World Boxing Association

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
World Boxing Association
DisciplinaBoxing pictogram.svg Pugilato
Fondazione1962
GiurisdizioneMondiale
SedePanama Panama
PresidenteGilberto Mendoza, Jr.
MottoSimply the pioneers
Sito ufficialewww.wbaboxing.com/ e www.wbaboxing.com/es

La World Boxing Association (WBA) è un'organizzazione di boxe che sancisce le gare ufficiali, e patrocina il campionato del mondo WBA, a livello professionistico. Nata nel 1921 a Rhode Island come NBA (National Boxing Association), con il compito di governare e coordinare l'attività del pugilato limitatamente agli Stati Uniti d'America, ha cambiato nome nel 1962 per dare un'organizzazione di portata mondiale ad uno sport ormai in costante e rapida espansione in tutto il mondo.

È la più antica delle principali associazioni riconosciute dall'IBHOF, che riconosce i campionati mondiali ufficiali di pugilato, assieme all'International Boxing Federation, al World Boxing Council ed alla World Boxing Organization.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il corpo autorizzato della boxe professionale, la World Boxing Association, può essere fatto risalire all'originale National Boxing Association (NBA), nata nel 1921; il primo incontro riconosciuto fu tra Jack Dempsey e Georges Carpentier, nel Campionato dei Pesi Massimi in New Jersey.

La NBA era formata da una rappresentanza di tredici Stati americani per controbilanciare l'influenza della New York State Athletic Commission (NYSAC) esercitata in tutto il mondo della boxe. Questo spesso significava che la NBA e la NYSAC proclamavano campioni del mondo diversi nella stessa divisione, che conduceva a confusione su chi era il vero campione.[1]

La International Boxing Research Organization descrive la prima NBA in questo modo: "In origine era comparabile all'attuale American Association of Boxing Commissions che ai suoi successori, organizzava gli incontri per il titolo ufficiali della NBA, pubblicati con liste di sfidanti eccezionali, ma aveva ritirato il riconoscimento dei titoli, e non aveva cercato di creare un proprio riconoscimento o altrimenti di imporre la propria volontà sui combattimenti del campionato. Essa inoltre non conduceva le offerte di borsa o raccoglieva le quote di partecipazione.""[2]

Nel 1962 la NBA, con la crescente popolarità mondiale della boxe, cambiò il nome in World Boxing Association. Comunque l'organizzazione rimase prevalentemente statunitense fino al 1974. In quell'anno, due atleti panamensi, Rodrigo Sanchez e Elias Cordova, manipolarono le regole WBA per dare la maggioranza dei voti alle nazioni in America Latina. Nel 1963 nacque, invece, la WBC ponendo fine all'era del titolo mondiale unificato.[3]

Gilberto Mendoza fu il presidente della WBA fino al 1982. Negli anni novanta la WBA spostò la sede ufficiale da Panama a Caracas. Nel gennaio 2007 la sede tornò a Panama.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

La WBA ha subito accuse di corruzione per anni. Forse l'istanza più importante fu nel 1982 quando il promotore Bob Arum dichiarò in un'intervista di aver dovuto pagare la WBA per entrare in classifica.[3] In un articolo del 1981 di Sports Illustrated, un giudice WBA dichiarò che fu influenzato dal presidente della WBA per favorire alcuni atleti. Nello stesso articolo si discuteva di alcune tangenti pagate agli ufficiali della WBA per ottenere combattimenti per il titolo o per entrare in classifica.[4]

Titoli Regolari e Super[modifica | modifica wikitesto]

Campioni dal 1920 di pesi massimi delle 5 maggiori Associazioni

La WBA riconosce i detentori dei titoli delle organizzazioni WBC, WBO e IBF. La WBA si riferisce a campioni che detengono due o più di questi titoli nella stessa categoria come "campione indiscusso" o "super campione". Ciò vale anche se il titolo WBA non è uno dei titoli detenuti dal "campione indiscusso".[5][6] Nel settembre 2008, Nate Campbell fu riconosciuto come "campione indiscusso" dei pesi piuma per i titoli ottenuto nella WBO e nella IBF, mentre il campione della WBA era Yusuke Kobori.[7]. Se un atleta titolato WBA consegue titoli nelle altre organizzazioni riconosciute (WBC, WBO, IBF) è promosso  Super Campione, ma decade dal  titolo WBA  che viene dichiarato vacante: in tal modo può accadere che le  tabelle WBA abbiano, per la stessa categoria, un Super Campione e un Campione Regolare.

Alle volte è possibile diventare Super Campione senza ottenere titoli di altre organizzazioni, Chris John e Floyd Mayweather, Jr. ne sono un esempio. I Campioni WBA vengono promossi super campioni dopo aver difeso il titolo con successo per cinque volte.

Attuali detentori del titolo WBA[modifica | modifica wikitesto]

Maschile[modifica | modifica wikitesto]

Categoria di peso: Attuale campione: Campione dal:
Pesi paglia Thailandia Knockout CP Freshmart (Super Campione) 1 marzo 2020[8]
Rep. Dominicana Erick Rosa 21 dicembre 2021[9]
Pesi minimosca Giappone Hiroto Kyoguchi (Super Campione) 31 dicembre 2018[10]
Pesi mosca Ucraina Artem Dalakian 24 febbraio 2018[11]
Pesi supermosca Stati Uniti Joshua Franco 23 giugno 2020[12]
Pesi gallo Giappone Naoya Inoue (Super Campione) 7 novembre 2019[13]
Pesi supergallo Uzbekistan Murodjon Akhmadaliev (Super Campione) 30 gennaio 2020[14]
Pesi piuma Messico Léo Santa Cruz (Super Campione) 28 gennaio 2017[15]
Regno Unito Leigh Wood 31 luglio 2021[16]
Pesi superpiuma Rep. Dominicana Hector Luis García 20 agosto 2022[17]
Pesi leggeri Stati Uniti Devin Haney (Super Campione) 4 giugno 2022[18]
Stati Uniti Gervonta Davis 28 dicembre 2019[19]
Pesi superleggeri Rep. Dominicana Alberto Puello 20 agosto 2022[20]
Pesi welter Stati Uniti Errol Spence Jr. (Super Campione) 16 aprile 2022[21]
Lituania Eimantas Stanionis 16 aprile 2022[22]
Pesi superwelter Stati Uniti Jermell Charlo (Super Campione) 26 settembre 2020[23]
Pesi medi Kazakistan Gennady Golovkin (Super Campione) 9 aprile 2022[24]
Stati Uniti Erislandy Lara 1 maggio 2021[25]
Pesi supermedi Messico Saúl Álvarez (Super Campione) 19 dicembre 2020[26]
Cuba David Morrell Jr 19 gennaio 2021[27]
Pesi mediomassimi Russia Dmitry Bivol (Super Campione) 10 ottobre 2019[8]
Pesi massimileggeri Francia Arsen Goulamirian (Super Campione) 1 settembre 2019[8]
Pesi massimi Ucraina Oleksandr Usyk (Super Campione) 25 settembre 2021[28]
Regno Unito Daniel Dubois 11 giugno 2022[29]

Femminile[modifica | modifica wikitesto]

Categoria di peso: Attuale campionessa: Campionessa dal:
Pesi atomo Messico Monserrat Alarcón 31 agosto 2018
Pesi paglia Stati Uniti Seniesa Estrada 20 marzo 2021
Pesi minimosca Messico Jessica Nery Plata (Super campionessa) 11 marzo 2022
Messico María Guadalupe Bautista (Campionessa in recesso) 12 dicembre 2020
Pesi mosca Stati Uniti Marlen Esparza 9 aprile 2022
Pesi supermosca Argentina Clara Lescurat 24 giugno 2022
Pesi gallo Stati Uniti Jamie Mitchell 9 ottobre 2021
Pesi supergallo Venezuela Mayerlin Rivas 7 febbraio 2020
Pesi piuma Messico Erika Cruz Hernández 22 aprile 2021
Pesi superpiuma Corea del Sud Choi Hyun-Mi 30 ottobre 2013
Pesi leggeri Irlanda Katie Taylor 28 ottobre 2017
Pesi superleggeri Stati Uniti Kali Reis 6 novembre 2020
Pesi welter Stati Uniti Jessica McCaskill 15 agosto 2020
Pesi superwelter Regno Unito Hannah Rankin 5 novembre 2021
Pesi medi Stati Uniti Claressa Shields 22 giugno 2018
Pesi supermedi Stati Uniti Franchon Crews Dezurn 30 aprile 2022
Pesi mediomassimi Costa Rica Hannah Gabriels 17 aprile 2021

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Harry Mullan, The Ultimate Encyclopedia of Boxing, London, England, UK, Carlton Books, 1996, p. 121, ISBN 0-7858-0641-5.
  2. ^ Boxing Bodies: A Brief Chronology and Rundown, in International Boxing Digest, 40, no. 1, gennaio 1998, p. 58.
  3. ^ a b Mullan, The Ultimate Encyclopedia of Boxing, 2010, p. 122.
  4. ^ Peter Heller, Bad Intentions: The Mike Tyson Story, New York, New York, New American Library, 1988, pp. 141–142, ISBN 0-688-10123-2.
  5. ^ Super championships guidelines, su wbaonline.com, WBA. URL consultato il 14 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2008).
  6. ^ WBA Super Championships, su wbanews.com, WBA. URL consultato l'11 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 24 marzo 2009).
  7. ^ Official Ratings as of September 2008 (PDF), su wbaonline.com, WBA, settembre 2008, p. 2. URL consultato il 14 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2008).
  8. ^ a b c Promozione da campione regolare.
  9. ^ Vittoria ai punti (116-109; 113-112; 112-113) contro Vic Saludar nell'incontro disputato presso l'Hotel Catalonia Malecon Center di Santo Domingo (Repubblica Dominicana).
  10. ^ Vittoria per KO tecnico alla 10ª ripresa contro Hekkie Budler nell'incontro disputato presso il Wynn Palace di Macao (Cina).
  11. ^ Vittoria ai punti (118-109; 118-109; 118-109) contro Brian Viloria nell'incontro disputato presso il Forum di Inglewood (California, Stati Uniti).
  12. ^ Vittoria ai punti (115-112; 114-113; 114-113) contro Andrew Moloney nell'incontro disputato presso The Bubble at MGM Grand di Las Vegas (Nevada, Stati Uniti).
  13. ^ Vittoria ai punti (117-109; 116-111; 114-113) contro Nonito Donaire nell'incontro disputato presso la Super Arena di Saitama (Giappone).
  14. ^ Vittoria ai punti (115-113; 115-113; 113-115) contro Daniel Roman nell'incontro disputato presso il Meridian at Island Gardens di Miami (Florida, Stati Uniti).
  15. ^ Vittoria ai punti (115-113; 115-113; 113-115) contro Carl Frampton nell'incontro disputato presso il MGM Grand Garden Arena di Las Vegas (Nevada, Stati Uniti).
  16. ^ Vittoria per KO tecnico alla 12ª ripresa contro Xu Can nell'incontro disputato presso il Matchroom HQ Garden di Brentwood (Regno Unito).
  17. ^ Vittoria ai punti (118-110; 117-111; 117-111) contro Roger Gutiérrez nell'incontro disputato presso il Seminole Hard Rock Hotel and Casino di Hollywood (Florida, Stati Uniti).
  18. ^ Vittoria ai punti (118-110; 116-112; 116-112) contro George Kambosos Jr. nell'incontro disputato presso il Marvel Stadium di Melbourne (Australia).
  19. ^ Vittoria per KO tecnico alla 12ª ripresa contro Yuriorkis Gamboa nell'incontro disputato presso la State Farm Arena di Atlanta (Georgia, Stati Uniti).
  20. ^ Vittoria ai punti (117-111; 117-111; 113-115) contro Botirzhon Akhmedov nell'incontro disputato presso il Seminole Hard Rock Hotel and Casino di Hollywood (Florida, Stati Uniti).
  21. ^ Vittoria per KO tecnico alla 10ª ripresa contro Yordenis Ugas nell'incontro disputato presso l'AT&T Stadium di Arlington (Texas, Stati Uniti).
  22. ^ Vittoria ai punti (117-110; 116-111; 113-114) contro Radzhab Butaev nell'incontro disputato presso l'AT&T Stadium di Arlington (Texas, Stati Uniti).
  23. ^ Vittoria per KO alla 8ª ripresa contro Jeison Rosario nell'incontro disputato presso la Mohegan Sun Arena di Uncasville (Connecticut, Stati Uniti).
  24. ^ Vittoria per KO tecnico alla 9ª ripresa contro Ryota Murata nell'incontro disputato presso la Super Arena di Saitama (Giappone).
  25. ^ Vittoria per KO alla 1ª ripresa contro Thomas LaManna nell'incontro disputato presso il Dignity Health Sports Park di Carson (California, Stati Uniti).
  26. ^ Vittoria ai punti (119-109; 119-109; 117-111) contro Callum Smith nell'incontro disputato presso l'Alamodome di San Antonio (Texas, Stati Uniti).
  27. ^ Promozione da campione ad interim.
  28. ^ Vittoria ai punti (117-112; 116-112; 115-113) contro Anthony Joshua nell'incontro disputato presso il Tottenham Hotspur Stadium di Londra (Regno Unito).
  29. ^ Vittoria per KO alla 4ª ripresa contro Trevor Bryan nell'incontro disputato presso il Casino Miami di Miami (Florida, Stati Uniti).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN147929626 · LCCN (ENn98076672 · WorldCat Identities (ENlccn-n98076672
  Portale Pugilato: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pugilato