Alberto Bertoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alberto Bertoni (Modena, 23 marzo 1955) è un poeta e accademico italiano.

Alberto Bertoni

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Modena nel 1955[1], dopo aver frequentato il liceo classico "Muratori" si sposta a Bologna dove, tra il 1974 e il 1979, frequenta la facoltà di Lettere dell'Alma Mater Studiorum[2]. Coetaneo e amico di Pier Vittorio Tondelli[3][4], che negli stessi anni studiò presso l'università felsinea, è stato allievo di Ezio Raimondi.[5]

Amico di Francesco Guccini – con cui ha collaborato alla stesura della sua autobiografia Non so che viso avesse (Giunti, 2020)[6] –, dal 1986 organizza performance in collaborazione con musicisti, tra cui Enrico Trebbi, Ivan Valentini, Franco D'Aniello e Massimo Giuntini dei Modena City Ramblers e Michele Francesconi[7].

Negli anni Ottanta è tra i fondatori della rivista "Gli immediati dintorni"[8].

Nel 1993 ha preso servizio accademico presso l'Università degli Studi di Bologna, dove attualmente insegna Letteratura italiana contemporanea e Poesia italiana del Novecento[9].

Dal 1996 dirige per Book Editore le collane di poesia "Fuoricasa" e "Quaderni di Fuoricasa"[10] Nel 1997 è tra i soci fondatori del Centro di poesia contemporanea dell'Università di Bologna[11]

Dal 1999 al 2011 condivide, insieme a Ezio Raimondi, un insegnamento presso l'Università di Bolzano, nella facoltà di Scienze della formazione di Bressanone[12].

Ha collaborato alla collana di Letteratura Italiana Einaudi diretta da Alberto Asor Rosa[13].

Nel 2004 dà vita alla rivista "Frontiera"[14]. Dal 2008 al 2010 ha curato il Diario critico dell'Almanacco dello Specchio Mondadori, insieme a Biancamaria Frabotta[15]. Nel 2012 ha pubblicato in spagnolo l'antologia El guardián del lugar[16].

È consulente scientifico del Poesia Festival e membro di giurie di premi letterari[17]. I suoi testi sono stati tradotti in inglese, francese, russo, ceco, ungherese, spagnolo e romeno[13].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lettere stagionali, Castel Maggiore, Book Editore, 1996. Con una nota di Giovanni Giudici.
  • Tatì, Castel Maggiore, Book Editore, 1999. Con una lettera in versi di Gianni D'Elia.
  • Il catalogo è questo. Poesie 1978-2000, Parma, Il cavaliere azzurro, 2000. Con un intervento di Roberto Barbolini.
  • Le cose dopo. Poesie 1999-2003, Torino, Aragno, 2003. Postfazione di Andrea Battistini. ISBN 978-88-8419-167-X.
  • Ho visto perdere Varenne, Lecce, Manni, 2006. Prefazione di Niva Lorenzini.
  • Mi sembrava un attimo fa, Milano, Quaderni di Orfeo, 2007.
  • Zitèe cìna, Milano, Il ragazzo innocuo, 2007. Con un'acquaforte originale di Luciano Ragozzino.
  • Ricordi di Alzheimer. Una storia, Castel Maggiore, Book, 2008. Con una lettera in versi pavanesi di Francesco Guccini e una nota di Milo De Angelis. 2ª ed. 2012. 3ª ed. 2016.
  • Il letto vuoto, Torino, Aragno, 2012.
  • Traversate, Firenze, Società Editrice Fiorentina, 2014. Prefazione di Paolo Valesio.
  • Poesie 1980-2014, Torino, Aragno, 2018.
  • Ricordi e cromosomi. Poesie 2014-2017, Azzate, Stampa 2009, 2018.
  • Zàndri, Ro Ferrarese, Book, 2018. Con una nota di Fabio Marri.
  • Cavalli e poesia, Reggio Emilia, Corsiero, 2018.
  • Irlandesi, Reggio Emilia, Corsiero, 2020. Con una nota introduttiva di Daniele Benati.
  • L'isola dei topi, Torino, Einaudi, 2021.

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • Il sosia di Providence e altri incontri fra l'Emilia e l'America, Reggio Emilia, Diabasis, 2002. Prefazione di Edmondo Berselli.

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • Dai simbolisti al Novecento. Le origini del verso libero italiano, Bologna, il Mulino, 1995.
  • Una geografia letteraria tra Emilia e Romagna, con Gian Mario Anselmi, Bologna, CLUEB, 1997.
  • Pasolini e l'avanguardia, Firenze, Olschki, 1997.
  • Partiture critiche, Pisa, Pacini, 2000.
  • Una distratta venerazione. La poesia metrica di Giudici, Castel Maggiore, Book, 2001.
  • Montale vs. Ungaretti. Introduzione alla lettura di due modelli di poesia del Novecento, con Jonathan Sisco, Roma, Carocci, 2003.
  • Molinari 1804. Vita di una famiglia di imprenditori in 200 anni di storia modenese, con Giuseppe Bertoni, Modena, Caffè Molinari, 2004.
  • Trent'anni di Novecento. Libri italiani di poesia e dintorni 1971-2000, Castel Maggiore, Book, 2005.
  • La poesia. Come si legge e come si scrive, Bologna, il Mulino, 2006.
  • La poesia contemporanea, Bologna, il Mulino, 2012.
  • Montale, in conclusione. Insegnare un modello di poesia, Ro Ferrarese, Book, 2014.
  • Scrittori da un ducato in fiamme. Delfini, D'Arzo e il Novecento, Reggio Emilia, Corsiero, 2016.
  • Poesia italiana dal Novecento a oggi, Bologna, Marietti, 2019. ISBN 9788821113529.
  • Una questione finale. Poesia e pensiero da Auschwitz, Riva del Po, Book, 2020.

Curatele[modifica | modifica wikitesto]

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1997 – La casa azzurra, con Enrico Trebbi e Ivan Valentini (Mobydick)
  • 2001 – Viaggi, con Enrico Trebbi e Ivan Valentini (Arxcollana & Book Editore)
  • 2001 – Voci e suoni d'Irlanda, con Franco D'Aniello e Massimo Giuntini (I Teatri di Reggio Emilia)
  • 2012 – I giorni assenti, con Ivan Valentini e Michele Francesconi (Mobydick)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elena Grazioli, Elena Grazioli intervista Alberto Bertoni, su Insula europea, 12 giugno 2021. URL consultato il 13 aprile 2022.
  2. ^ Alberto Bertoni, Poesia italiana dal Novecento a oggi, Bologna, Marietti, 2019, p. 137.
  3. ^ Alberto Bertoni, Poesia italiana dal Novecento a oggi, Bologna, Marietti, 2019, p. 127.
    «la mia – come ha magnificamente testimoniato il mio amico Pier Vittorio Tondelli nel suo romanzo Pao Pao (1982) – è stata anche l'ultima generazione che ha buttato un anno di vita nel servizio militare obbligatorio»
  4. ^ Ricordo di Tondelli, in Alberto Bertoni, Il sosia di Providence e altri incontri fra l'Emilia e l'America, Reggio Emilia, Diabasis, 2002, pp. 103-107.
  5. ^ Marcello Conti, "L'umanità senza memoria" di Alberto Bertoni, su Circolo CUBo, 1º agosto 2022. URL consultato il 13 aprile 2022.
  6. ^ Franco Giubilei, Guccini: ho scritto un'autobiografia perché il cerchio si chiude, in La Stampa, 6 febbraio 2010. URL consultato il 17 aprile 2022 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2010).
  7. ^ Alberto Bertoni (PRESIDENTE) - Docente universitario e scrittore, su Premio Zocca - Comune di Zocca. URL consultato il 13 aprile 2022.
  8. ^ Alberto Bertoni, Poesia italiana dal Novecento a oggi, Bologna, Marietti, 2019, p. 128.
    «negli anni Ottanta [...] redigevo a Modena una rivista intitolata a Vittorio Sereni, "Gli immediati dintorni", con Jean Robaey, Elio Tavilla, Lisabetta Serra e Franco Genitoni»
  9. ^ Alberto Bertoni — Insegnamenti 2021-2022, su Università di Bologna. URL consultato il 13 aprile 2022.
  10. ^ La poesia dei libri, su Book Editore. URL consultato il 13 aprile 2022.
  11. ^ Elenco soci, su Centro di poesia contemporanea dell'Università di Bologna. URL consultato il 13 aprile 2022.
  12. ^ Alberto Bertoni, Poesia italiana dal Novecento a oggi, Bologna, Marietti, 2019, pp. 132-133.
  13. ^ a b Alberto Bertoni La lingua ritrovata, su pianetasaluteonline.com. URL consultato il 20 aprile 2022.
  14. ^ Alberto Bertoni, su Independent Poetry, 29 maggio 2021. URL consultato il 13 aprile 2022.
  15. ^ Alberto BERTONI, su Italian Poetry. URL consultato il 13 aprile 2022.
  16. ^ Alberto Bertoni | Autori, su Pordenonelegge. URL consultato il 13 aprile 2022.
  17. ^ Alberto Bertoni, su Università degli Studi di Bologna. URL consultato l'11 aprile 2022.
  18. ^ a b c d Alberto Bertoni, su Edizioni Artestampa, 21 novembre 2016. URL consultato l'11 aprile 2022.
  19. ^ Sandra Petrignani e Alberto Bertoni vincitori premio Dessì 2018, su Unica Radio, 1º ottobre 2018. URL consultato l'11 aprile 2022.
  20. ^ Alberto Bertoni (L'isola dei Topi) vince 65º Premio Carducci, su Versiliatoday.it, 28 luglio 2021. URL consultato l'11 aprile 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN36668 · ISNI (EN0000 0001 2275 5541 · SBN CFIV002957 · LCCN (ENnr96025816 · BNE (ESXX848011 (data) · BNF (FRcb120850516 (data) · CONOR.SI (SL152450403 · WorldCat Identities (ENlccn-nr96025816