Marco Belpoliti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marco Belpoliti (Reggio nell'Emilia, 1954) è uno scrittore e critico letterario italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Marco Belpoliti si laurea presso la Facoltà di Lettere e filosofia dell'Università di Bologna nel 1978, discutendo una tesi in Semiotica con Umberto Eco. Insegna Sociologia della letteratura e Letteratura italiana presso l'Università di Bergamo.

Nel 1981 ha fondato, insieme ad altri, la rivista In forma di parole e la casa editrice Elitropia. Ha collaborato a Nuovi Argomenti durante gli anni ottanta. Dal 1981 collabora stabilmente alle pagine culturali del quotidiano il manifesto, e in particolare all'inserto Alias.

Dal 1991 è condirettore della rivista Riga, edita da Marcos y Marcos, dove ha curato tra gli altri numeri dedicati a Antonio Delfini, Italo Calvino, Primo Levi, Alberto Arbasino, Alberto Giacometti, Saul Steinberg, Giorgio Manganelli, Piero Camporesi, Gianni Celati e Furio Jesi.

Dal 1998 collabora alle pagine culturali del quotidiano La Stampa. Dal 2000 collabora al settimanale L'espresso con una rubrica di recensioni librarie.

Nel 1997 ha curato l'edizione critica delle Opere di Primo Levi uscite presso Einaudi, e successivamente, dello stesso autore, una serie di volumi: Conversazioni e interviste 1963-1987; L'ultimo Natale di guerra (racconti sparsi e ritrovati); L'asimmetria e la vita 1955-87 (raccolta di articoli comparsi su giornali e riviste); Tutti i racconti. Nel 1998 ha pubblicato un volume dedicato a Primo Levi presso l'editore Bruno Mondadori, dove ha diretto una collana di monografie dedicate a scrittori.

Ha introdotto opere di Enzo Fabbrini, Massimo Antonaci, Gianluigi Ricuperati, Marshall McLuhan, Vladimir Nabokov, Giorgio Manganelli (Mammifero italiano), Antonio Mottolese, Rosanna Bianchi Piccoli, Giuliano Della Casa, Cicerone e altri; e ha collaborato alla sceneggiatura di un film di Davide Ferrario sul ritorno di Levi a casa (La strada di Levi).

Fondatore e direttore editoriale con Stefano Chiodi del sito culturale "Doppio Zero". Da novembre 2012 a marzo 2013 ha realizzato un progetto da lui ideato sulle fiabe italiane (#00fiabit) sul canale twitter di doppiozero dedicato alla narrazione seriale (@00SerialTw): ha disegnato le 100 fiabe italiane (le stesse riprese anche da Italo Calvino) e le ha riscritte ogni giorno per 100 giorni in 140 caratteri.

Collabora a La Repubblica da maggio 2016.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Curatele[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN113260538 · ISNI: (EN0000 0001 2148 1745 · SBN: IT\ICCU\CFIV\007264 · LCCN: (ENnr91033475 · GND: (DE121438872 · BNF: (FRcb12163556k (data)