Premio Flaiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Premio Flaiano
LuogoPescara, Italia
Anni1973 – oggi
Fondato daEdoardo Tiboni
OrganizzazioneAssociazione Culturale Ennio Flaiano
Sito ufficiale

Il premio Flaiano è un riconoscimento assegnato annualmente dal 1974 a personalità che si sono distinte in ambito letterario, cinematografico, teatrale, televisivo e radiofonico. Il premio, intitolato a Ennio Flaiano, fu istituito per volontà di Edoardo Tiboni ed è strutturato in una serie di concorsi, manifestazioni e rassegne che culminano nelle giornate estive o autunnali della consegna dei premi.

Il riconoscimento viene assegnato durante una cerimonia di premiazione che si svolge a Pescara presso il Teatro monumento Gabriele D'Annunzio o a Piazza della Rinascita. Il premio Flaiano è generalmente identificato come uno dei riconoscimenti più prestigiosi d'Italia e gode di una consolidata fama internazionale[1][2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il premio Flaiano fu istituito nel 1973 da Edoardo Tiboni, giornalista e fondatore della casa editrice Ediars, con sede a Pescara. Intitolato a Ennio Flaiano, il riconoscimento è strutturato sin dal suo concepimento in una serie di concorsi, manifestazioni e rassegne pertinenti a produzioni letterarie, cinematografiche, teatrali e televisive, riflettendo i diversi campi d'interesse e lavoro perseguiti dall'autore abruzzese[3].

In un periodo che vedeva Pescara divenire un centro di convergenza multiforme per la cultura italiana, nel 1973 vide la luce, per volere di Tiboni, la rivista culturale Oggi e domani, alla quale seguì, sei anni dopo, la fondazione del Centro Nazionale di Studi Dannunziani[4][5]. Quest'ultimo, insieme ad alcuni editori della rivista, cominciò a coordinare l'organizzazione dei Premi Internazionali Flaiano sotto la direzione dell'Associazione Culturale Ennio Flaiano. Tra i primi autori premiati figurano Beppe Recchia per la sezione cinematografica, Mario Pomilio per il teatro, Emma Giammattei e Renato Minore nell'ambito dei premi letterari.

Il premio Flaiano per la narrativa, rivolto alla letteratura contemporanea, italiana e straniera, fu istituito nel 1976. A pochi anni dalla loro istituzione, i premi della sezione letteraria diventarono un punto di riferimento per l'editoria italiana, tanto che Miroslav Holub, in seguito al premio per la poesia ricevuto nel 1997, dichiarò che il riconoscimento aveva svolto un ruolo decisivo affinché le sue opere, già tradotte e disponibili in 38 paesi, potessero essere pubblicate anche in Italia[6]. Tra gli autori premiati si annoverano José Saramago, Séamus Heaney, Derek Walcott, Alice Munro, Imre Kertész e Wole Soyinka, che successivamente ricevettero il Premio Nobel per la letteratura, e Hisham Matar, insignito del Premio Pulitzer[7].

Nel 2002, la sezione letteraria si arricchì del premio di italianistica, istituito dall'Associazione Culturale Ennio Flaiano in collaborazione con il Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale[8]. Il premio è rivolto a pubblicazioni di nazionalità estera aventi per tema argomenti di cultura italiana. La giuria letteraria dei premi assegna il riconoscimento ad una delle opere indicate dagli Istituti italiani di cultura all'estero, ciascuno dei quali può proporre una sola pubblicazione edita nel paese di competenza[8][9].

In occasione della sua 44ª edizione, il premio Flaiano viene insignito della Medaglia di Rappresentanza, un riconoscimento che viene attribuito dal Presidente della Repubblica Italiana a iniziative ritenute di particolare interesse culturale, scientifico, artistico o sociale. In seguito alla morte di Edoardo Tiboni, avvenuta nel dicembre 2017, Carla Tiboni viene nominata presidente dei premi e dell'Associazione Culturale Ennio Flaiano[10].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Premi Internazionali Flaiano di Letteratura, Cinema, Teatro, Televisione e Radio, Rai. URL consultato il 30 giugno 2018.
  2. ^ (EN) Jessica Lewis, Konrad Eisenbichler wins Italian Flaiano Prize for literature, University of Toronto, 3 luglio 2013. URL consultato il 30 giugno 2018.
  3. ^ Nico Garrone, Pegaso d'argento a Gassman, in la Repubblica, 2 agosto 1986. URL consultato il 28 giugno 2018.
  4. ^ Cinzia Rando e Guglielmo Martinello, Pescara e provincia, Milano, Touring Editore, 1998, ISBN 8836511929.
  5. ^ Premio Ennio Flaiano di Teatro e Cinematografia, in Oggi e domani, vol. 35, nº 7, Luglio 2008.
  6. ^ Breve storia di un premio molto ambito, Istituto Multimediale Scrittura e Immagine. URL consultato il 30 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2004).
  7. ^ Quando il Premio Flaiano rivelò Heaney all'Italia e anticipò il Nobel, in il Tempo, 30 agosto 2013. URL consultato il 30 giugno 2018.
  8. ^ a b 17º premio internazionale di italianistica, la cultura italiana nel mondo: Associazione Flaiano, su aise.it, 21 febbraio 2018. URL consultato il 30 giugno 2018.
  9. ^ Premi Flaiano, vincono Grossman, Choaki e Di Stefano, Adnkronos, 21 giugno 2004. URL consultato il 30 giugno 2018.
  10. ^ Fabio Lussoso, Pescara, Carla Tiboni Presidente dell’Associazione e dei Premi Flaiano, Rete8, 25 settembre 2017. URL consultato il 30 giugno 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2013000998 · GND (DE7850155-6