Manuel Vázquez Montalbán

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Manuel Vázquez Montalbán ritira il Premio letterario "Racalmare Leonardo Sciascia – Città di Grotte" nel 1989 dalle mani di Vincenzo Consolo

Manuel Vázquez Montalbán (Barcellona, 14 luglio 1939Bangkok, 18 ottobre 2003) è stato uno scrittore, saggista, giornalista, poeta e gastronomo spagnolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio unico di una sarta e di un militante del PSUC (Partito Socialista Unificato di Catalogna), conosce il padre, detenuto in carcere, solo alla sua liberazione, quando aveva 5 anni. Anche lui più tardi militerà nello stesso partito, nel quale entrerà nel 1961 diventando poi membro del Comitato Centrale.

Si laurea in Filosofia e Lettere all'Università Autonoma di Barcellona e studia alla locale Scuola di giornalismo. In questo periodo conosce la sua futura moglie, la storica Anna Sallés Bonastre.

Nel 1962 un tribunale di guerra lo condanna a 3 anni di reclusione per aver partecipato ad attività della resistenza antifranchista, e viene così incarcerato nella prigione di Lerida dove scrive il suo primo libro, il saggio Informe sobre la información.

Dopo aver scontato la pena inizia la propria carriera giornalistica per la testata Triunfo, iniziando poi a collaborare a diverse pubblicazioni come Siglo XX, Tele/Xprés, Por Favor e successivamente anche con El País e Interviú, per i quali ha lavorato fino alla propria morte.

Nel 1966 nasce il suo unico figlio, Daniel Vázquez Sallés, che diventerà anch'egli scrittore e giornalista.

Nel 1967 pubblica la sua prima raccolta di poesia, Una educación sentimental, seguita da una seconda nel 1969 Movimientos sin éxito, che lo fa ricondurre al gruppo di poeti definiti novisimos. Nello stesso anno viene pubblicato anche il suo primo romanzo, Recordando a Dardé e alcuni racconti, prime prove della sua abilità narrativa. Nel 1972 fa la sua prima apparizione, nel romanzo sperimentale Ho ammazzato J. F. Kennedy, il detective privato Pepe Carvalho, protagonista di una serie di romanzi che porteranno Vázquez Montalbán a godere di un apprezzamento internazionale. La sua passione e le sue conoscenze culinarie entreranno, attraverso i suoi personaggi, a far parte in pianta stabile delle commedie umane narrate nelle sue opere, caratterizzandoli e rendendo comprensibili le sfumature delle loro personalità. Nel 1979 riceve il Premio Planeta per l'opera I mari del sud (El Mar Del Sur), che vede come protagonista proprio il detective Carvalho.

In Italia viene pubblicato per la prima volta nel 1980, quando l'editore Beppe Costa della Pellicanolibri Edizioni dà alle stampe il libro Manifesto subnormale, grazie anche all'apprezzamento che Leonardo Sciascia nutriva nei suoi confronti. Va ricordata anche l'amicizia che lo ha legato ad Andrea Camilleri che in suo onore chiamò il protagonista di tanti suoi celebri romanzi commissario Montalbano. In Italia le sue opere sono state tradotte per la massima parte dalla scrittrice Hado Lyria.

Si è dedicato poi anche ad altri romanzi di narrativa come Il pianista (1985) e Galíndez (1990) e ad altre opere di genere saggistico, poetico e storico. Fra queste va ricordata la biografia del Caudillo, Io, Franco, pubblicata nel 1992 e considerata un'opera di notevole spessore letterario e storico, Un polacco alla corte del Re Juan Carlos (1996) e La Aznarità (2003), profonda critica al governo di José María Aznar.

È anche stato autore di opere teatrali, tra le quali il libretto del musical in catalano Flor de nit, realizzato dalla compagnia Dagoll Dagom all'inizio degli anni Novanta. Tale opera è una delle poche che Vázquez-Montalbán realizzò in lingua catalana.

Tecnico della gastronomia e della tavola, ha raccolto in una serie di volumi scritti in lingua madre la summa gastronomica della cucina spagnola. Tra i vari saggi da lui scritti è da ricordare il saggio Contro i gourmet, in cui si delinea in modo critico la storia della gastronomia.

Nel 1995 ha ricevuto il Premio Nacional de las Letras Españolas come riconoscimento per tutta la propria opera.

Manuel Vázquez Montalbán muore il 18 ottobre del 2003 nell'aeroporto di Bangkok a causa di un infarto.

Nel 2006 è stato assegnato il primo Premio Carvalho, dedicato alla produzione letteraria di genere poliziesco.

Il 3 febbraio 2009 è stata inaugurata a Barcellona la piazza Manuel Vázquez Montalbán, che si trova tra la calle de Sant Rafael e la Rambla del Raval, vicino al luogo che dette i natali allo scrittore.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi e racconti con protagonista Pepe Carvalho[modifica | modifica wikitesto]

In Italia pubblicato da i canguri Feltrinelli 2005 ISBN 88-07701685

Della serie Carvalho fanno parte anche un volume di ricette:

ed altre opere di narrativa ancora inedite in Italia:

  • 1997 - Antes de que el milenio nos separe (monologo teatrale)

questo monologo è stato pubblicato nella raccolta "Carvalho indaga", edito Feltrinelli, ottobre 2016

Altre opere di narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • 1969 - Recordando a Dardé y otros relatos (il romanzo fu ripubblicato nel volume Tres novelas ejemplares mentre i racconti furono ripubblicati nel volume Pigmalión y otros relatos)
  • 1970 - Manifesto Subnormale (Manifiesto subnormal), edito in italiano per la prima volta da Pellicanolibri, 1980
  • 1974 - Happy end (poi ripubblicato in Escritos subnormales ed in Tres novelas ejemplares)
  • 1983 - Tres novelas ejemplares (oltre a Recordando a Dardé e Happy end, contiene il romanzo inedito La vida privada del doctor Betriu)
  • 1985 - Il pianista (El pianista)
  • 1986 - El matarife (ripubblicato poi in Pigmalión y otros relatos)
  • 1987 - Gli allegri ragazzi di Atzavara (Los alegres muchachos de Atzavara)
  • 1987 - Dallo spillo all'elefante (Pigmalión y otros relatos, oltre ai racconti già citati, ne contiene altri inediti)
  • 1988 - Quartetto (Cuarteto)
  • 1988 - Escritos subnormales (raccoglie Happy End, Guillermotta en el país de las Guillerminas, Cuestiones marxistas e Manifiesto subnormal)
  • 1990 - Galíndez (Galíndez)
  • 1992 - Io, Franco (Autobiografía del general Franco)
  • 1995 - Lo strangolatore (El estrangulador)
  • 1995 - Riflessioni di Robinson davanti a centoventi baccalà (Reflexiones de Robinsón ante un bacalao)
  • 1998 - Bolero o Sobre la recuperación de los barrios históricos en las ciudades con vocación postmoderna (all'interno della raccolta di racconti Barcelona, un dia)
  • 1998 - O Cesare o nulla (O César o nada)
  • 1998 - Lecciones de geografía e historia en un hogar de El Ferrol (Galicia). Otoño de 1898 (all'interno della raccolta di racconti Gentes del 98)
  • 1999 - Il signore dei Bonsai (El señor de los bonsáis)
  • 2000 - La Méditerranée invertébrée [Maison méditerranéenne des sciences de l'homme]. Traduzione italiana Mediterraneo invertebrato racconto in Rappresentare il Mediterraneo. Lo sguardo spagnolo [Mesogea (2002)]
  • 2002 - Erec e Enide (Erec y Enide)

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • 1963 - Informe sobre la Información
  • 1971 - Crónica sentimental de España
  • 1972 - Joan Manuel Serrat
  • 1972 - Cien años de deporte
  • 1972 - Política y deporte
  • 1973 - El libro gris de Televisión Española
  • 1973 - Las noticias y la información
  • 1973 - La vía chilena al golpe de estado
  • 1974 - La penetración americana en España
  • 1974 - Cien años de canción y Music Hall
  • 1974 - Lo mejor de Por Favor
  • 1975 - La Capilla Sixtina: del proceso de Burgos al espíritu de febrero
  • 1976 - 1975: el año del ¡Ay, Ay, Ay!
  • 1976 - ¿Qué es el Imperialismo?
  • 1977 - Diccionario del Franquismo
  • 1977 - Cómo liquidaron al franquismo en dieciséis meses y un día
  • 1977 - Imágenes y recuerdos. 1919-1930. La rebelión de las masas
  • 1977 - L'art del menjar a Catalunya (in catalano)
  • 1978 - Los demonios familiares de Franco
  • 1979 - La palabra libre en la ciudad libre
  • 1980 - Historia y comunicación social
  • 1980 - Las Cocinas de España: Cataluña; Extremadura; Galicia; Valencia
  • 1981 - Ricette immorali (Recetas inmorales) ISBN 978-88-07-88336-1
  • 1984 - Mis almuerzos con gente inquietante
  • 1985 - Diàlegs a Barcelona (in catalano)
  • 1985 - Crónica sentimental de la transición
  • 1985 - Contra los gourmets
  • 1986 - Tiempo para la mesa
  • 1987 - Barcelones (Barcelones)
  • 1988 - Rafael Ribó: l'optimisme de la raó (in catalano)
  • 1989 - L'esquerra necessària (in catalano)
  • 1989 - La Mosca della rivoluzione (Moscú de la revolución) ISBN 978-88-07-72032-1
  • 1991 - Veinticinco años, veinticinco anuarios: del apagón de Nueva York a la caída del muro de Berlín
  • 1991 - Gaugin (Gauguin)
  • 1991 - Barcelona, cap a on vas? Diàlegs per a una altra Barcelona (in catalano)
  • 1992 - La literatura y la construcción de la ciudad democrática
  • 1992 - Decàleg del culé (in catalano)
  • 1993 - Novela negra, novela política
  • 1994 - Felípicas (Sobre las miserias de la razón práctica)
  • 1994 - Ría de Bilbao: vulkanoren sutegia
  • 1994 - Pamphlet dal pianeta delle scimmie (Panfleto desde el planeta de los simios) ISBN 978-88-07-72157-1
  • 1995 - Pasionaria e i sette nani (Pasionaria y los siete enanitos)
  • 1995 - Les meves receptes de cuina catalana (in catalano)
  • 1995 - El poder
  • 1996 - Un polacco alla corte del Re Juan Carlos (Un polaco en la corte del rey Juan Carlos)
  • 1997 - Lo scriba seduto (El escriba sentado)
  • 1997 - Elogis desmesurats (in catalano)
  • 1998 - Calcio, una religione alla ricerca del suo Dio (pubblicato solo in Italia nel 1998)
  • 1998 - La literatura en la construcción de la ciudad democrática
  • 1998 - E Dio entrò all'Avana (Y Dios entró en La Habana)
  • 1999 - Marcos: il signore degli specchi (Marcos: el señor de los espejos)
  • 2003 - Il potere e la boria (La Aznaridad)
  • 2003 - Geometría y compasión
  • 2008 - Jack El Decorador

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1967 - Una educación sentimental
  • 1969 - Movimientos sin éxito
  • 1973 - Coplas a la muerte de mi tía Dianela
  • 1973 - A la sombra de las muchachas sin flor
  • 1982 - Praga
  • 1986 - Memoria y deseo. Poesía (1963 - 1983)
  • 1990 - Pero el viajero que huye
  • 1996 - Memoria y deseo. Poesía (1967 - 1990)
  • 1997 - Città (Ciudad)
  • 2001 - Ars amandi

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • 1992 - Flor de nit (libretto per opera di teatro musicale)

Omaggi[modifica | modifica wikitesto]

Lo scrittore Andrea Camilleri dà al proprio commissario il cognome Montalbano proprio per rendere omaggio a Vazquez Montalbán.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN95214151 · ISNI (EN0000 0001 2283 1604 · SBN CFIV015583 · ULAN (EN500218362 · LCCN (ENn79049309 · GND (DE119201259 · BNE (ESXX1005826 (data) · BNF (FRcb11927807k (data) · J9U (ENHE987007422653505171 · NDL (ENJA00459438 · WorldCat Identities (ENlccn-n79049309