Marcello Fois

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marcello Fois

Marcello Fois (Nuoro, 20 gennaio 1960) è uno scrittore, commediografo e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1986 si laurea in italianistica presso l'Università di Bologna. Nel 1989 scrive il suo primo romanzo, Ferro Recente che, grazie a Luigi Bernardi della Granata Press, viene pubblicato nel 1992 in una collana di giovani autori italiani, nella quale figurano anche i primi libri di Carlo Lucarelli e Giuseppe Ferrandino.

Sempre nel 1992 pubblica Picta, con cui vince (ex aequo con Mara De Paulis) il Premio Italo Calvino[1]; nel 1997, per Nulla (con cui inizia la collaborazione con la casa editrice Il Maestrale), riceve il Premio Dessì.

Nel 1998, ancora per Il Maestrale, esce Sempre caro, primo romanzo di una trilogia (proseguita con Sangue dal cielo e L'altro mondo), ambientata nella Nuoro di fine Ottocento e che ha come protagonista un avvocato, Bustianu, personaggio per il quale Fois si è ispirato a un avvocato e poeta nuorese realmente esistito: Sebastiano Satta. Con Sempre caro nel 1998 vince il Premio Scerbanenco[2]. Con Dura madre vince nel 2002 il Premio Fedeli e nel 2007 riceve il Premio Lama e trama alla carriera.

Oltre che alla narrativa, Fois si dedica anche alla sceneggiatura, sia televisiva (Distretto di polizia, L'ultima frontiera) che cinematografica (Ilaria Alpi. Il più crudele dei giorni), e al teatro per cui ha scritto L'ascesa degli angeli ribelli, Di profilo, Cerimonia con Marinella Manicardi, Filippo Morelli, Mirella Mastronardi (segnalata al Premio UBU come giovane attrice non protagonista), Stazione (un atto unico per la commemorazione delle vittime della strage alla stazione di Bologna), Terra di nessuno e Cinque favole sui bambini (trasmesso a puntate da Radio 3 Rai). Dal suo racconto Disegno di sangue, pubblicato nel 2005 nell'antologia Crimini, è stato tratto un episodio dell'omonima fiction televisiva, trasmesso nel 2007 da Rai 2.

Ha scritto anche un libretto operistico tratto dal romanzo di Valerio Evangelisti Tanit.

Nel 2007, con il romanzo Memoria del vuoto, edito da Einaudi nel 2006, ha vinto il Premio Super Grinzane Cavour per la narrativa italiana, il premio Volponi e il Premio Alassio Centolibri - Un Autore per l'Europa. Con Giulio Angioni e Giorgio Todde è fra i fondatori del festival letterario L'isola delle storie di Gavoi[3]. È un esponente della "nuova letteratura sarda".

Opere[modifica | modifica wikitesto]

L'elenco non comprende tutte le raccolte di vari autori in cui è presente anche Fois.

  • Ferro Recente (Granata Press, 1992; poi ristampato da Einaudi nel 1999)
  • Picta (Marcos y Marcos, 1992; poi ristampato da Frassinelli nel 2003)
  • Meglio morti (Granata Press, 1993; poi ristampato da Einaudi nel 2000)
  • Falso gotico nuorese (Condaghes, 1993; poi inserito in "Materiali", Il Maestrale 2002)
  • Il silenzio abitato delle case (Moby Dick, 1996)
  • Gente del libro (Marcos y Marcos, 1996)
  • Sheol (Hobby & Work Publishing, 1997)
  • Nulla (Il Maestrale, 1997; "Premio Dessì")
  • Sempre caro (con prefazione di Andrea Camilleri, Il Maestrale 1998; poi coedizione Il Maestrale/Frassinelli, 1999)
  • Radiofavole (racconti in musica con CD; con Fabrizio Festa, Moby Dick, 1998)
  • Gap (Frassinelli, 1999)
  • Sangue dal cielo (con prefazione di Manuel Vázquez Montalbán, Il Maestrale/Frassinelli, 1999)
  • Sola andata (EL, 1999)
  • Cerimonia (CLUEB, 2000)
  • Compagnie difficili (con Albert Sánchez Piñol, Literalia, 2000)
  • Dura madre (Einaudi, 2001)
  • Piccole storie nere (Einaudi, 2002)
  • L'altro mondo (Il Maestrale/Frassinelli, 2002)
  • Materiali (Il Maestrale, 2002; ristampa di vari scritti già editi)
  • Ilaria Alpi. Il più crudele dei giorni (con Ferdinando Vicentini Orgnani, Frassinelli, 2003)
  • Tamburini. Cantata per voce sola (Il Maestrale, 2004)
  • Memoria del vuoto (Einaudi, 2006)
  • L'ultima volta che sono rinato (Einaudi 2006; poesie)
  • Io ho visto... ma non è detto che il mio sguardo mi appartenga, in AA. VV. (a cura di Giulio Angioni), Cartas de logu. Scrittori sardi allo specchio, Cagliari, CUEC, 2007.
  • In Sardegna non c'è il mare. Viaggio nello specifico barbaricino (Laterza 2008)
  • Stirpe (Einaudi 2009)
  • Paesaggi d'autore, con Alberto Masala, (Diabasis 2010)
  • Nel tempo di mezzo (Einaudi 2012)
  • L'importanza dei luoghi comuni (Einaudi 2013)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN90644656 · LCCN: (ENn95019979 · ISNI: (EN0000 0001 1774 3415 · GND: (DE121989267 · BNF: (FRcb13320821p (data)