Gay Talese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gay Talese

Gay Talese (Ocean City, 7 febbraio 1932) è uno scrittore statunitense di origini italiane.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Joseph Telese, sarto emigrato da Maida, Catanzaro e Catherine De Paolo di Brooklyn, New York. La sua famiglia gestiva un negozio di abiti da donna a Ocean City, cittadina sulla costa atlantica. Talese ha scritto la storia della sua famiglia e del paese paterno nel romanzo Unto the sons (Ai figli dei figli) del 1992.

Talese si è laureato all'Università dell'Alabama nel 1953, iniziando poi a lavorare come fattorino per il New York Times (dal 1953 al 1965) per poi passare al mensile Esquire. Con i suoi articoli è stato tra i precursori del nuovo modo di fare giornalismo conosciuto poi come "New Journalism". I suoi pezzi più famosi sono relativi a icone statunitensi come il cantante Frank Sinatra e il giocatore di Baseball Joe DiMaggio.

In Honor thy father (Onora il padre) del 1971 Talese descrive l'ascesa e il declino del boss mafioso Joseph Bonanno.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • New York: A Serendipiter's Journey, 1961.
  • The Bridge: The Building of the Verrazzano-Narrows Bridge, 1964. [saggio]
  • The Overreachers, 1965. [reportages]
  • The Kingdom and the Power, 1969. [saggio sul New York Times]
  • Fame and Oscurity, 1970. [reportages]
  • Onora il padre (Honor Thy Father, 1971), traduzione di Clemente Fusero, Milano, Dall'Oglio, 1972. - Corbaccio, 1992; TEA, 1994; BUR, 2011-2017. Premio Nazionale Rhegium Julii per la narrativa[1]
  • La donna d'altri (Thy Neighbor's Wife, 1981), traduzione di Francesco Saba Sardi, Milano, Mondadori, 1981. - Postfazione di Walter Siti, Collana Scrittori contemporanei, BUR, 2012-2017.
  • Ai figli dei figli (Unto the Sons, 1992), traduzione di Alessandra Cremonese Cambieri, Milano, Rizzoli, 1992, ISBN 88-17-84195-1. - BUR, 1996. [memoir]
  • Writing Creative Nonfiction: The Literature of Reality, with Barbara Lounsberry, 1995.
  • Origins of a Nonfiction Writer, 1996. [saggio]
  • Frank Sinatra ha il raffreddore. Ritratti e incontri (The Gay Talese Reader: Portraits and Encounters, 2003), traduzione di Chiara Gabutti, Collana Scrittori contemporanei, Milano, BUR, 2010-2017, ISBN 978-88-17-04586-5.
  • A Writer's Life, 2006. [memoir]
  • The Silent Season of a Hero: The Sports Writing of Gay Talese, 2010.
  • A spasso con il mio sigaro e altri racconti, Milano, Il Sole 24 Ore, 2012.
  • Motel Voyeur (The Voyeur's Motel, 2016), traduzione di Francesco Pacifico, Collana Scala stranieri, Milano, Rizzoli, 2017, ISBN 978-88-17-09221-0.[2]

Articoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Albo d'oro, su circolorhegiumjulii.wordpress.com. URL consultato il 12 maggio 2019.
  2. ^ "Il controverso articolo di Gay Talese su un voyeur e un omicidio", Il Post, 12 aprile 2016

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Marie Bulzacchelli. "Gay Talese". In Italian Americans of the Twentieth Century, ed. George Carpetto and Diane M. Evanac (Tampa, FL: Loggia Press, 1999), pp. 368-369.
  • (EN) George Guida, "Gay Talese." In The Italian American Experience: An Encyclopedia, ed. S.J. LaGumina, et al. (New York: Garland, 2000), pp. 623-624.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79036485 · ISNI (EN0000 0001 2102 5942 · SBN IT\ICCU\RAVV\045013 · LCCN (ENn80044526 · GND (DE118971484 · BNF (FRcb11925962h (data) · NDL (ENJA00458280 · WorldCat Identities (ENn80-044526