Carlo Lucarelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carlo Lucarelli al Lucca Comics & Games nel 2008.

Carlo Lucarelli (Parma, 26 ottobre 1960) è uno scrittore, sceneggiatore e conduttore televisivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carlo Lucarelli al Festival Internazionale del Giornalismo 2017

Nasce a Parma, il suo esordio letterario avviene con il giallo Carta bianca del 1990, il primo di una lunga serie di noir a sfondo poliziesco, genere per il quale è conosciuto anche all'estero. Tra gli altri, ricordiamo Almost Blue, suo bestseller da cui è stato tratto anche un film. Ha scritto per diversi giornali o riviste (il manifesto, L'Europeo, Il Messaggero, L'Unità, xL) ed ha vinto numerosi premi letterari[1].

Per Einaudi ha pubblicato la serie di romanzi con protagonista l’Ispettrice Grazia Negro, Lupo Mannaro, Almost Blue (1996), Un giorno dopo l’altro (2000), Il sogno di volare (2013), e la serie con l’Ispettore Coliandro, Falange armata e Il giorno del lupo. La serie con il commissario De Luca, Carta bianca, L'estate torbida, Intrigo italiano e Peccato mortale. Sempre per Einaudi sono usciti anche: L’isola dell’angelo caduto, Guernica, Laura di Rimini, L’ottava Vibrazione, Albergo Italia e Il tempo delle Iene. Molti suoi racconti sono stati raccolti nell’antologia Il lato sinistro del cuore.

Dal 1999 al 2009 ha condotto Blu notte - Misteri italiani (nella prima edizione si chiamava Mistero in Blu), programma in onda su Rai 3 in prima serata che analizzava in modo approfondito fatti di cronaca, indagini su disastri e su omicidi seriali dell'ultimo cinquantennio della storia italiana.

Per la televisione nel 2006 ha ideato la fiction L'ispettore Coliandro (diretta dai fratelli Manetti), e Milonga Station. Nel 2008 è andata in onda una serie di quattro film tv tratti dai romanzi de Il Commissario De Luca. Nel 2017 è iniziata la serie televisiva La Porta Rossa.

Nel 2008, insieme a Paola De Martiis, ha firmato uno spettacolo teatrale rappresentato a Cracovia il 27 gennaio, diventato poi un documentario in onda su Rai Tre, Un treno per Auschwitz: un viaggio nella memoria e per la memoria della Shoah, organizzato dalla Fondazione ex campo Fossoli che, ogni anno, si rivolge principalmente a circa 600 studenti delle scuole superiori della provincia di Modena. Lucarelli ha viaggiato con gli studenti partendo dalla stazione ferroviaria di Carpi, da dove oltre 70 anni fa partivano i treni per Auschwitz.[2]

Nel 2010 ha fondato insieme a Giampiero Rigosi, Michele Cogo e a Beatrice Renzi la scuola di scrittura Bottega Finzione presso Bologna.

Nel 2014 esordisce sul canale Sky Arte HD con il programma Muse Inquietanti (2014 - 2018) e nel 2015 sul canale Crime Investigation con Profondo Nero (2015 e 2016). Nel 2019 sempre su Sky Arte HD va in onda Inseparabili.

Per il teatro ha scritto Via delle Oche, Tenco a tempo di tango, Pasolini un mistero italiano.Ha pubblicato alcuni libri per ragazzi (Nikita, Il trillo del diavolo, Febbre gialla) e nel 2015 è uscito il suo primo libro per bambini: Thomas e le gemelle, per Rrose Sélavy Editore.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Lucarelli al Festivaletteratura di Mantova nel 2005

Romanzi e racconti[modifica | modifica wikitesto]

Serie Commissario De Luca[modifica | modifica wikitesto]

Serie Coliandro[modifica | modifica wikitesto]

Serie Grazia Negro[modifica | modifica wikitesto]

Serie capitano Colaprico[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Libri di criminologia e approfondimento storico[modifica | modifica wikitesto]

Altri scritti[modifica | modifica wikitesto]

Audiolibri[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • 2006: Tenco a Tempo di Tango

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La biografia di Carlo Lucarelli sul sito carlolucarelli.net
  2. ^ Lucarelli su Raitre presenta 'Un treno per Auschwitz', il Resto del Carlino - Modena, 26 gennaio 2009. URL consultato il 15 ottobre 2018 (archiviato il 13 febbraio 2017).
  3. ^ La presentazione della serie a fumetti sul sito della Star Comics Archiviato il 18 dicembre 2008 in Internet Archive.
  4. ^ Radio Bellablù Archiviato il 16 aprile 2009 in Internet Archive.
  5. ^ RSI Radiotelevisione svizzera, Problemi etici per il commissario De Luca, su rsi. URL consultato il 5 maggio 2017 (archiviato il 13 ottobre 2014).
  6. ^ Dee Giallo - Radio Deejay
  7. ^ Dee Giallo podcast Archiviato l'8 novembre 2009 in Internet Archive.
  8. ^ dal sito del Premio nazionale Giuseppe Fava Archiviato il 17 dicembre 2010 in Internet Archive.
  9. ^ 17-06-2010. Il Premio Ilaria Alpi entra nel vivo. In diretta su Rainews 24 | Ufficio stampa, su edizione2010.premioilariaalpi.it. URL consultato il 2 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2014).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

 

Controllo di autoritàVIAF (EN85419751 · ISNI (EN0000 0001 2142 1101 · SBN IT\ICCU\CFIV\108929 · LCCN (ENn95051687 · GND (DE120426153 · BNF (FRcb12264720j (data) · NLA (EN41201803