Paola Mastrocola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Paola Mastrocola (Torino, 1956) è una scrittrice e insegnante italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureata in Lettere, dopo un periodo come professoressa di italiano all'Università di Uppsala, ha insegnato lettere presso il liceo scientifico (con sezione linguistica e classica) 'Augusto Monti' di Chieri (Torino). Svolge anche un'intensa attività di scrittrice, inizialmente di libri per ragazzi, poi soprattutto di romanzi. La sensibilità educativa e l'esperienza didattica si traducono in situazioni narrative nelle quali il riferimento, spesso graffiante, alla realtà della scuola italiana di questi ultimi anni si accosta ad aspetti volutamente antirealistici. Il mondo della scuola che descrive nei suoi libri lo conosce quindi da vicino, poiché lo vive in prima persona quotidianamente

Si è resa nota al grande pubblico con il suo primo romanzo, La gallina volante, grazie al quale ha vinto diversi premi letterari. Con Palline di pane è stata finalista al Premio Strega nel 2001 e con Una barca nel bosco si è aggiudicata il Premio Campiello nel 2004. Nello stesso anno viene pubblicato il saggio La scuola raccontata al mio cane.

Nel 2005 viene pubblicato il romanzo Che animale sei? - Storia di una pennuta seguito nel 2007 dal romanzo Più lontana della luna. Nel 2011 viene pubblicato un suo saggio sulla situazione scolastica italiana, Togliamo il disturbo. Nel 2013 viene pubblicato Non so niente di te, romanzo.

Nel 2015 torna ai temi della scuola con il saggio La passione ribelle, edito da Laterza.

È sposata con il sociologo e saggista Luca Ricolfi.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Con La gallina volante ha vinto il Premio Italo Calvino per l'inedito nel 1999, il Premio Selezione Campiello nel 2000, e nel 2001 il Premio Rapallo Carige per la donna scrittrice e la XV edizione del Premio Letterario Chianti (Sezione Opera Prima)[1].

Nel 2001 l'autrice risultò finalista al Premio Strega con Palline di pane. Nel 2004 ha vinto il premio Campiello con il libro Una barca nel bosco. Nel 2010 ha vinto il premio Camaiore per la poesia con il libro La felicità del galleggiante.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • La forma vera. Petrarca e un'idea di poesia, Bari, Laterza, 1991.
  • La fucina di quale dio, Torino, Genesi, 1991.
  • Le frecce d'oro. Miti greci dell'amore, Torino, SEI, 1994.
  • L'altro sguardo. Antologia delle poetesse del Novecento, a cura di e con Guido Davico Bonino, Milano, A. Mondadori, 1996.
  • Nimica fortuna. Edipo e Antigone nella tragedia italiana del Cinquecento, Torino, Tirrenia Stampatori, 1996.
  • L'idea del tragico. Teorie della tragedia nel Cinquecento, Soveria Mannelli, Rubbettino, 1998.
  • E se divento grande. Storia del giovane Agostino, Torino, SEI, 1999.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Albo d'oro nel sito ufficiale del Premio Letterario Chianti

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN79135001 · SBN: IT\ICCU\CFIV\109770 · BNF: (FRcb12947523j (data)