Monica Centanni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Monica Centanni (Venezia, 1957) è una filologa classica, grecista e accademica italiana.

Studiosa di teatro antico, di civiltà tardo antica, di storia della tradizione classica, è professore ordinario di Lingua e letteratura greca all’Università Iuav di Venezia[1] e all’Università di Catania.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureata in lettere classiche nel 1980 all’Università di Padova, si è perfezionata nello stesso ateneo in Filologia classica nel 1984. Nel 1990 ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in filologia greca e latina presso l’Università di Urbino.

Nel 1991 ha pubblicato la prima traduzione italiana del Romanzo di Alessandro.
Dal 2000 dirige la rivista Engramma. La tradizione classica nelle memoria occidentale[3]
Dedica un filone delle sue ricerche al metodo di Aby Warburg, in particolare all’Atlante Mnemosyne.
Nel 2002 è stata chiamata come professore associato di Lingua e letteratura greca all’Università Iuav di Venezia. Quell'anno è nominata membro del Consiglio di amministrazione della Fondazione INDA di Siracusa.[4]
Nel 2005 per la sua edizione delle Tragedie di Eschilo, pubblicate da Mondadori, ha vinto il premio Monselice per la traduzione letteraria.
Dal 2006 è direttore del Centro studi classici dell’Università Iuav di Venezia.

Dal 2016 è membro del collegio del Dottorato in storia delle arti dell’Università Ca' Foscari di Venezia.


Monica Centanni ha sempre affiancato all’attività accademica e di ricerca l’impegno civile e politico, con un’intensa attività di organizzazione culturale e la partecipazione a campagne civili, ritenendo necessario il contributo attivo degli intellettuali alla vita della società democratica.

A cavallo tra gli anni '70 e gli anni '80 è stata vicina al movimento metapolitico animato da Marco Tarchi e Stenio Solinas[5]. Nel 1982 è stata tra gli autori del volume collettaneo Al di là della destra e della sinistra. Nel 2011 è tornata brevemente alla politica attiva, chiamata da Gianfranco Fini nella segreteria nazionale di Futuro e Libertà per l'Italia[6].

Nel 2010 è stata, con Peppe Nanni, tra i promotori del “Manifesto di ottobre” appello a “un rinnovato impegno politico e intellettuale come occasione di rinascita civile”. Al Manifesto hanno aderito esponenti del mondo intellettuali come Alberto Ferlenga, Nadia Fusini, Giulio Giorello, Giacomo Marramao, Luca Ronconi, Roberta Torre, Gabriele Vacis e molti altri.

Volumi[modifica | modifica wikitesto]

  • II romanzo di Alessandro. Traduzione, introduzione, commento, Einaudi, 1990.
  • I Persiani di Eschilo. Traduzione, introduzione, commento, Feltrinelli, 1990.
  • I canti corali infraepisodici nella tragedia greca, Edizioni dell'Ateneo, 1991.
  • I Sette contro Tebe di Eschilo. Traduzione, introduzione, commento, Marsilio, 1995.
  • Metro, ritmo e parola nella tragedia greca, Argo, 1996.
  • Atene assoluta. Crizia dalla tragedia alla storia, Esedra, 1997.
  • Introduzione ad Aby Warburg e l’Atlante della memoria, a cura di M.C., Bruno Mondadori, 2002.
  • Eschilo. Tutte le tragedie. Traduzione, introduzione, commento, Meridiani Mondadori, 2003.
  • L'originale assente. Introduzione allo studio della tradizione classica, a cura di M.C., [Bruno Mondadori, 2005], Ronzani Editore, 2022.
  • Nemica a Ulisse, Bollati Boringhieri, 2007.
  • La nascita della politica. La Costituzione di Atene, Cafoscarina, 2011.
  • Fantasmi dell’antico: La tradizione classica nel Rinascimento, Guaraldi, 2017.
  • Il romanzo di Alessandro. Seguito da «Vita di Alessandro» di Plutarco, SE, 2018.
  • Temistocle. La città ingrata, (con Peppe Nanni), Ed. Corriere della Sera, 2019.
  • Duilio Cambellotti a Siracusa 1914-1948. Poetica e pratica teatrale, Lettera Ventidue, 2021.
  • Contro Ulisse. Un eroe sotto accusa, Salerno Editrice, 2021.
  • Warburg e il pensiero vivente, Ronzani Editore, 2022.
  • Aby Warburg and Living Thought, Ronzani Editore, 2022.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Monica Centanni, su iuav.it, Universita Iuav di Venezia. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  2. ^ Monica Centanni, su disum.unict.it, Università di Catania. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  3. ^ Sito ufficiale della rivista, su engramma.it, n. 174, engramma - la tradizione classica nella memoria occidentale. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  4. ^ Nominato consiglio di aministrazione della Fondazione Inda, in La Repubblica, 14 luglio 2002. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  5. ^ Ex neodestristi, accademici, situazionisti. I nuovi intellò di Fini, in Il Foglio, 10 ottobre 2010. URL consultato il 2 febbraio 2022.
  6. ^ Fdi: Bocchino vicepresidente, Menia coordinatore, e Urso portavoce, in Il Sole 24 ore, 13 febbraio 2011. URL consultato il 2 febbraio 2022.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN19766164 · ISNI (EN0000 0000 6123 1321 · SBN CFIV103321 · BAV 495/265207 · LCCN (ENn92024312 · GND (DE1103157256 · BNF (FRcb12415040s (data) · J9U (ENHE987007330509305171 · WorldCat Identities (ENlccn-n92024312