Valeria Parrella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Valeria Parrella (Torre del Greco, 20 gennaio 1974) è una scrittrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Torre del Greco, cresce a Nocera Inferiore[1] dove si diploma presso il Liceo Classico Giambattista Vico. Successivamente si laurea in Lettere Classiche all'Università di Napoli Federico II con una tesi in glottologia, diretta da Federico Albano Leoni. In seguito si specializza come interprete della Lingua Italiana dei Segni e ha lavorato all'E.N.S. di Napoli, dove vive.

È sposata con il regista Davide Iodice.

Il suo esordio narrativo avvenne nel 2003 con una raccolta di sei racconti intitolati Mosca più balena con la quale ha vinto il Premio Campiello Opera Prima.

Ha scritto diversi racconti presenti nelle antologia Pensa alla salute pubblicata da l'ancora del mediterraneo nel 2004, e nell'antologia La qualità dell'aria (minimumfax 2004). Nel 2005 con un'altra raccolta di racconti, Per grazia ricevuta (minimumfax), libro arrivato tra i cinque finalisti al Premio Strega dello stesso anno, vince il Premio Renato Fucini per la miglior raccolta di racconti. Nel 2007 inizia la sua attività teatrale pubblicando con l'Editore Bompiani Il Verdetto messo in scena da Cristina Donadio presso il Teatro Stabile di Napoli in uno spazio disegnato da Mario Martone.

Nel 2008 pubblica il suo primo romanzo, Lo spazio bianco, vincitore di numerosi premi, da cui nel 2009 è stato tratto l'omonimo film diretto da Francesca Comencini e interpretato da Margherita Buy, presentato alla 66ª Mostra del Cinema di Venezia, per il quale ha vinto il premio Tonino Guerra al Bif&st 2010 per il miglior soggetto.

Dal gennaio 2008 al dicembre 2010 è stata nel comitato di Direzione Artistica del Teatro Mercadante di Napoli, dal quale si è dimessa.

Nel 2009 esce il libro Ciao Maschio, che è diventato presto anche uno spettacolo teatrale.

Sempre nel 2009 esce il libro a sei mani Tre terzi, raccolta di tre brevi pieces teatrali, pubblicate dall'editore Einaudi e scritte dalla Parrella insieme a Diego de Silva e Antonio Pascale. Il suo testo si intitola "L'incognita 'Mah'" e mostra una cartomante trans-televisiva dalla vena tipicamente comica in un dialogo surreale con la moglie di un cliente passata a miglior vita.

Nel maggio del 2010 ha pubblicato per l'editore Rizzoli il romanzo Ma quale amore, per il quale nel 2011 vince il Premio letterario Giuseppe Tomasi di Lampedusa.

Nel settembre 2011 ha scritto il libretto Terra su musica di Luca Francesconi per il Teatro San Carlo con cui si aprì la stagione sinfonica del Massimo alla presenza del Presidente della Repubblica Italiana, in occasione delle celebrazioni per il 150simo anniversario della nascita della Repubblica.

Nell'ottobre 2011 pubblica per l'editore Einaudi il romanzo Lettera di dimissioni.

Nel settembre 2012 ha scritto Antigone, pubblicato da Einaudi, prodotto dal Teatro Stabile di Napoli.

I suoi libri sono tradotti in 9 lingue : spagnolo, francese, americano, ebraico, arabo, tedesco, serbo, ceco e svedese.

Nel 2013 ha vinto il Premio Le Maschere del Teatro italiano come Miglior autore di novità italiana per Antigone.

Collabora con La Repubblica e con l'Espresso. Dall'8 marzo del 2006 cura la rubrica di libri del settimanale Grazia.

Ha curato la riedizione italiana de Il fiume di Rumer Godden (ed. Bompiani), e ha prefato Bonjour Tristesse di Francoise Sagan ( ed. Longanesi) e Se hai bisogno, chiama di Raymond Carver (ed. Einaudi)

Nel 2014 nell'ambito del Premio Nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini” - VIII edizione, assegnata dal Comune di San Sebastiano al Vesuvio, ha vinto il Premio Letteratura per il suo ultimo romanzo "Tempo di imparare".

Impegno politico[modifica | modifica wikitesto]

In un'intervista rilasciata a Serena Dandini nella trasmissione di Rai 3 Parla con me del 4 novembre 2009 ha dichiarato di essere un'elettrice di Sinistra Critica.

Nel 2014 è stata candidata alle elezioni europee con la lista L'Altra Europa con Tsipras, ottenendo più di settemila preferenze. Ha scritto la prefazione del libroTsipras chi? di Matteo Pucciarelli e Giacomo Russo Spena, per Edizioni Alegre. Nel numero speciale di Io donna del 17 agosto 2014 si dichiara "comunista". Ha contribuito con gli articoli su Micromega, le interviste rilasciate in varie occasioni e gli stessi contenuti delle sue opere ( vedi: Antigone, Einaudi 2012) alla diffusione di un pensiero laicista e attento alle minoranze

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carla D'Alessio, Valeria Parrella, Una quasi ragazzina che scrive solo storie di donne, La Repubblica Napoli, 16/12/2007

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN95102902 · SBN: IT\ICCU\RMSV\066173 · ISNI: (EN0000 0000 6664 8003 · BNF: (FRcb15658364x (data)