Giulia Caminito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giulia Caminito (Roma, 1988) è una scrittrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Roma nel 1988, è laureata in filosofia politica[1].

Ha esordito nella narrativa nel 2016 con il romanzo La grande A ascrivibile al genere coloniale africano e basato su vicende familiari[2] ricevendo numerosi riconoscimenti tra i quali il Premio Berto[3], il Premio Bagutta (sezione Opera Prima)[4] e il Premio Brancati (sezione Giovani)[5].

In seguito ha pubblicato la raccolta di racconti Guardavamo gli altri ballare il tango nel 2017, la fiaba La ballerina e il marinaio nel 2018 e il romanzo Un giorno verrà nel 2019[6].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura per l'infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giulia Caminito: il bar nel deserto, su letteratura.rai.it. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  2. ^ Nicola Villa, Giulia Caminito – La grande A, su lindiceonline.com, 1º maggio 2017. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  3. ^ Premio Berto, vince Giulia Caminito, su corriere.it, 9 luglio 2017. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  4. ^ Giulia Caminito vince il Premio Bagutta 2017 Opera prima con "La Grande A", su giunti.it. URL consultato l'8 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 9 febbraio 2019).
  5. ^ Enza Barbagallo, A Bartolo e Tilotta il premio Brancati Zafferana, su lasicilia.it, 30 settembre 2017. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  6. ^ Giulia Caminito: “Raccontare oggi gli anni della fede e dell’anarchia”, su illibraio.it, 8 febbraio 2019. URL consultato l'8 febbraio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN3286150749003416420005 · WorldCat Identities (EN3286150749003416420005