Gilberto Sacerdoti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gilberto Sacerdoti (Padova, 1º giugno 1952) è un poeta e docente italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in filosofia all'Università di Bologna, ha poi conseguito la laurea in Lingua e letteratura inglese all'Università di Roma. È poi divenuto professore di Lingua e letteratura inglese presso l'Università di Roma Tre. Ha debuttato nel 1978 con la raccolta di poesie Fabbrica minima e minore, con cui nel 1979 ha vinto il Premio Mondello per l'opera prima poetica. La sua seconda raccolta, Il fuoco, la paglia, è stata finalista al Premio Viareggio. Nel 2001 ha vinto ad ex aequo il primo premio per la Poesia con la sua raccolta Vendo vento al Premio Nazionale Letterario Pisa. Per la stessa raccolta ha conseguito anche il Premio Procida-Isola di Arturo-Elsa Morante[1] e il Premio Nazionale Rhegium Julii[2] È autore di traduzioni e di saggi (questi ultimi dedicati a Shakespeare), tra i quali Sacrificio e sovranità ha vinto il premio speciale nell'ambito del Premio Viareggio 2004.[3]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Curatele[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fabbrica minima e minore, Parma-Lucca, Pratiche, 1978
  • Il fuoco, la paglia, Parma, Guanda, 1988
  • Vendo vento, Torino, Einaudi, 2001

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Nuovo cielo, nuova terra: la rivelazione copernicana di "Antonio e Cleopatra" di Shakespeare, Bologna, Il mulino, 1990
  • Sacrificio e sovranità: teologia e politica nell'Europa di Shakespeare e Bruno, Torino, Einaudi, 2002

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

  • George Steiner, Presenze reali, Milano, Mondadori, 1987
  • Henry James, Il carteggio Aspern, Venezia, Marsilio, 1991 (anche curatela)
  • Walter Scott, Cavalleria, Torino, Bollati Boringhieri, 1991
  • Stevie Smith, Il cinico bebè e altre poesie, Roma, Donzelli, 1996 (anche curatela)
  • Séamus Heaney, Veder cose, Milano, Mondadori, 1997 (anche curatela)
  • William Shakespeare, Poemetti, Milano, Garzanti, 2000 (anche curatela)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Albo vincitori "Isola di Arturo", su premioprocidamorante.it. URL consultato il 9 maggio 2019.
  2. ^ Albo d'oro, su circolorhegiumjulii.wordpress.com. URL consultato il 12 maggio 2019.
  3. ^ Premio letterario Viareggio-Rèpaci, su premioletterarioviareggiorepaci.it. URL consultato il 9 agosto 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9899468 · ISNI (EN0000 0000 6155 6134 · SBN IT\ICCU\CFIV\086465 · LCCN (ENn79030823 · BNF (FRcb12219848c (data) · WorldCat Identities (ENn79-030823