Davide Ferrario (regista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Davide Ferrario (2009)

Davide Ferrario (Casalmaggiore, 26 giugno 1956) è un regista, sceneggiatore e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Casalmaggiore, in provincia di Cremona, il 26 giugno del 1956. Prima di passare dietro la macchina da presa scrive su Cineforum, allestisce rassegne cinematografiche in varie città d'Italia e pubblica una monografia su Rainer Werner Fassbinder (Edizioni Il Castoro, 1984). Nel 1985 interpreta una parte nel film di John Sayles Matewan.

Comincia la propria attività di regista nel 1987 con il cortometraggio Non date da mangiare agli animali, e nel 1989 dirige il suo primo lungometraggio, La fine della notte.

Per Daniele Segre scrive le sceneggiature di Occhi che videro (1989) e Manila Paloma Blanca (1992).

Nel 1991 dirige il documentario Lontano da Roma sulla Lega Nord, trasmesso dalla Rai, e nel 1995 produce e realizza assieme a Guido Chiesa il documentario Materiale resistente.

Nel 2005 il suo lungometraggio Dopo mezzanotte (interamente realizzato in digitale all'interno del Museo Nazionale del Cinema di Torino) ottiene tre nomine al premio David di Donatello 2005. Davide Ferrario è dichiaratamente ateo (cfr. intervista 01/04/2009 in "Cinecittà News": "La mia Passione, da ateo e sereno").

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Regista e sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Dissolvenza al nero (1995)
  • Sangue mio (2010)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN227069676 · ISNI: (EN0000 0001 2127 7875 · SBN: IT\ICCU\CFIV\003372 · LCCN: (ENn82233227 · GND: (DE120150239 · BNF: (FRcb144080052 (data)