Tom Clancy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tom Clancy al Boston College nel novembre 1989

Thomas Leo "Tom" Clancy (Baltimora, 12 aprile 1947Baltimora, 1º ottobre 2013) è stato uno scrittore, sceneggiatore e autore di videogiochi statunitense, famoso soprattutto per i suoi romanzi di spionaggio. Si dice abbia inventato, assieme a Craig Thomas e a Michael Crichton, un nuovo genere letterario: il techno-thriller. Molti libri di Clancy hanno avuto un ampio successo di pubblico e hanno ispirato diversi film e videogiochi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Thomas Leo Clancy Jr. nacque a Baltimora (Maryland) il 12 aprile 1947 da una famiglia cattolica, secondo di tre figli di Thomas, un postino, e di Catherine Clancy, impiegata di un negozio di credito. Appassionato fin dalla giovinezza del mondo militare, ne ha tentato la carriera, che gli è stata preclusa a causa della sua forte miopia. Successivamente ha servito nel ROTC della Johns Hopkins University di Baltimora.

Nonostante già da giovane fosse molto dotato per la scrittura, ha iniziato a lavorare come assicuratore, finché a 29 anni non ascoltò la notizia di una fregata sovietica che in Svezia aveva tentato la diserzione, fatto che ha ispirato il suo primo libro: La grande fuga dell'Ottobre Rosso, pubblicato nel 1984, da cui successivamente è stato tratto il film Caccia a Ottobre Rosso.

Tom Clancy era sposato dal 1969 con Wanda Thomas King, una studentessa d'infermieristica con la quale ha avuto 4 figli: Michelle Bandy, Christine Blocksidge, Kathleen e Thomas Clancy III. Dopo il divorzio avvenuto nel gennaio 1999, Clancy ha in seguito sposato il 26 giugno 1999 la giornalista Alexandra Marie Llewellyn (che aveva conosciuto nel 1997), da cui ha avuto una figlia di nome Alexis.

Beneficiava dell'amicizia di molte importanti personalità, tra cui alcuni ex presidenti degli Stati Uniti. Gli analisti dell'esercito degli Stati Uniti mostrarono attenzione per i suoi pareri, offrendogli in cambio la possibilità di imbarcarsi su sottomarini, navi, elicotteri, aerei e altri mezzi militari. La sua passione per l'ambiente militare ha avuto sicuramente molta influenza nella sua vita. Egli possedeva infatti un fuoristrada Hummer e un carro armato M4 Sherman della seconda guerra mondiale, regalatogli dalla moglie per Natale. Possedeva inoltre un poligono personale sotterraneo, dove amava sparare con la sua pistola, una Beretta 92FS.

È deceduto a Baltimora il 1º ottobre 2013 all'età di 66 anni.[1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Le sue opere appartengono al genere del techno-thriller, caratterizzato dalla descrizione di avvenimenti di fantapolitica entrando nei particolari più tecnici.

I romanzi di Clancy vedono i protagonisti manovrare armi e tecnologie militari altamente innovative, dimostrando di conoscerne le caratteristiche e le modalità d'impiego ben prima che esse vengano divulgate pubblicamente.

Si spazia quindi dall'attribuire un ruolo fondamentale agli aerei stealth in Uragano Rosso (1986), quando l'USAF riconoscerà con reticenza l'esistenza del capostipite F117 solo due anni dopo, agli strumenti di comunicazione satellitare cifrati, dalle bombe intelligenti di Pericolo imminente, all'impiego di armi non letali e dei B-2 in Debito d'onore.

Clancy esibiva nei suoi romanzi anche un'ottima conoscenza della macchina amministrativa statunitense e delle tattiche militari sovietiche, particolarmente ai tempi della guerra fredda.

Il personaggio Jack Ryan[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Jack Ryan.

Jack Ryan (nome intero, Dr. John Patrick Ryan) è il personaggio irlandese-americano, il cui "cursus honorum" nell'amministrazione americana viene descritto in molti dei romanzi di Clancy.

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

I romanzi pubblicati a suo nome dal 2014 in poi sono ispirati dai suoi personaggi ma sono scritti interamente da altri autori.

Serie Jack Ryan[modifica | modifica wikitesto]

  1. La grande fuga dell'Ottobre Rosso, Milano, Rizzoli, 1986. ISBN 88-17-67275-0 (tit. or.: The Hunt for Red October, 1984).
  2. Attentato alla corte d'Inghilterra, Milano, Rizzoli, 1987. ISBN 88-17-67276-9 (tit. or.: Patriot Games, 1987)
  3. Il cardinale del Cremlino, Milano, Rizzoli, 1988. ISBN 88-17-67278-5 (tit. or. The Cardinal of the Kremlin, 1988)
  4. Pericolo imminente, Milano, Rizzoli, 1990. ISBN 88-17-67279-3 (tit. or. Clear and Present Danger, 1989)
  5. Paura senza limite, Milano, Rizzoli, 1991. ISBN 88-17-67285-8 (tit. or. The Sum of All Fears, 1991)
  6. Debito d'onore, Milano, Rizzoli, 1994. ISBN 88-17-67287-4. (tit. or.: Debt of Honor, 1994)
  7. Potere esecutivo, Milano, Rizzoli, 1997. ISBN 88-17-67123-1. (tit. or.: Executive Orders, 1996)
  8. La mossa del Drago, Milano, Rizzoli, 2000. ISBN 88-17-86546-X. (tit. or.: The Bear and the Dragon, 2000)
  9. Nome in codice Red Rabbit, Milano, Rizzoli, 2002. ISBN 88-17-87096-X.(tit. or.: Red Rabbit, 2002)
  10. Vivo o morto, con Grant Blackwood, Milano, Rizzoli, 2010. ISBN 978-88-17-03787-7. (tit. or.: Dead or Alive, 2010)
  11. Il giorno del falco, con Mark Greaney, Milano, Rizzoli, 2012. ISBN 978-88-17-05702-8. (tit. or.: Locked On, 2011)
  12. Scontro frontale con Mark Greaney, Milano, Rizzoli, 2014. ISBN 978-88-17-07244-1 (tit. or.: Threat Vector, con Mark Greaney, 2012)
  13. Command Authority, con Mark Greaney, Milano, Rizzoli, 2014. ISBN 978-03-99-16047-9 (tit. or.: Command Authority, 2013)
  14. Sfida totale, di Mark Greaney 2017 ISBN 978-88-17-09796-3 (tit. or.: Full Force And Effect, 2014)
  15. Comandante Supremo, di Mark Greaney 2016 ISBN 978-88-17-09119-0 (tit. or.: Commander in Chief, 2015)
  16. Clear shot: colpo mortale, di Mark Greaney 2018 ISBN 978-88-17-10500-2 (tit. or.: True Faith and Allegiance, 2016)
  17. Point of Contact, di Mike Maden 2017
  18. Power and Empire, di Marc Cameron 2017
  19. Line of Sight, di Mike Maden 2018
  20. Oath of Office, di Marc Cameron 2018

Romanzi senza Jack Ryan ma ambientati nel suo mondo[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi del Ryanverse in ordine cronologico[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Anno di pubblicazione Ordine cronologico
Senza rimorso 1993 1
Attentato alla corte d'Inghilterra 1987 2
Nome in codice Red Rabbit 2002 3
La grande fuga dell'Ottobre Rosso 1984 4
Il cardinale del Cremlino 1988 5
Pericolo imminente 1989 6
Paura senza limite 1991 7
Debito d'onore 1994 8
Potere esecutivo 1996 9
Rainbow Six 1998 10
La mossa del Drago 2000 11
I denti della tigre 2003 12
Vivo o morto 2010 13
Il giorno del falco 2011 14
Scontro frontale 2012 15
Command Authority 2013 16
Support and Defend 2014 17
Sfida totale 2014 18
Under fire 2015 19
Comandante supremo 2015 20
Duty and honor 2015 21
Clear shot: colpo mortale 2016 22
Point of contact 2017 23
Power and empire 2017 24
Line of sight 2018 25
Oath of office 2018 26

Altri romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Ideati e scritti con altri autori[modifica | modifica wikitesto]

Clancy fu anche coautore di diversi romanzi, raggruppati nei seguenti cicli:

Op-Center
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Op-Center.
  1. 1995 - Op-Center
  2. 1995 - Parallelo Russia
  3. 1996 - Giochi di Stato
  4. 1996 - Atti di guerra
  5. 1998 - Equilibri di potere
  6. 1999 - Stato d'assedio
  7. 2000 - Presa di potere
  8. 2001 - Linea di controllo
  9. 2002 - Mission of Honor (inedito in italiano)
  10. 2003 - Sea of Fire (inedito in italiano)
  11. 2004 - Call to Treason (inedito in italiano)
  12. 2005 - War of Eagles (inedito in italiano)
Net-Force
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Net Force.
  1. 1999 - Net Force (unico tradotto in italiano)
  2. 1999 - Hidden Agendas
  3. 1999 - Night Moves
  4. 2000 - Breaking Point
  5. 2001 - Point of Impact
  6. 2001 - CyberNation
  7. 2003 - State of War
  8. 2003 - Changing of the Guard
  9. 2005 - Springboard
  10. 2006 - The Archimedes Effect
Net-Force Explorer
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Net Force § Net Force Explorers.
  1. 1998 - Vandali virtuali
  2. 1999 - Wargame mortale
  3. 1999 - La solitudine del numero uno
  4. 1999 - Battaglia nel cyberspazio
  5. 1999 - Furto nella rete
  6. 1999 - La cyber-spia
  7. 2000 - Sfida di astronavi
  8. 2000 - L'ombra dell'eroe (ultimo tradotto in italiano)
  9. 2000 - Private Lives
  10. 2000 - Safe House
  11. 2000 - GamePrey
  12. 2000 - Duel Identity
  13. 2000 - Deathworld
  14. 2001 - High Wire
  15. 2001 - Cold Case
  16. 2001 - Runaways
  17. 2002 - Cloak and Dagger
  18. 2002 - Death Match
Giochi di potere
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Giochi di potere (romanzi).
  1. 1997 - Politika
  2. 1998 - L'avversario
  3. 1999 - Progetto Orion
  4. 2000 - B-virus (ultimo tradotto in italiano)
  5. 2001 - Cold War
  6. 2002 - Cutting Edge
  7. 2003 - Zero Hour
  8. 2004 - Wild Card
Tom Clancy's Splinter Cell
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Splinter Cell.
  1. 2004 - I signori del fuoco
  2. 2005 - Barracuda
  3. 2006 - Il gioco di Fisher
  4. 2007 - Polonio 210
  5. 2009 - L'infiltrato
  6. 2010 - End Game (non tradotto in italiano)
Ghost Recon
  1. 2008 - Ghost Recon di David Michaels, (unico tradotto in italiano)
  2. 2011 - Combat Ops di David Michaels
  3. 2012 - Choke Point di Peter Telep
  4. 2017 - Wildlands: Dark Water di Richard Dansky
EndWar
  1. 2008 - EndWar di David Michaels, (unico tradotto in italiano)
  2. 2011 - The Hunted di Grant Blackwood, con pseudonimo di David Michaels
  3. 2013 - The Missing di Peter Telep
Altro

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

Tom Clancy scrisse numerosi saggi di divulgazione su tematiche militari, in particolare sulle forze armate statunitensi e sulla prima guerra del Golfo:

Guided Tour
Study in Command

Sceneggiatura di videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Tom Clancy curò anche la sceneggiatura di alcuni videogiochi, sviluppati dalla Ubisoft. Dato il loro successo, nel 2008 Ubisoft ha acquisito da Tom Clancy i diritti di uso esclusivo del suo nome per lo sviluppo di videogiochi.[2]

Serie di Rainbow Six[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Rainbow Six (serie).

Serie di Ghost Recon[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ghost Recon.

Serie di Splinter Cell[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Splinter Cell.

Serie di H.A.W.X[modifica | modifica wikitesto]

Altri videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Film tratti da suoi libri[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ È morto Tom Clancy, guru del techno-thriller, Repubblica.it, 2 ottobre 2013. URL consultato il 2 ottobre 2013.
  2. ^ Ubisoft: diritti sul nome Tom Clancy e MMOG, Hardware Upgrade, 25 marzo 2008. URL consultato il 25 marzo 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN108842694 · ISNI (EN0000 0001 2284 0156 · SBN IT\ICCU\CFIV\047840 · LCCN (ENn84030721 · GND (DE119419610 · BNF (FRcb120510043 (data)