Andrea Molesini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Andrea Molesini (Venezia, 28 dicembre 1954) è uno scrittore, poeta, traduttore italiano, vincitore del premio Supercampiello del 2011[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Andrea Molesini vive a Venezia, dove è nato. Insegna Letterature comparate all'Università di Padova. Con il romanzo Non tutti i bastardi sono di Vienna (Sellerio 2010), in corso di traduzione nei paesi di lingua inglese, francese, tedesca, spagnola, olandese, norvegese, slovena, danese e ungherese, nel 2011 ha vinto il Premio Campiello, il Premio Comisso, il Premio Città di Cuneo Primo Romanzo, il Premio Latisana. Nel 1999 vinse il Premio Andersen alla carriera e nel 2008 il Premio Monselice per la Traduzione letteraria. Nel maggio 2013 Sellerio pubblica il suo secondo romanzo, La primavera del lupo, in corso di traduzione in francese e tedesco. Nel 2014, presso Sellerio esce Presagio. Grazie all'enorme successo di critica e ai riconoscimenti ottenuti con il romanzo "Non tutti i bastardi sono di Vienna", l'Autore è stato insignito, nel maggio 2013, della cittadinanza onoraria del Comune di Refrontolo (TV), ameno paese, adagiato sulle colline della Marca trevigiana, famoso per la produzione di vini e per la presenza del Molinetto della Croda, nei cui luoghi (in particolare nella Villa Spada) è ambientato il romanzo. Nel 2014 Vinarius (Associazione delle Enoteche Italiane) gli ha consegnato la targa del Premio Vinarius al Territorio conferito a Valdobbiadene Conegliano.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • Non tutti i bastardi sono di Vienna, Palermo, Sellerio Editore, 2010
  • La solitudine dell'assassino, Rizzoli, 2016
  • La primavera del lupo, Palermo, Sellerio Editore, 2013
  • Presagio, Palermo, Sellerio Editore, 2014
  • Le printemps du loup, Paris, Calmann-Lévy, 2014
  • Im Winter schläft man auch bei Wölfen, München, Piper, 2014
  • Nem minden mocsok bécsi, Budapest, Scolar, 2014
  • Villa Spada, Copenaghen, Gyldendal, 2014
  • Tous les salauds ne sont pas de Vienne, Paris, Le Livre de Poche, 2014
  • Zu lieben und zu sterben, München, Piper Taschenbuchausgabe, 2014
  • Niet alle smeerlappen komen uit Wenen, Amsterdam, Wereldbibliotheek, 2014
  • Niso vsi pankrti z Dunaja, Ljubljana, Mladinska Knjiga, 2013
  • Ikke alle drittsekker kommer fra Wien, Oslo, Pax, 2013
  • Tous les salauds ne sont pas de Vienne, Paris, Calmann-Lévy, 2013
  • Zu lieben und zu sterben, München, Piper, 2012
  • Entre enemigos, Barcelona, Lumen, 2011

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dal diario del tradurre, Bologna, In forma di parole, 2007.
  • Chi naviga, chi resta, Gorizia, Braitan, 2006
  • 39 poesie, Venezia, Cafoscarina, 2004
  • L'isola nera, Venezia, Supernova, 2000
  • Tarme d'estate, Milano, Mondadori, 1999
  • Forgetting to Question the Owl, Cittadella, Amadeus, 1998
  • Storie del ritorno, Cittadella, Amadeus, 1997

Narrativa per ragazzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Aquila Spenta, Milano, Mondadori, 2000
  • L'avventura di Ulisse, Milano, Mondadori, 1999
  • Tutto il tempo del mondo [ed. riveduta], Milano, Mondadori, 1998
  • Polvere innamorata, Milano, Mondadori, 1998
  • Finferli Caldi, Milano, Mondadori, 1997
  • Nonna Vudù e la congiura delle zie, Milano, Mondadori, 1994
  • Tutto il tempo del mondo, Milano, Mondadori, 1992
  • Il Matto e l'Ippopota, Milano, Mondadori, 1992
  • Aznif e la strega maldestra, Milano, Mondadori, 1991
  • All'ombra del lungo camino, Milano, Mondadori, 1990
  • Quando ai veneziani crebbe la coda, Milano, Mondadori, 1989
  • La casa delle cose rovesce, Roma, Edizioni di San Marco, 1987

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • L'occhio rapace. Interventi critici, Venezia, Cafoscarina, 2009
  • On That Invisible Line. Five Lectures, Venezia, Cafoscarina, 2006
  • Specchi & destini. Quaderno di recensioni, Venezia, Cafoscarina, 2004
  • Nero latte dell'alba. Libri che raccontano lo Sterminio, Milano, Mondadori, 2001
  • Manuale del giovane poeta, Milano, Mondadori, 1998
  • Nero latte dell'alba…, Milano, Mondadori, 1993

Curatela e Traduzione (con saggio critico)[modifica | modifica wikitesto]

Traduzioni dall'inglese[modifica | modifica wikitesto]

Traduzioni dal francese[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Premio Supercampiello (2011) per il libro Non tutti i bastardi sono di Vienna (Sellerio 2010).
  • Premio Comisso (2011).
  • Premio Città di Cuneo Primo Romanzo (2011).
  • Premio Latisana per il Nord-Est (2011).
  • Premio Andersen (1990) per il libro Quando ai veneziani crebbe la coda (Mondadori 1989).
  • Premio Andersen alla carriera (1999).
  • Premio Monselice per la traduzione letteraria (2008).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN63872459 · LCCN: (ENnr92024348 · SBN: IT\ICCU\CFIV\083236 · ISNI: (EN0000 0000 4974 2786 · BNF: (FRcb12991254k (data)