla carriera.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • A morte Talleyrand, Udine, Campanotto, 1993
  • Compagni corpi. Tutte le poesie 1992-2002, Milano, Scheiwiller, 2004
  • E tu fra i due chi sei, Milano, Scheiwiller, 2007
  • L'asso nella neve. Poesie 1990-2010, Massa, Transeuropa, 2011, (prima e seconda edizione)
  • Quando avrò tempo. Poesie 2010-12, Massa, Transeuropa, 2013
  • Entweder bin ich unsterblich, Monaco, Edition Lyrik Kabinett bei Hanser, 2015, traduzione di Piero Salabé, Postfazione di Durs Grünbein
  • L'animato porto, Milano, La Vita Felice, 2015
  • E io che intanto parlo. Poesie 1990-2015, Milano, Marcos y Marcos, 2016

Poesia in rivista o in antologia[modifica | modifica wikitesto]

  • Poesie italiane 2016, a cura di Alfonso Berardinelli, Bologna, Elliot,2017
  • Linea d'ombra, X, 74, sett. 1992, (pp. 69–71)
  • Arcadia 32, 1 (num.spec. Celan in Europa, trad.ted. di J.Wertheimer e A.M.Carpi), Berlino 1997
  • L'Immaginazione, 148, Manni, 1998
  • Oktjabr', 6,, Mosca 1998 (trad.russa di A.Najman)
  • Akzente 5,, Monaco, 2001, pp. 447–455 (trad. ted. di F.Meier)
  • Semicerchio, 24-25,, 2001, pp. 98–99
  • Annuario di poesia, Castelvecchi, 2002-2003, pp. 234–236
  • Annuario di poesia, Castelvecchi, 2005, (in "I migliori libri del 2004")
  • Poeti e poesia, 14 di E.Pecora 2008, pp. 10–16
  • Almanacco dello Specchio 2009, Milano, Mondadori, pp. 146–150
  • Una società d'individui, 35, 2009/2, pp. 127–136
  • Akzente 3,, Monaco 2011, pp. 261–269 (trad. ted. di P.Salabé)
  • Soglie XV 2, 2013, pp. 31–33
  • Poesia italiana del secondo '900, Italian Poetry, giugno 2013
  • Atelier n. 73 - marzo 2014, Edizioni Atelier, Monografia, pp. 9–92

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Racconto di gioia e di nebbia, Milano, Il Saggiatore, 1995
  • E sarai per sempre giovane, Torino, Bollati Boringhieri, 1996, (trad tedesca: Forever young, Rowohlt, Reinbek 1997)
  • Il principe scarlatto, Milano, La Tartaruga, 2002
  • Un inquieto batter d'ali. Vita di H.v.Kleist , Milano, Mondadori, 2005 ( *Kleist. Ein Leben, Berlino, Insel, 2011)
  • Il mio nome era un altro. Due bambini dell'Est , Roma, Perrone, 2013

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Parenti via, in “Osservatore politico-letterario”, XII, 1, 1976
  • Come state?, ivi, X,10, 1977
  • Se queste lettere vi appaiono confuse, in “Nuovi Argomenti”, 59-60, 1978
  • Ada, in “La linea d'ombra”, 119, 1996
  • From the story of the green dress, in “The Massachusetts Review”, XXXVIII, 3, 1997
  • Racconti di yurte e di steppe, in “La linea d'ombra”, 139, 1998
  • La clandestine in “Le Nord”, Lille, 3, 1999
  • Tagtraeume, in "Zukunft? Zukunft (6 autrici sul “futuro”)", Gehrke, Tuebingen, 2000
  • Originaliter utendo, in “Belfagor”, XVI, 2001
  • Piccola Anna, Querini-Stampalia, Venezia 2007
  • Uomini ultimo atto", Moretti & Vitali, Bergamo 2015

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Gottfried Benn, Stasi e ritmo nel 'complesso di Rönne’, in "Studi Germanici", IX, 1-2, 1971.
  • Paul Fleming, La lirica religiosa , in Studi di letteratura religiosa tedesca, Firenze, Olschki, 1972.
  • Paul Celan, Lingua, topoi, utopia, in "Il Tamburo di Latta", 2-3, 1972.
  • Paul Fleming, de se ipso ad se ipsum, Milano, Cisalpino, 1973
  • Paul Celan, Lenz, Büchner, Celan: un incontro (con trad.di Gespräch im Gebirge" e di liriche), in "Altri Termini", 1974, 3-17 e 49-50.
  • Heinrich von Kleist,The city of destruction (sugli aneddoti), in "L'Osservatore Politico-letterario", VII, 1979.
  • Heinrich von Kleist, Il successo dei miei passi (sull'epistolario), in "Annali della Facoltà di Lingue dell'Università di Venezia", XXIII, 2, 1986.
  • Paul Celan, Poesia tedesca del '900, Torino, Einaudi, 1990 (sezione su)
  • Heinrich von Kleist, i romanzi ci hanno guastato la mente, in Il romanzo sentimentale, Pordenone, Studio Tesi, 1990.
  • Heinrich von Kleist, Signor von Kleist (studio biografico), in "L'Asino d'oro”, V, 10, 1994.
  • Paul Celan, il dado rotante, in La parola in udienza, Milano, CUEM, 2008
  • Gottfried Benn, Nella mia casa non si può approdare: il carteggio Benn-Oelze, in “ Le forme e la storia”, II, 2009, 1
  • Heinrich von Kleist, L'età classico-romantica, Bari, Laterza 2009.

Curatele[modifica | modifica wikitesto]

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN5060080 · LCCN: (ENnr94038853 · SBN: IT\ICCU\CFIV\102960 · ISNI: (EN0000 0000 8352 5013 · GND: (DE123134382 · BNF: (FRcb128688486 (data)