Gian Antonio Cibotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gian Antonio Cibotto (Rovigo, 8 maggio 1925Rovigo, 12 agosto 2017) è stato un giornalista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in una famiglia cattolica e antifascista[1], si laureò in giurisprudenza all'Università degli Studi di Padova. Negli anni Cinquanta si trasferì a Roma, dove approdò alla Rizzoli e alla Fiera letteraria di Vincenzo Cardarelli e Diego Fabbri e si dedicò principalmente al giornalismo e alla critica letteraria e teatrale (Resto del Carlino, Giornale d'Italia, Il Gazzettino e La Fiera Letteraria).[2] Appassionato di teatro, ha diretto per anni il Teatro stabile del Veneto Carlo Goldoni.[1]

Il suo debutto come narratore avvenne nel 1954, pubblicando per Neri Pozza Cronache dell'alluvione, un resoconto in forma di diario della tragica alluvione del Polesine del novembre 1951. Il Veneto, sua terra natia, ha rappresentato una costante all'interno della sua produzione narrativa.‬[3].

Dalla fine del 2018 l'opera omnia di Cibotto sarà ripubblicata dall'Editore La nave di Teseo.

Onorificenze e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— 14 gennaio 1998. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[4]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Cronache dell'alluvione, Venezia, Neri Pozza, 1954.
  • La coda del parroco, Firenze, Vallecchi, 1958.
  • Scano Boa, Milano, Rizzoli, 1961.
  • La rotta, Milano, Rizzoli, 1962.
  • La vaca mora, Firenze, Vallecchi, 1964.
  • Stramalora, Venezia, Marsilio, 1982.
  • Diario veneto, Venezia, Marsilio, 1985.
  • Veneto segreto, Venezia, Marsilio, 1987.
  • Veneto d'ombra, Venezia, Marsilio, 1989.
  • Un certo veneto, Venezia, Marsilio, 1991.
  • Amen. Versi in lingua e in dialetto, Venezia, Marsilio, 1998.
  • In paradiso con la carrozza, Venezia, Marsilio, 1999.
  • I giorni della merla, Venezia, Neri Pozza, 2000.
  • Il principe stanco, Venezia, Neri Pozza, 2002.
  • Bassa marea. Versi in lingua e in dialetto, Venezia, Marsilio, 2006.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ruozzi.
  2. ^ Giovanni Comisso, Vita nel tempo, Milano, Longanese, 1989.
  3. ^ Raffaele Crovi, Gian Antonio Cibotto, in ‪Storie di letteratura, storia, scienza, Firenze, Passigli, 2005, p. 144.
  4. ^ Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana Cibotto Sig. Giannantonio, quirinale.it. URL consultato il 12 agosto 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gino Ruozzi, Scrittore contropelo del delta padano, in Il Sole 24 ORE, 17 settembre 2017, p. 26.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN76329271 · ISNI (EN0000 0001 0916 996X · SBN IT\ICCU\CFIV\024851 · LCCN (ENn79058851 · GND (DE119364573 · BNF (FRcb120218636 (data) · BAV ADV10149197