Giacomo Oreglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giacomo Oreglia (Mondovì, 1924Stoccolma, 12 novembre 2007) è stato uno scrittore, poeta e traduttore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi all'Università di Torino, si trasferì in Svezia nel 1949, grazie a una borsa di studio; nel Paese scandinavo fondò una casa editrice, l'Italica, attraverso la quale contribuì alla diffusione delle opere di vari autori italiani in Svezia.[1] In Svezia insegnò letteratura italiana e storia del teatro all'Istituto Italiano di Cultura e all'Università di Stoccolma; proprio l'ateneo della capitale svedese gli conferì una laurea honoris causa. Per la traduzione di Dikter (poesie) di Edfelt vinse il IX Premio Monselice per la traduzione letteraria (1979).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Curatele[modifica | modifica wikitesto]

  • Italienska utan språkstudier : med angivande av uttalet, Stoccolma, 1949 (con Karin Thomson)
  • Italienska berättare från Boccaccio till Moravia: en antologi, Stoccolma, Bonner, 1952
  • Italienska noveller, Stoccolma, Geber, 1961
  • Poesia svedese, Milano, Lerici, 1966
  • Dizionario tascabile Italiano-svedese, svedese-italiano, Stoccolma, Wahlström & Widstrand, 1992

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dante anarca e i suoi sei maestri, Pesaro, Pergola, 1990

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

In italiano[modifica | modifica wikitesto]

  • Pagine di prosa e poesia italiana dalle origini ai contemporanei, Stoccolma, Norstedt, 1952 (con Edvin Lagman)
  • Cinque ore in casa O'Neill, Torino, Industria Libraria Tipografica, 1956
  • La commedia dell'arte, Stoccolma, Sveriges radio, 1961
  • Ingmar Bergman: Sei film, Torino, Einaudi, 1979

In svedese[modifica | modifica wikitesto]

  • Dante Alighieri, Den gudomliga komedin, Stoccolma, 1966
  • Dante: liv, verk &samtid, Stoccolma, Carlosson, 1991
  • Roma brucia!, Stoccolma, Almlöf, 1997

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

In italiano[modifica | modifica wikitesto]

In svedese[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giacomo Oreglia tra Italia e Svezia, in Il Corriere della Sera, 13 novembre 2007, p. 51. (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN43169898