Rosa Matteucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rosa Matteucci

Rosa Matteucci (Orvieto, 1960) è una scrittrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il suo romanzo d'esordio è Lourdes, pubblicato nel 1998, vincitore nel 1999 del Premio Bagutta nella sezione Opera Prima, e del Premio Grinzane Cavour nella sezione Giovane Autore Esordiente.

Nel 2003 pubblica il romanzo Libera la Karenina che è in te, finalista al Premio Viareggio.[1]

Nel 2007 esce Cuore di mamma, vincitore del Premio Grinzane Cavour nella sezione Narrativa Italiana e del Premio Napoli[2] .

Nel 2008 pubblica India per signorine, un romanzo sull'esperienza indiana della scrittrice.

Nel 2010 pubblica il romanzo Tutta mio padre col quale è finalista del Premio Strega e vince il Premio Brancati.[3]

Nel 2012 pubblica il romanzo Le donne perdonano tutto tranne il silenzio.

Nel 2016 pubblica il romanzo Costellazione familiare,[4] "un teatrino degli affetti al tempo stesso struggente e grottesco, dove allo strazio si alterna continuamente il riso".[5]

Ha recitato nei film Mi piace lavorare (Mobbing) (2004), diretto da Francesca Comencini, e La tigre e la neve (2005), diretto da Roberto Benigni.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Lourdes, Adelphi, Milano, 1998
  • Libera la Karenina che è in te, Adelphi, Milano, 2003
  • Cuore di mamma, Adelphi, Milano, 2006
  • India per signorine, Rizzoli, Milano, 2008
  • Tutta mio padre, Bompiani, Milano, 2010
  • Le donne perdonano tutto tranne il silenzio, Giunti, Milano, 2012
  • Costellazione familiare, Adelphi, Milano, 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wanda Lattes, La cinquina del Viareggio: Montesano in pole position, Corriere della sera, 11 luglio 2003.
  2. ^ edizioni 2007-2011, su premionapoli.it. URL consultato il 22 agosto 2019.
  3. ^ Albo d'oro premio Brancati, su comune.zafferana-etnea.ct.it. URL consultato il 14 ottobre 2019.
  4. ^ Rosa Matteucci: «Ecco la mia costellazione familiare», in mentelocale, 22 aprile 2016.
  5. ^ Costellazione familiare | Rosa Matteucci, su adelphi.it. URL consultato il 4 agosto 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN78105485 · ISNI (EN0000 0001 1771 6193 · SBN IT\ICCU\RAVV\106149 · LCCN (ENn99008820 · BNF (FRcb14401592h (data) · WorldCat Identities (ENn99-008820