Emma Giammattei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Emma Giammattei (Castellammare di Stabia, 18 marzo 1949) è un'accademica e critica letteraria italiana, professore emerito di Letteratura italiana presso l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa[1] di Napoli e docente di Storia della critica presso l’Istituto italiano per gli studi storici[2] fondato da Benedetto Croce.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formatasi nell'Università Federico II di Napoli, alla scuola di Salvatore Battaglia, ha lavorato principalmente intorno all'opera di Benedetto Croce, considerata innanzi tutto come testo, inaugurando la filologia dei testi crociani sollecitati attraverso strumenti ermeneutici di natura linguistico-retorica (Retorica e idealismo. Croce nel primo Novecento, Bologna 1987). Dopo questo volume, e dopo l'edizione del carteggio Croce-Prezzolini (Roma 1990), ha dedicato al critico e filosofo altri studi, tra i quali La Biblioteca e il Dragone. Croce, Gentile e la letteratura (Napoli 2001) e I dintorni di Croce. Tra figure e corrispondenze (Napoli 2009).

Ha studiato inoltre l'opera di Ennio Flaiano, di cui ha pubblicato per Rizzoli le prime edizioni postume (Diario degli errori, 1976; Un bel giorno di libertà. Scritti giornalistici, 1978; Lo spettatore addormentato, 1983); per questo suo lavoro ha vinto il Premio Flaiano per la narrativa nel 1976[3].

Con il libro dedicato alla storia e alla geografia della cultura meridionale, Il romanzo di Napoli. Storia e geografia letteraria nei secoli XIX e XX (seconda edizione accresciuta: Napoli, Guida, 2016), ha ottenuto nel 2004 il Premio Internazionale Calabria per la saggistica letteraria e il Premio Internazionale di Narrativa, Saggistica e Poesia edita "Antonio Sebastiani" (Il Minturno).

Nel libro La lingua laica. Una tradizione italiana (Venezia 2008) ha esplorato la tradizione del pensiero laico, da Cuoco a Cattaneo, da Leopardi a Croce, sostenendo l'ipotesi critica che esista uno stile del pensiero laico, riconoscibile non tanto nei contenuti concettuali  quanto nel carattere costante dell'enunciazione e dalle figure retorico-argomentative.

Nel 2011 ha curato, per la collana “La letteratura italiana. Storia e testi” dell’editore Ricciardi (ora Istituto dell’Enciclopedia italiana) l’edizione delle Opere di Giosuè Carducci, in due volumi (Prose e Poesie). Nella stessa collana ha pubblicato nel 2015, con G. Genovese, Il racconto italiano della Grande guerra. Narrazioni, corrispondenze, prose morali (1914-1921), che contiene in prima edizione integrale e commentata testi importanti, sebbene in taluni casi poco noti, della letteratura della Grande Guerra.

Ha curato per la collana “Voci” dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani il vol. Paesaggi. Una storia contemporanea (Roma, 2019).

È dal 2004 membro del Consiglio Scientifico dell'Istituto dell'Enciclopedia Italiana fondato da Giovanni Treccani, dal 2018 Consigliere della Fondazione Treccani Cultura, componente del Comitato scientifico per l'Edizione Nazionale delle opere di Benedetto Croce nominata dal Presidente della Repubblica, Socio Benemerito della Società napoletana di Storia Patria, Socio ordinario dell'Accademia Pontaniana, membro della giuria del Premio Viareggio.

Nel 2017 ha ottenuto il Premio «Maria Teresa Messori Roncaglia e Eugenio Mari» dell'Accademia nazionale dei Lincei, per la sua attività culturale e scientifica.[4]

Nel 2020 le è stata conferita l'onorificenza di Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica italiana, per meriti culturali e scientifici.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Solitudine del moralista (Napoli 1985) ISBN 88-207-1511-2
  • Retorica e idealismo. Croce nel primo Novecento (Bologna 1987) ISBN 88-15-01521-3
  • Carteggio B.Croce-G.Prezzolini (Roma 1990)
  • Benedetto Croce: Dalle memorie di un critico con un'aggiunta di lettere inedite a cura di Emma Giammattei. (Casa Editrice Fausto Fiorentino, Napoli, 1993. Edizione fuori commercio in 100 esemplari.)
  • La Biblioteca e il Dragone. Croce, Gentile e la letteratura (Napoli 2001)
  • Il romanzo di Napoli. Storia e geografia letteraria nei secoli XIX e XX (Napoli 2003)
  • La lingua laica. Una tradizione italiana (Venezia 2008)
  • I dintorni di Croce. Tra figure e corrispondenze (Napoli 2009)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN76342285 · ISNI (EN0000 0001 1675 0111 · SBN CFIV011807 · BAV 495/316830 · LCCN (ENn79071606 · BNE (ESXX4778191 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n79071606