Paola Capriolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

Paola Capriolo (Milano, 1º gennaio 1962) è una scrittrice e traduttrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di Ettore Capriolo, collabora alle pagine culturali del Corriere della Sera[1] e svolge attività di traduttrice, soprattutto dal tedesco. Le sue opere sono tradotte e pubblicate in Danimarca, Francia, Germania, Giappone, Giamaica, Vietnam, Gran Bretagna, Grecia, Lettonia, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Stati Uniti, Svezia e Ungheria[2].

Per le sue opere ha vinto alcuni premi letterari: il Premio Berto nel 1988, per La grande Eulalia[3] il Premio Rapallo Carige per la donna scrittrice[4], e il Premio Selezione Campiello nel 1989 per Il nocchiero[5]; il Premio Grinzane Cavour per la narrativa 1992[6]; il Premio Nazionale Rhegium Julii (1998)[7] e il Premio letterario Basilicata nel 2005 con Una luce nerissima.[8]

Nel 1997 pubblica per la Bompiani il racconto lungo, d'ispirazione mitologica, Con i miei mille occhi: l’opera è un lavoro a quattro mani con il compositore Alessandro Solbiati, che si è ispirato al racconto per comporre l’opera musicale che accompagna il testo (il libro venne infatti messo in commercio con un CD audio allegato, ove è incisa anche una versione ridotta del racconto recitata da Anna Nogara).

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il critico Stefano Giovanardi[9] recensì così il romanzo La spettatrice (1995):

«...è un narratore onnisciente - e quindi saldamente ottocentesco, e quindi, volente o nolente, romantico e realista - l'autore che Paola Capriolo ha scoperto in se stessa; ed è soprattutto di questa scoperta che ha voluto dar conto ne "La spettatrice", scrivendo in definitiva più per sé che per i suoi lettori. I quali potranno anche rimanere un po' perplessi di fronte alle vertigini di quel teatrante, ma saranno certo ripagati al prossimo romanzo, quando magari si troveranno di fronte a robustissime architetture narrative, con l'autore rigorosamente occultato dietro le quinte a manovrarne trionfalmente i fili; e allora saranno forse costretti a considerare pura preistoria di una carriera letteraria ancora tutta da costruire le proiezioni metafisiche alquanto astruse, i simbolismi insistiti, le prospettive allegoriche tanto ampie quanto vaghe, che finora hanno caratterizzato ("Il nocchiero", "Il doppio regno") la produzione della loro scrittrice.»

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • La grande Eulalia, Feltrinelli, (1988)
  • Il nocchiero, Feltrinelli, (1989)
  • Il doppio regno, Bompiani, (1991)[10]
  • La ragazza dalla stella d'oro, Einaudi, (1991)
  • Vissi d'amore, Bompiani, (1992)
  • La spettatrice, Bompiani, (1995)
  • L'assoluto artificiale. Nichilismo e mondo dell'espressione nell'opera saggistica di Gottfried Benn, Bompiani, (1996)
  • Un uomo di carattere, Bompiani, (1996)
  • Con i miei mille occhi, Bompiani, (1997)
  • Barbara, Bompiani, (1998)
  • Il sogno dell'agnello, Bompiani, (1999)
  • Una di loro, Bompiani, (2001)
  • Qualcosa nella notte. Storia di Gilgamesh, signore di Uruk, e dell'uomo selvatico cresciuto tra le gazzelle, Mondadori, (2003)
  • Una luce nerissima, Mondadori, (2005)
  • Rilke. Biografia di uno sguardo, Ananke, (2006)
  • L'amico invisibile, Einaudi, (2006)
  • Maria Callas, EL, (2007)
  • Ancilla, Perrone, (2008)
  • Il pianista muto, Bompiani, (2009)
  • Indira Gandhi, EL, (2009)
  • La macchina dei sogni, Piemme, (2009)
  • NO!-il rifiuto che sconfisse il razzismo, EL, (2010)
  • Io come te, EL, (2011)
  • Caino, Bompiani, (2012)
  • L'ordine delle cose, EL, (2013)
  • Mi ricordo, Giunti, (2015)
  • Partigiano Rita, EL (2016)
  • Le Olimpiadi del coraggio, Einaudi Ragazzi (2017)
  • Rita Levi Montalcini: una vita per la conoscenza, Einaudi Ragazzi (2017)
  • Avventure di un gatto viaggiatore: dai Grigioni alla Grecia (e ritorno), Bompiani (2017)
  • Marie e il signor Mahler, Bompiani (2019)
  • Irina Nikolaevna o l'arte del romanzo, Bompiani (2023), isbn 9788830103702

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paola Capriolo, biografia, su wuz.it. URL consultato il 24 aprile 2019.
  2. ^ Libri di Paola Capriolo, su worldcat.org. URL consultato il 24 aprile 2019.
  3. ^ Paola Capriolo vincitrice, su giuseppeberto.it. URL consultato il 24 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2019).
  4. ^ Rapallo Carige, su gruppocarige.it. URL consultato il 24 aprile 2019.
  5. ^ Premio Campiello, opere premiate nelle precedenti edizioni, su premiocampiello.org. URL consultato il 24 febbraio 2019.
  6. ^ Grinzane Cavour 1992, su ricerca.repubblica.it. URL consultato il 24 aprile 2019.
  7. ^ Albo d'oro, su circolorhegiumjulii.wordpress.com. URL consultato il 24 aprile 2019.
  8. ^ 2006 Paola Capriolo, Una luce nerissima, su premioletterariobasilicata.it. URL consultato il 24 aprile 2019.
  9. ^ https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1995/02/23/una-donna-nel-palco-dei-misteri.html?ref=search. URL consultato il 14 febbraio 2022.
  10. ^ Enzo Golino, Sottotiro. Quarantotto stroncature, Lecce, Manni, 2002, p. 177, ISBN 978-88-817-6256-9.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ania Gillian, Paola Capriolo. Mitologia, musica, metamorfosi (1988-1998), Firenze, Franco Cesati, 2006, ISBN 88-7667-227-3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN54124940 · ISNI (EN0000 0001 2133 3400 · SBN CFIV089379 · LCCN (ENnr89017251 · GND (DE119354799 · BNE (ESXX850855 (data) · BNF (FRcb12094239v (data) · J9U (ENHE987007259291405171 · NSK (HR000438437 · NDL (ENJA00464226 · WorldCat Identities (ENlccn-nr89017251