Anna Negri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anna Negri

Anna Negri (Venezia, 9 dicembre 1964) è una regista e sceneggiatrice italiana, che lavora in ambito cinematografico e televisivo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Poco più che maggiorenne si trasferisce a Parigi, dove inizia la sua gavetta come assistente alla regia; successivamente si trasferisce nei Paesi Bassi dove studia presso l'Accademia delle Belle Arti di Groninga. La sua formazione europea continua a Londra, dove si laurea in cinema al London College of Printing e ottiene un Master presso il Royal College of Arts. Durante quel periodo realizza diversi cortometraggi e documentari.

Tornata in Italia, debutta alla regia con il film In principio erano le mutande, tratto da un romanzo di Rossana Campo, una commedia presentata al Festival di Berlino nella sezione Forum.[1]

Negli anni seguenti lavora per la televisione, dirigendo qualche episodio della soap opera Un posto al sole e i film TV L'altra donna e La doppia vita di Natalia Blum. In merito a La doppia vita di Natalia Blum, che apre su Rai 2 la seconda serie di Crimini[2], dichiara: «La serie ha fatto emergere giovani registi e sarebbe bello che ci fosse uno svecchiamento nella televisione, un'operazione come questa dimostra che si possono osare linguaggi nuovi: è tutto possibile volendo».[3]

Nel 2008 dirige Riprendimi, un mockumentary distribuito da Medusa Film. Riprendimi viene presentato al Sundance Film Festival e candidato al premio della giuria. Nel 2009 esce con Feltrinelli il suo libro autobiografico Con un piede impigliato nella storia, in cui racconta le vicende della sua famiglia dal 1968 al 1983, strettamente connesse alle vicissitudini politiche e giudiziarie del padre il filosofo marxista Toni Negri, fondatore e militante delle organizzazioni politiche extraparlamentarie Potere Operaio ed Autonomia Operaia, e della sua prima consorte Paola Meo.

Nel 2018 dirige con Andrea De Sica la serie televisiva italiana Baby, distribuita da Netflix.[4]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Anna Negri, Karlovy Vary IFF (2008)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Biagio Coscia, La figlia regista di Toni Negri "Non mi vergogno di girare soap", archiviostorico.corriere.it, 30 gennaio 1999, p. 31. URL consultato il 23 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2015).
  2. ^ C.Pi., La nuova serie di «Crimini», otto film per un viaggio «noir» in Italia., in il manifesto.
  3. ^ Silvia Fumarola, Bari in giallo, fra serial killer e prostitute, in la Repubblica, 30 marzo 2010.
  4. ^ 'Baby', le prime immagini della nuova serie italiana originale Netflix, su Rolling Stone Italia, 20 agosto 2018. URL consultato il 27 settembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN86308513 · ISNI (EN0000 0000 5901 2250 · LCCN (ENno2009048560 · GND (DE1089498551 · WorldCat Identities (ENlccn-no2009048560