Marina Valensise

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Marina Valensise (Roma, 20 febbraio 1957) è una giornalista italiana, direttrice dell'Istituto italiano di cultura di Parigi dal 2012 al 2016.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la laurea in Letteratura francese presso l’Università La Sapienza di Roma nel 1980, ha conseguito a Parigi il Diplôme de Doctorat presso l’École des Hautes Études en Sciences Sociales. È stata borsista della Fondazione Luigi Einaudi, del Consiglio nazionale delle ricerche (CNR), maître de conférence all’École des Hautes Études en Sciences Sociales, professoressa all’Università di Reggio Calabria e “visiting scholar“ presso il John M. Olin Center dell’Università di Chicago. Dal giugno 1992 al maggio 1994 è stata a capo della Segreteria particolare del Ministro per i Beni Culturali Alberto Ronchey (Governo Amato I e Governo Ciampi). Dal 2012 al 2016 ha diretto ’Istituto italiano di cultura di Parigi[1]. Scrive di arte, cultura e libri sulle pagine dei quotidiani «Il Foglio»[2] e «Il Messaggero», e su quelle di «Sette», supplemento settimanale del «Corriere della Sera», e della rivista settimanale «Panorama».

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • (2013) - Premio Mondello: Premio Speciale per la Narrativa di viaggio con il saggio Il sole sorge a sud (Marsilio)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nominati i Direttori degli Istituti di Cultura di Parigi, Pechino e Tokyo, su esteri.it, 17 maggio 2012. URL consultato il 24 dicembre 2018.
  2. ^ Articoli pubblicati su Il Foglio, su ilfoglio.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN56473020 · ISNI (EN0000 0000 4951 1638 · SBN IT\ICCU\CFIV\115463 · LCCN (ENnr92012261 · BNF (FRcb12700396b (data) · WorldCat Identities (ENnr92-012261