Giorgio Montefoschi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giorgio Montefoschi (Roma, 2 luglio 1946) è uno scrittore, critico letterario e traduttore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in Lettere presso l'Università degli Studi di Roma "La Sapienza" con una tesi sulla scrittrice Elsa Morante, pubblica il suo primo romanzo Ginevra nel 1974. Da allora è presente in diverse interviste e inchieste di riviste letterarie sull'arte del romanzo e più in generale sulla narrativa (per esempio in diversi numeri di "Nuovi Argomenti"). Ha frequentato Achille Campanile e Alberto Moravia. Ha inoltre collaborato al "Corriere della Sera" e al programma TV Mixer cultura, scritto con Giovanni Minoli e Aldo Bruno.

I suoi romanzi sono spesso ambientati per le strade e negli ambienti della borghesia di Roma.

Nel 1984, con La terza donna, è finalista del Premio Selezione Campiello[1] e nel 1985 del Premio Bergamo[2], mentre nel 1991 viene nuovamente incluso nella cinquina finale del Premio Campiello con Il volto nascosto. Nel 1994 è vincitore del Premio Strega con il romanzo La casa del padre [3]. Nel 1999, si aggiudica il Premio Fregene[4] e il Premio Nazionale Rhegium Julii[5] con Non desiderare la donna d’altri; nel 2004, il Premio Mondello con La sposa[6]; nel 2009 il Premio letterario Elba - Raffaello Brignetti con Le due ragazze con gli occhi verdi[7][8].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Libri di viaggio e saggistica[modifica | modifica wikitesto]

Fiabe[modifica | modifica wikitesto]

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Frank Kermode, Il senso della fine: studi sulla teoria del romanzo, Rizzoli, Milano 1972
  • Evan Hunter, L'estate scorsa, Rizzoli, Milano 1974
  • Arthur Koestler, Le squillo: una tragicommedia con un Prologo e un Epilogo, Rizzoli, Milano 1975

Introduzioni e prefazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Premio Campiello, opere premiate nelle precedenti edizioni, su premiocampiello.org. URL consultato il 24 febbraio 2019.
  2. ^ RACCOLTA PREMIO NAZIONALE DI NARRATIVA BERGAMO, su legacy.bibliotecamai.org. URL consultato il 7 maggio 2019.
  3. ^ 1994, Giorgio Montefoschi, su premiostrega.it. URL consultato il 10 maggio 2019.
  4. ^ Album storico del Premio Fregene, su web.tiscali.it. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  5. ^ premio Rhegium Julii, su circolorhegiumjulii.wordpress.com. URL consultato il 3 novembre 2018.
  6. ^ Albo d'oro del Premio Mondello, su premiomondello.it. URL consultato il 19 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2019).
  7. ^ A MONTEFOSCHI IL PREMIO ELBA N°37, su premioletterarioelba.it. URL consultato il 7 agosto 2022.
  8. ^ GIORGIO MONTEFOSCHI VINCE IL PREMIO BRIGNETTI, su tenews.it. URL consultato il 7 agosto 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN32052204 · ISNI (EN0000 0001 0884 9306 · SBN CFIV016885 · LCCN (ENn87104423 · GND (DE119448211 · BNF (FRcb12243050w (data) · J9U (ENHE987007271544905171 · CONOR.SI (SL17923171 · WorldCat Identities (ENlccn-n87104423