Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Saitama Super Arena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Saitama Super Arena
Saitama Super Arena-2005-9-11 1.jpg
Informazioni
StatoGiappone Giappone
UbicazioneSaitama Shintoshin, Chūō-ku, Saitama, Saitama, Giappone
Inizio lavori27 marzo 1997
Inaugurazione2000
Mat. del terrenoParquet
Proprietarioprefettura di Saitama
ProgettoDan Meis
Ellerbe Becket[1]
Uso e beneficiari
Arti marziali misteUFC (2012-oggi)
Capienza
Posti a sedere22 500
Mappa di localizzazione

Coordinate: 35°53′41.6″N 139°37′51″E / 35.894889°N 139.630833°E35.894889; 139.630833

La Saitama Super Arena (さいたまスーパーアリーナ Saitama Sūpā Arīna?) è un'arena poli-funzionale coperta situata nella città di Saitama, Giappone. Può ospitare fino a 37.000 spettatori nella sua massima configurazione, e tra 19.000 e 22.500 quando ospita eventi di pallacanestro, pallavolo, tennis, hockey su ghiaccio, ginnastica, pugilato, arti marziali e wrestling. È anche l'unica arena giapponese attrezzata per ospitare partite di football americano. L'arena dispone anche di una grande sezione di posti rimovibili, permettendo così di ridurre notevolmente la capacità quando vengono ospitati eventi di minore importanza.

L'arena ha ospitato per 10 anni il John Lennon Museum, contenente memorabilia del cantante dei Beatles[2]. Il museo ha chiuso il 30 settembre 2010.

È uno dei due impianti di casa per la squadra di basket Saitama Broncos.

Principali eventi ospitati[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 l'Arena ha ospitato un match della lega americana di hockey su ghiaccio NHL tra i Nashville Predators ed i Pittsburgh Penguins.

Nel 2003 le squadre professionistiche americane di pallacanestro Seattle SuperSonics e Los Angeles Clippers hanno disputato due match nell'Arena.

Nel 2006 l'impianto ha ospitato la finale dei Campionati del Mondo di Basket tra Spagna e Grecia.

Nell'Arena hanno tenuto concerti numerosi cantanti e gruppi di fama mondiale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Saitama Super Arena Archiviato il 11 giugno 2011 in Internet Archive. architect Ellerbe Becket
  2. ^ Copia archiviata, su taisei.co.jp. URL consultato il 6 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2007). John Lennon Museum

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]