Guanda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guanda
Stato Italia Italia
Fondazione 1932 a Modena
Fondata da Ugo Guandalini
Sede principale Milano
Gruppo Gruppo editoriale Mauri Spagnol S.p.A.
Persone chiave
  • Luigi Brioschi - direttore
  • Marco Tarò - Amministratore Delegato
Settore Editoria
Prodotti
  • poesia
  • letteratura contemporanea
Sito web

Guanda è una casa editrice italiana che prende il nome da Ugo Guandalini (1905-1971), l'intellettuale che la fondò a Modena nel 1932[1] con l'amico Antonio Delfini. Su proposta del pittore Carlo Mattioli, Guandalini adottò come simbolo della casa editrice la fenice. Nel 1936 trasferì la sede a Parma.

Guanda è da sempre specializzata nella poesia e nella letteratura contemporanea.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte del fondatore (avvenuta nel 1971), la casa editrice vive momenti di difficoltà. Negli anni Ottanta la svolta: il marchio viene rilevato dalla Longanesi e la sede trasferita a Milano.
Dal 1986 è diretta da Luigi Brioschi.

Dal 2005 Guanda è parte del "Gruppo editoriale Mauri Spagnol S.p.A." (G.E.M.S.) assieme a Corbaccio, Garzanti, Longanesi, Nord, Ponte alle Grazie, Salani, TEA, Vallardi, Superpocket.

[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli autori pubblicati: Mario Luzi, Charles Bukowski, Dario Fo, Luis Sepúlveda, Gonçalo M. Tavares, Paola Mastrocola, Arundhati Roy, Roddy Doyle, Ernst Jünger, Irvine Welsh, Valerio Magrelli, Nick Hornby, Javier Cercas, Marco Vichi, Gianni Biondillo, Marco Missiroli, Emiliano Gucci, Gianluca Morozzi, Ian Fleming, Jonathan Safran Foer e Matteo Righetto, Arnaldur Indriðason.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Guanda, treccani.it. URL consultato l'8 maggio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]