Ernesto Franco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ernesto Franco (Genova, 1956) è uno scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in lettere all'Università di Genova, ha lavorato presso le case editrici Marietti e Garzanti e insegnato alle università di Genova e Siena. Studioso della cultura ispano-americana, ha curato o tradotto opere di Jorge Luis Borges, Julio Cortazar, Alvaro Mutis, Octavio Paz, Ernesto Sabato, Mario Vargas Llosa; ha curato inoltre l'Antologia della letteratura fantastica con testi di Borges, Silvina Ocampo, Adolfo Bioy Casares (Torino, Einaudi, 2007). Dal 1998 è direttore editoriale della Einaudi. Nel 1999, con Vite senza fine, ha vinto il Premio Viareggio.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Isolario, Torino, Einaudi, 1994
  • Vite senza fine, Torino, Einaudi, 1999
  • Nostro mostro Moby Dick, Napoli, Libreria Dante & Descartes, 2003
  • Usodimare: un racconto per voce sola, Genova, Il Melangolo, 2007

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN34637489 · LCCN: (ENn86022537 · SBN: IT\ICCU\CFIV\014861 · ISNI: (EN0000 0001 1618 1406 · BNF: (FRcb137477723 (data)