Floyd Patterson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Floyd Patterson
Floyd Patterson 1962.jpg
Floyd Patterson (1962).
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 183 cm
Peso 86 kg
Pugilato Boxing pictogram.svg
Categoria Pesi mediomassimi e Pesi massimi
Termine carriera 20 settembre 1972
Carriera
Incontri disputati
Totali 64
Vinti (KO) 55 (40)
Persi (KO) 8 (5)
Pareggiati 1
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Helsinki 1952 Pesi medi
 

Floyd Patterson (Waco, 4 gennaio 1935New Paltz, 11 maggio 2006) è stato un pugile statunitense, campione del mondo dei pesi massimi tra il 1956 e il 1962, con un'interruzione nel 1959. Considerato il Re Elegante dei pesi massimi, è una delle figure più significative, nella sua categoria di peso, di ogni epoca.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dilettante[modifica | modifica wikitesto]

Francobollo che commemora la vittoria olimpica di Floyd Patterson

Floyd Patterson conquistò il Golden Gloves dello Stato di New York nel 1951 nella categoria dei pesi medi e nel 1952 nella categoria dei mediomassimi.

Nello stesso anno, a soli diciassette anni, conquistò la medaglia d'oro nei pesi medi alle Olimpiadi di Helsinki.

Batté ai punti al primo turno il francese Omar Tebakka; nei quarti di finale l'olandese Leonardus Jansen, per KO al primo round; in semifinale il campione europeo svedese Stig Sjölin, per squalifica al terzo round e in finale mise KO al primo round il rumeno Vasile Tiţă.

Passò professionista subito dopo le olimpiadi, dopo aver concluso la carriera dilettantistica con un record di 40 vittorie, di cui 37 prima del limite, e 4 sconfitte[1].

Professionista[modifica | modifica wikitesto]

Patterson debuttò a torso nudo nei pesi mediomassimi. Combatté 31 volte nel giro di quattro anni con un'unica sconfittaː quella contro l'ex campione del mondo Joey Maxim, ai punti in otto riprese.

Campione del mondo dei pesi massimi[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò a combattere nei pesi massimi nel 1955. Pugile abbastanza leggero per la categoria, il 30 novembre 1956 divenne il più giovane campione mondiale della storia, conquistando il titolo resosi vacante per il ritiro dell'imbattuto Rocky Marciano. Sconfisse a sorpresa a Chicago l'esperto campione mondiale dei mediomassimi Archie Moore per knock-out al quinto round. Grazie a questa vittoria, Patterson fu eletto Fighter of the Year (pugile dell'anno) 1956 dalla rivista Ring Magazine[2].

Difese vittoriosamente quattro volte il titolo, battendo tra gli altri il campione olimpico dei pesi massimi di Melbourne 1956 Pete Rademacher, al suo debutto nei professionisti. Nel secondo round fu messo al tappeto da due ganci destri dello sfidante. Patterson si riprese e, a tre secondi dalla fine del sesto round, dopo sette atterramenti, Rademacher finì KO[3]. In un altro match con titolo in palio batté anche l'ex campione britannico e del Commonwealth Brian London[4].

La trilogia con Ingemar Johansson[modifica | modifica wikitesto]

Floyd Patterson è messo KO da Ingemar Johansson e perde per la prima volta la cintura mondiale dei pesi massimi

Il 26 giugno 1959 Patterson fu sconfitto dal campione europeo, lo svedese Ingemar Johansson, allo Yankee Stadium di New York per KO al terzo round, dopo aver subito ben sette atterramenti[5]. L'ultimo round di questo match fu proclamato "round dell'anno" da Ring Magazine[2]. Il match fu dichiarato "sorpresa dell'anno" dalla medesima rivista specializzata. La sconfitta apparve sospetta, alla luce della successiva rivincita del giugno del 1960, sempre a New York, quando Patterson sconfisse lo svedese per KO alla quinta ripresa[6]. L'incontro fu comunque dichiarato "combattimento dell'anno" e la sua ultima ripresa "round dell'anno", sempre da Ring Magazine[2].

Patterson fu quindi il primo peso massimo a riuscire a riconquistare il titolo, record uguagliato e poi superato da Muhammad Ali, che ebbe modo di riconquistare il primato per tre volte. Nel 1960 Patterson fu nuovamente eletto Fighter of the Year (pugile dell'anno) da Ring Magazine[2].

Il 13 marzo 1961, a Miami Beach, fu disputato il terzo incontro tra Patterson e Johansson, che andò nuovamente KO alla sesta ripresa[7]. Nel 1996 questo match è stato inserito da Ring Magazine al 31º posto nella classifica dei più grandi match con titolo in palio della storia del pugilato[8] e la prima ripresa "round dell'anno" 1961.

Il doppio confronto Liston-Patterson[modifica | modifica wikitesto]

Sonny Liston mette KO Floyd Patterson e gli strappa la cintura mondiale dei pesi massimi, 25 settembre 1962
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Floyd Patterson vs Sonny Liston I.

Dopo una vittoriosa difesa per KO contro Tom Mc Neeley, Patterson esitava a mettere in palio il titolo contro il temibile Sonny Liston, un picchiatore dell'Arkansas nato in una piantagione di cotone, che tra il 1958 e il 1961 aveva scalato i ranking della categoria annientando a colpi di KO uno dopo l'altro i principali sfidanti al titolo mondiale. I suoi procuratori riuscirono a ottenere vari rinvii, anche a causa del fatto che alcune commissioni pugilistiche, tra cui quelle di Filadelfia e di New York, avevano inibito l'attività a Liston per i suoi rapporti con alcuni boss mafiosi. Tra costoro Frankie Carbo e Blinky Palermo, che al tempo controllavano le scommesse sulla boxe. Inoltre anche la National Boxing Association, nel 1961, aveva sospeso Liston dall'attività per le sue amicizie nella mafia.

Nel frattempo, la stampa premeva per l'incontro del secolo Patterson-Liston. La questione assunse importanza nazionale, tanto che lo stesso presidente statunitense John Fitzgerald Kennedy chiese pubblicamente a Patterson, durante un party alla Casa Bianca, di mettere fine alla paradossale situazione e porre in palio il suo titolo contro il picchiatore dell'Arkansas: «Perché non affronta Liston?», chiese Kennedy, e aggiunse: «È indubbiamente uno sfidante degno di lei».

La tanto attesa sfida si tenne il 25 settembre 1962, al Comiskey Park di Chicago. A Patterson toccò una borsa cinque volte superiore a quella dello sfidante che, pur di affrontare il campione, si accontentò di 250.000 dollari. Liston, che aveva un allungo superiore di 34 cm, denunciò al peso 24 libbre (quasi undici kg) più del campione del mondo. L'incontro, disputato alla presenza di Frank Sinatra, durò appena 2 minuti e 6 secondi. Sonny Liston mise subito Patterson alle corde colpendolo con una terribile combinazione di destri e sinistri e lo tramortì con un clamoroso KO. Alla superiorità di Liston i cronisti reagirono dicendo che: «Sembrava un incontro tra pugili di categorie differenti»[9].

Il 22 luglio 1963, a Las Vegas, si tenne la rivincita, ma l'esito fu lo stesso. Liston batté nuovamente Patterson per KO al primo round, dopo avergli inflitto ben tre atterramenti in soli 2 minuti e 10 secondi di combattimento[10]. Chiaramente, in entrambi i casi, l'unico round del match fu nominato "round dell'anno".

Ultima parte della carriera[modifica | modifica wikitesto]

Il doppio KO, subito entrambe le volte al primo round, tuttavia, non sembrava aver seriamente compromesso la tenuta atletica dell'ex campione del mondo. Il 6 gennaio 1964, a Stoccolma, Patterson affrontò il campione italiano dei pesi massimi Santo Amonti. Lo statunitense lo atterrò alla seconda e alla quarta ripresa. All'ottavo round assestò un altro colpo al mento dell'italiano, mandandolo a sedere sulle corde. Amonti, pur rialzandosi prima del conteggio, allargò le braccia e preferì abbandonare[11]. Il 1º febbraio 1965, al Madison Square Garden di New York, l'ex campione del mondo batté ai punti in dodici riprese, con verdetto unanime, il forte canadese George Chuvalo, in una virtuale semifinale per il titolo mondiale[12]. Il match fu dichiarato "combattimento dell'anno" per il 1965, sempre da Ring Magazine[2].

Il 22 novembre 1965, Floyd Patterson tentò quindi di riconquistare il titolo mondiale contro il nuovo campione in carica Muhammad Ali, venendo sconfitto per arresto del combattimento al dodicesimo round, dopo aver toccato il tappeto con un ginocchio al sesto round. Fu peraltro un incontro a senso unico, con Ali che si divertì a sbeffeggiare e a girare attorno all'avversario per tutta la durata del match[13].

La tomba di Floyd Patterson nel cimitero rurale di New Paltz

Patterson combatté poi contro il campione britannico e del Commonwealth in carica, Henry Cooper, già sfidante al titolo mondiale di Ali, battendolo per KO al quarto round. Il 14 settembre 1968, a Stoccolma, affrontò per il titolo il nuovo campione del mondo WBA Jimmy Ellis, fresco vincitore di un torneo eliminatorio per designare il successore di Ali, al quale era stata temporaneamente ritirata la licenza di combattere. Patterson fu sconfitto ai punti[14].

Combatté ancora contro il quotato statunitense Jerry Quarry (un pari e una sconfitta) e il forte argentino Oscar Bonavena, vincendo ai punti. Poi disputò l'ultimo incontro della carriera il 20 settembre 1972 contro il rientrato Muhammad Alì con in palio il titolo nordamericano. Fu nuovamente battuto per knock-out tecnico alla settima ripresa.

Il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Floyd Patterson si ritirò con un record di 55 vittorie (40 KO), 8 sconfitte e 1 pareggio. In seguito al ritiro dal ring, divenne allenatore.

Morì a New Paltz l'11 maggio 2006, all'età di 71 anni. La International Boxing Hall of Fame lo ha riconosciuto fra i più grandi pugili di ogni tempo. Nel 1998 la rivista The Ring lo ha collocato al 21º posto in una propria classifica dei migliori pesi massimi della storia del pugilato[15].

Risultati nel pugilato[modifica | modifica wikitesto]

N. Risultato Record Avversario Tipo Round, tempo Data Località Note
64 Sconfitta 55–8–1 Muhammad Ali RTD 7 (12), 3:00 20 settembre 1972 Madison Square Garden, New York City, New York, U.S. Per il titolo NABF dei pesi massimi
63 Vittoria 55–7–1 Pedro Agosto TKO 6 (10), 3:00 14 luglio 1972 Singer Bowl, New York City, New York, U.S.
62 Vittoria 54–7–1 Oscar Bonavena UD 10 11 febbraio 1972 Madison Square Garden, New York City, New York, U.S.
61 Vittoria 53–7–1 Charlie Harris KO 6 (10), 2:31 23 novembre 1971 Multnomah County Exposition Center, Portland, Oregon, U.S.
60 Vittoria 52–7–1 Vic Brown UD 10 21 agosto 1971 Peace Bridge Arena, Fort Erie, Ontario, Canada
59 Vittoria 51–7–1 Charley Polite UD 10 Jul 17, 1971 Erie Arena, Erie, Pennsylvania, U.S.
58 Vittoria 50–7–1 Terry Daniels UD 10 26 maggio 1971 Cleveland Arena, Cleveland, Ohio, U.S.
57 Vittoria 49–7–1 Roger Russell TKO 9 (10), 1:29 29 marzo 1971 Philadelphia Arena, Filadelfia, Pennsylvania, U.S.
56 Vittoria 48–7–1 Levi Forte KO 2 (10), 2:20 16 gennaio 1971 Convention Center, Miami Beach, Florida, U.S.
55 Vittoria 47–7–1 Charley Green KO 10 (10), 1:15 15 settembre 1970 Madison Square Garden, New York City, New York, U.S.
54 Sconfitta 46–7–1 Jimmy Ellis PTS 15 14 settembre 1968 Råsunda Stadium, Stoccolma, Svezia Per il titolo WBA dei pesi massimi
53 Sconfitta 46–6–1 Jerry Quarry MD 12 28 ottobre 1967 Grand Olympic Auditorium, Los Angeles, California, U.S.
52 Pareggio 46–5–1 Jerry Quarry MD 12 9 giugno 1967 Memorial Coliseum, Los Angeles, California, U.S.
51 Vittoria 46–5 Bill McMurray KO 1 (10), 2:37 30 marzo 1967 Civic Arena, Pittsburgh, Pennsylvania, U.S.
50 Vittoria 45–5 Willie Johnson KO 3 (10), 2:05 13 febbraio 1967 Municipal Auditorium, Miami Beach, Florida, U.S.
49 Vittoria 44–5 Henry Cooper KO 4 (10), 2:10 20 settembre 1966 Empire Pool, Londra, Inghilterra
48 Sconfitta 43–5 Muhammad Ali TKO 12 (15), 2:18 22 novembre 1965 Las Vegas Convention Center, Winchester, Nevada, U.S. Per i titoli WBC, NYSAC e The Ring dei pesi massimi
47 Vittoria 43–4 Tod Herring TKO 3 (10), 0:40 14 maggio 1965 Johanneshovs Isstadion, Stoccolma, Svezia
46 Vittoria 42–4 George Chuvalo UD 12 1º febbraio 1965 Madison Square Garden, New York City, New York, U.S.
45 Vittoria 41–4 Charlie Powell KO 6 (10), 1:21 12 dicembre 1964 Hiram Bithorn Stadium, San Juan, Porto Rico
44 Vittoria 40–4 Eddie Machen PTS 12 5 luglio 1964 Råsunda Stadium, Stoccolma, Svezia
43 Vittoria 39–4 Santo Amonti TKO 8 (10), 2:25 6 gennaio 1964 Stoccolma, Svezia
42 Sconfitta 38–4 Sonny Liston KO 1 (15), 2:10 22 luglio 1963 Las Vegas Convention Center, Winchester, Nevada, U.S. Per i titoli WBA, NYSAC, The Ring e WBC dei pesi massimi
41 Sconfitta 38–3 Sonny Liston KO 1 (15), 2:06 25 settembre 1962 Comiskey Park, Chicago, Illinois, U.S. Perde i titoli WBA, NYSAC e The Ring dei pesi massimi
40 Vittoria 38–2 Tom McNeeley KO 4 (15), 2:51 4 dicembre 1961 Maple Leaf Gardens, Toronto, Ontario, Canada Conserva i titoli NBA, NYSAC e The Ring dei pesi massimi
39 Vittoria 37–2 Ingemar Johansson KO 6 (15), 2:45 13 marzo 1961 Exhibition Hall, Miami Beach, Florida, U.S. Conserva i titoli NBA, NYSAC e The Ring dei pesi massimi
38 Vittoria 36–2 Ingemar Johansson KO 5 (15), 1:51 20 giugno 1960 Polo Grounds, New York City, New York, U.S. Vince titoli NBA, NYSAC e The Ring dei pesi massimi
37 Sconfitta 35–2 Ingemar Johansson TKO 3 (15), 2:03 26 giugno 1959 Yankee Stadium, New York City, New York, U.S. Perde titoli NBA, NYSAC e The Ring dei pesi massimi
36 Vittoria 35–1 Brian London KO 11 (15), 0:51 1º maggio 1959 Fairgrounds Coliseum, Indianapolis, Indiana, U.S. Conserva titoli NBA, NYSAC e The Ring dei pesi massimi
35 Vittoria 34–1 Roy Harris RTD 12 (15) 18 agosto 1958 Wrigley Field, Los Angeles, California, U.S. Conserva titoli NBA, NYSAC e The Ring dei pesi massimi
34 Vittoria 33–1 Pete Rademacher KO 6 (15), 2:57 22 agosto 1957 Sick's Stadium, Seattle, Washington, U.S. Conserva titoli NBA, NYSAC e The Ring dei pesi massimi
33 Vittoria 32–1 Tommy Jackson TKO 10 (15), 1:52 29 luglio 1957 Polo Grounds, New York City, New York, U.S. Conserva titoli NBA, NYSAC e The Ring dei pesi massimi
32 Vittoria 31–1 Archie Moore KO 5 (15), 2:27 30 novembre 1956 Chicago Stadium, Chicago, Illinois, U.S. Vince i titoli vacanti NBA, NYSAC e The Ring dei pesi massimi
31 Vittoria 30–1 Tommy Jackson SD 12 8 giugno 1956 Madison Square Garden, New York City, New York, U.S.
30 Vittoria 29–1 Alvin Williams KO 3 (10), 1:58 10 aprile 1956 Memorial Hall, Kansas City, Missouri, U.S.
29 Vittoria 28–1 Jimmy Walls TKO 2 (10), 2:29 12 marzo 1956 New Britain, Connecticut, U.S.
28 Vittoria 27–1 Jimmy Slade TKO 7 (10), 2:05 8 dicembre 1955 Grand Olympic Auditorium, Los Angeles, California, U.S.
27 Vittoria 26–1 Calvin Brad KO 1 (10), 2:58 13 ottobre 1955 Grand Olympic Auditorium, Los Angeles, California, U.S.
26 Vittoria 25–1 Dave Whitlock KO 3 (10), 0:52 29 settembre 1955 Winterland Arena, San Francisco, California, U.S.
25 Vittoria 24–1 Alvin Williams TKO 8 (10), 2:28 8 settembre 1955 Moncton, New Brunswick, Canada
24 Vittoria 23–1 Archie McBride KO 7 (10), 1:46 6 luglio 1955 Madison Square Garden, New York City, New York, U.S.
23 Vittoria 22–1 Yvon Durelle RTD 5 (10) 23 giugno 1955 Newcastle, New Brunswick, Canada
22 Vittoria 21–1 Esau Ferdinand TKO 10 (10), 2:49 17 marzo 1955 Civic Auditorium, Oakland, California, U.S.
21 Vittoria 20–1 Don Grant TKO 5 (10), 1:13 17 gennaio 1955 Eastern Parkway Arena, New York City, New York, U.S.
20 Vittoria 19–1 Willie Troy TKO 5 (8) 7 gennaio 1955 Madison Square Garden, New York City, New York, U.S.
19 Vittoria 18–1 Jimmy Slade UD 8 19 novembre 1954 Madison Square Garden, New York City, New York, U.S.
18 Vittoria 17–1 Joe Gannon UD 8 22 ottobre 1954 Madison Square Garden, New York City, New York, U.S.
17 Vittoria 16–1 Esau Ferdinand UD 8 11 ottobre 1954 St. Nicholas Arena, New York City, New York, U.S.
16 Vittoria 15–1 Tommy Harrison TKO 1 (8), 1:29 2 agosto 1954 Eastern Parkway Arena, New York City, New York, U.S.
15 Vittoria 14–1 Jacques Royer Crecy TKO 7 (8) 12 luglio 1954 St. Nicholas Arena, New York City, New York, U.S.
14 Sconfitta 13–1 Joey Maxim UD 8 7 giugno 1954 Eastern Parkway Arena, New York City, New York, U.S.
13 Vittoria 13–0 Jesse Turner UD 8 10 maggio 1954 Eastern Parkway Arena, New York City, New York, U.S.
12 Vittoria 12–0 Alvin Williams UD 8 19 aprile 1954 Eastern Parkway Arena, New York City, New York, U.S.
11 Vittoria 11–0 Sammy Brown TKO 2 (10), 1:40 30 marzo 1954 Turner's Arena, Washington D.C., U.S.
10 Vittoria 10–0 Yvon Durelle UD 8 15 febbraio 1954 Eastern Parkway Arena, New York City, New York, U.S.
9 Vittoria 9–0 Dick Wagner TKO 5 (8), 2:29 14 dicembre 1953 Eastern Parkway Arena, New York City, New York, U.S.
8 Vittoria 8–0 Wes Bascom UD 8 19 ottobre 1953 Eastern Parkway Arena, New York City, New York, U.S.
7 Vittoria 7–0 Gordon Wallace TKO 3 (8), 0:52 1º giugno 1953 Eastern Parkway Arena, New York City, New York, U.S.
6 Vittoria 6–0 Dick Wagner SD 8 13 aprile 1953 Eastern Parkway Arena, New York City, New York, U.S.
5 Vittoria 5–0 Chester Mieszala TKO 5 (6), 1:25 28 gennaio 1953 Chicago Stadium, Chicago, Illinois, U.S.
4 Vittoria 4–0 Lalu Sabotin TKO 5 (8), 1:30 29 dicembre 1952 Eastern Parkway Arena, New York City, New York, U.S.
3 Vittoria 3–0 Lester Johnson TKO 3 (6), 1:26 31 ottobre 1952 Madison Square Garden, New York City, New York, U.S.
2 Vittoria 2–0 Sammy Walker TKO 2 (6), 0:47 6 ottobre 1952 Eastern Parkway Arena, New York City, New York, U.S.
1 Vittoria 1–0 Eddie Godbold KO 4 (6), 1:39 12 settembre 1952 St. Nicholas Arena, New York City, New York, U.S.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN37596624 · ISNI (EN0000 0001 1442 1111 · LCCN (ENn88159611 · GND (DE113584695 · WorldCat Identities (ENlccn-n88159611