Andrea Moro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrea Carlo Moro

Andrea Carlo Moro (Pavia, 24 luglio 1962) è un linguista, neuroscienziato, scrittore e accademico italiano.

È professore ordinario di linguistica generale presso la Scuola Universitaria Superiore (IUSS) di Pavia dove svolge il ruolo di rettore vicario.

È stato per un mandato triennale vicepresidente del Comitato Esperti per la Programmazione della Ricerca (CEPR) diretto dal Ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca Scientifica, nominato da Enrico Letta su proposta del ministro Carrozza e riconfermato dal ministro Giannini. È membro della Accademia dei Virtuosi al Pantheon e dell'Academia Europæa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato all'Università di Pavia in lettere classiche, studente Fulbright negli Stati Uniti, ha conseguito il dottorato di ricerca in Linguistica (VIII ciclo) presso il consorzio con sede amministrativa presso l'Università di Padova e il Diplôme d'études supérieures en théorie de la syntaxe et syntaxe comparative presso l’Université de Genève.

Alla Università Vita-Salute San Raffaele di Milano è stato tra i fondatori del Dipartimento di Scienze Cognitive nel 1993, membro del comitato ordinatore della facoltà di psicologia e di filosofia del nascente Ateneo e presidente del corso di laurea interfacoltà in neuroscienze cognitive fino al 2010, come risulta dagli atti ministeriali relativi alla fondazione dell'Ateneo.[1]

Ha fondato nel 2010 e diretto per sei anni il Centro di ricerca in Neuroscienze, Epistemologia e Sintassi Teorica NEtS (2010 - 2021) e il dottorato di ricerca in Neuroscienze Cognitive e Filosofia della Mente. È stato per un decennio ordinario presso l’Università Vita-Salute San Raffaele dopo essere stato associato presso l’Università di Bologna.

Il suo primo romanzo è Il segreto di Pietramala (La Nave di Teseo, 2018), giallo incentrato su una lingua misteriosa, grazie al quale ha vinto il premio Flaiano per la narrativa in occasione dei Premi Flaiano 2018.

Vive e lavora a Pavia.

Interessi scientifici[modifica | modifica wikitesto]

Studia la sintassi delle lingue umane; campo nel quale ha dato contributi per la teoria della struttura della frase, in particolare rispetto alla nozione di copula e di espletivo e per la teoria del movimento sintattico e di neurolinguistica, fornendo contributi nella ricerca dei fondamenti biologici della Grammatica universale prevalentemente individuando i correlati neuronali delle lingue impossibili e mostrando che mentre si pensano le parole le onde elettriche generate dai neuroni contengono informazioni sulla struttura sonora delle parole pensate.[2]

Nel primo ambito la sua tesi è che nelle frasi copulari, dove il predicato è costituito dalla stessa categoria del soggetto - ossia un sintagma nominale - la posizione preverbale, canonicamente occupata per tutti gli altri verbi dal soggetto di predicazione, può essere anche occupata dal predicato nominale. Per distinguere le due forme di frase, si usa dire che la prima è una "frase copulare canonica" e la seconda "una frase copulare inversa". In questo senso, la teoria proposta porta dati difficilmente compatibili con quello che Lepschy nella storia della linguistica del Novecento indica come uno dei contributi fondamentali della grammatica generativa, vale a dire l'identificazione configurazionale delle funzioni grammaticali[3][4][5]. Per quanto riguarda la teoria del movimento sintattico, la tesi fondamentale è che questo fenomeno sia da mettere in relazione con un procedimento di rottura di simmetria che altrimenti bloccherebbe la computazione della frase[6].

Nel secondo ambito di ricerca, svolto con gruppi diversi di neuropsicologi e neurobiologi, due sono stati i contributi: il primo, aver portato dati empirici conclusivi a favore dell'ipotesi che il formato della sintassi delle lingue umane non sia un fatto culturale, sociale o convenzionale, ma sia profondamente radicato nella struttura neurobiologica del cervello. Il metodo utilizzato che fa leva su tecniche di neuroimmagini come la risonanza magnetica funzionale[7], consiste nel verificare che grammatiche artificiali (in particolare sintassi artificiali) che non seguono le proprietà della grammatica universale di Noam Chomsky non attivano i circuiti neuropsicologici tipicamente attivati in compiti linguistici. Un secondo contributo consiste nell'aver mostrato che la negazione frasale è in grado di modulare un sistema fronto-parieto-temporale tipicamente coinvolto nell'interpretazione delle frasi d'azione (e nell'esecuzione delle corrispondenti azioni).[8]

In un terzo contributo Moro sviluppa il filone di ricerca sul legame tra cervello e linguaggio con metodi nuovi in collaborazione con neurochirurghi e ingegneri dell'Università di Pavia. Utilizzando la tecnica di chirurgia a paziente in stato di veglia è stata misurata l'attività dei neuroni di aree del linguaggio non deputati a compiti di decifrazione o produzione del suono. Il nucleo dell'esperimento è consistito nel confrontare l'attività della corteccia dei pazienti durante la lettura di frasi a voce alta e nella mente e si è visto che le due attività sono praticamente sovrapponibili, aprendo la strada alla lettura del contenuto di pensieri di tipo linguistico[9]. Un passo successivo alla scoperta dei correlati tra grammatica e attività elettrofisiologica del cevello, è stato compiuto nella progettazione di un esperimento condotto con la tecnica della A Stereoelectroencephalography (SEEG): sono stati misurate le diverse attività elettrofisiologiche della fascia high-gamma in relazione a sintagmi con lo stesso suono ma con significati diversi a seconda del contesto (come "la porta" in "Giovanni la porta domani" e "Ieri la porta era chiusa"). In sintesi, con questo esperimento si è potuto distinguere l'attività corticale specifica di due strutture sintattiche di base, sintagma nominale e sintagma verbale, eliminando completamente la rilevanza della informazione acustica che era identica nei due casi [10]

Opere selezionate dell'autore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) ORCID, andrea moro (0000-0002-6602-5871), su orcid.org. URL consultato il 29 giugno 2021.
  2. ^ (EN) The MIT Press, Impossible Languages | The MIT Press, su mitpress.mit.edu. URL consultato il 29 giugno 2021.
  3. ^ (EN) Problems of projection, in Lingua, vol. 130, 1º giugno 2013, pp. 33–49, DOI:10.1016/j.lingua.2012.12.003. URL consultato il 14 giugno 2021.
  4. ^ (EN) Richard S. Kayne, Why Are There No Directionality Parameters? (PDF), Proceedings of the 28th West Coast Conference on Formal Linguistics, Sommervillle, Mary Byram Washburn, Katherine McKinney-Bock, Erika Varis, Ann Sawyer, Barbara Tomaszewicz, 2011.
  5. ^ (EN) Marcel den Dikken, The Syntax of Predication, Predicate Inversion, and Copulas, su mitpress.mit.edu, The MIT Press, 29 giugno 2011. URL consultato il 14 giugno 2021 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2011).
  6. ^ (EN) Norvin Richards, Uttering Trees, in Linguistic Inquiry Monograph, vol. 56, The MIT press (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2010).
  7. ^ (EN) The Equilibrium of Human Syntax: Symmetries in the Brain, su Routledge & CRC Press. URL consultato il 14 giugno 2021.
  8. ^ (EN) Negation in the brain: Modulating action representations, in NeuroImage, vol. 43, n. 2, 1º novembre 2008, pp. 358–367, DOI:10.1016/j.neuroimage.2008.08.004. URL consultato il 29 giugno 2021.
  9. ^ (EN) Lorenzo Magrassi, Giuseppe Aromataris e Alessandro Cabrini, Sound representation in higher language areas during language generation, in Proceedings of the National Academy of Sciences, vol. 112, n. 6, 10 febbraio 2015, pp. 1868–1873, DOI:10.1073/pnas.1418162112. URL consultato il 14 giugno 2021.
  10. ^ Fiorenzo Artoni, Piergiorgio d'Orio, Eleonora Catricalà, Francesca Conca, Franco Bottoni, Veronica Pelliccia, Ivana Sartori, Giorgio Lo Russo, Stefano Cappa, Silvestro Micera e Andrea Moro, High gamma response tracks different syntactic structures in homophonous phrases, in Nature Scientific Reports, vol. 10, n. 1, 5 maggio 2020, p. 7537, Bibcode:2020NatSR..10.7537A, DOI:10.1038/s41598-020-64375-9, PMC 7200802, PMID 32372065.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Video di lezioni
Controllo di autoritàVIAF (EN51848128 · ISNI (EN0000 0001 0901 0887 · SBN IT\ICCU\CFIV\045001 · LCCN (ENn94056036 · ORCID (EN0000-0002-6602-5871 · GND (DE141950498 · BNF (FRcb13521623d (data) · NDL (ENJA031296576 · WorldCat Identities (ENlccn-n94056036