Aurelio Picca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Aurelio Picca (Velletri, 1957 ...) è un poeta e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Scrittore e poeta, Aurelio Picca esordisce nel 1990 con la raccolta di poesia Per punizione (Rotundo); nel 1992 è invece pubblicata la raccolta di racconti La schiuma (Gremese).

In seguito, ha pubblicato L'esame di maturità (Giunti, 1995), ristampato da Rizzoli nel 2001; I racconti dell'eternità (1995); I mulatti (Giunti, 1996); il romanzo Tuttestelle (Rizzoli, 1998), Premio Alberto Moravia, Superpremio Grinzate Cavour e finalista al Premio Viareggio; Bellissima (Rizzoli, 1999); Sacrocuore (Rizzoli, 2003); Via Volta della morte (Rizzoli, 2006); il poemetto civile L'Italia è morta, io sono l'Italia, edito per la prima volta nel 2007 e riproposto da Bompiani nel 2011; Se la fortuna è nostra (Rizzoli, 2011), Premi Hemingway e Flaviano; Addio (Bompiani, 2012); Un giorno di gioia (Bompiani, 2014); Capelli di stoppia. Mia sorella Maria Goretti (San Paolo, 2016).

Aurelio Picca è anche giornalista pubblicista: ha collaborato e collabora, tra gli altri, con la Repubblica, il Giornale, Max, Nuovi Argomenti, Corriere della Sera, Il Messaggero, Io donna.

Inoltre è video maker: Elogio delle Torri e Palio del bianco; Roma tanta poca; Asilo infantile, intervista a Edward Bunker.

Controllo di autorità VIAF: (EN21397807 · LCCN: (ENn96001214 · SBN: IT\ICCU\CFIV\111942 · ISNI: (EN0000 0001 2022 1474 · BNF: (FRcb16518537q (data)