Gabriele Pedullà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gabriele Pedullà (Roma, 8 luglio 1972) è uno scrittore, critico letterario, accademico e critico cinematografico italiano.

È figlio di Walter Pedullà.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Roma, si è laureato in letteratura italiana con Giulio Ferroni presso l’Università “La Sapienza”, dopo aver studiato per un anno presso l’École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi, dove ha seguito le lezioni di Gérard Genette, Jacques Derrida, Jacques Le Goff, Pierre Vidal-Naquet e soprattutto di Nicole Loraux (di cui in seguito ha curato l'edizione italiana di un libro). Nel 2002 ha conseguito un dottorato di ricerca in Letteratura italiana presso la “Statale” di Milano con Michele Mari come relatore.

Dopo aver insegnato per alcuni anni presso l’Università di Teramo, dal 2009 è professore di Letteratura italiana presso l’Università di Roma Tre, dove tiene anche corsi di Letteratura italiana contemporanea, Storia della critica letteraria e Letterature comparate. È stato visiting professor presso le università di Stanford, a UCLA, alla École Normale Supérieure di Lyon e a Princeton, e borsista presso Villa I Tatti – The Harvard Center for Renaissance Studies in Florence, la Italian Academy for Advanced Studies in America della Columbia University e l’Institute for Advanced Study di Princeton[1].

È autore di numerosi saggi di critica letteraria, in particolare riguardanti Beppe Fenoglio e la letteratura della Resistenza, Federico De Roberto e Niccolò Machiavelli. Si è occupato anche di critica cinematografica, scrivendo per alcuni anni su Filmcritica e dando alle stampe una monografia sul regista francese Claude Sautet e un volume sulla storia della sala cinematografica e sui modi in cui è cambiata la fruizione degli audiovisivi grazie al diffondersi degli individual media come videoregistratori, telefonini, laptop[2]. Con Sergio Luzzato, tra il 2010 e il 2012, ha curato per Einaudi l'Atlante della Letteratura Italiana. Dirige l'edizione commentata delle opere di Cesare Pavese nei tascabili Garzanti. Negli ultimi anni ha sempre più indirizzato le sue ricerche anche verso la storia del pensiero politico italiano ed europeo e, con una serie di antologie precedute da lunghe introduzioni, ai rapporti tra intellettuali e politica nell'Italia Unita. Per la sua attività di studioso ha ricevuto diversi premi tra cui il Premio Marino Moretti Opera Prima, il Premio Santa Marinella, Il Premio Bergamo Giovani Critici e il Premio Tagliacozzo.

Ha esordito nella narrativa nel 2009 con la raccolta di racconti Lo spagnolo senza sforzo (vincitrice del Premio Verga, del Premio Frontino, del Premio Mondello Opera Prima, del Premio Cutro e del Premio Rhegium Julii per l'Opera Prima) e nel 2017 ha pubblicato il suo primo romanzo Lame (vincitore del Premio Martoglio e del Premio Carlo Levi)[3]. Nel 2020 ha ricevuto il Super Premio Flaiano per la narrativa per la raccolta di racconti dal titolo Biscotti della fortuna (pubblicato da Einaudi come i due precedenti).[4]

Redattore per alcuni anni del bimestrale Il Caffè illustrato diretto dal padre Walter[5], ha collaborato a lungo con il supplemeto Alias de il manifesto e dal 2009 scrive per Il Sole 24 Ore[6].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte di racconti[modifica | modifica wikitesto]

Critica cinematografica[modifica | modifica wikitesto]

  • Claude Sautet, Roma, Dino Audino, 1996.
  • In piena luce: i nuovi spettatori e il sistema delle arti, Milano, Bompiani, 2008 ISBN 978-88-452-6077-3. Traduzione inglese: In Broad Daylight: Movies and Spectators after the Cinema, London-New York, Verso, 2012 ISBN 9781844678532.

Critica letteraria[modifica | modifica wikitesto]

  • La strada più lunga: sulle tracce di Beppe Fenoglio, Roma, Donzelli, 2001. ISBN 9788879896115.
  • Atlante della letteratura italiana a cura di e con Sergio Luzzatto, 3 voll., Torino, Einaudi, 2010-2012. ISBN 978-88-06-18525-1.
  • Machiavelli in tumulto: conquista, cittadinanza e conflitto nei «Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio», Roma, Bulzoni, 2011. ISBN 978-88-7870-647-7. Traduzione inglese: Machiavelli in Tumult. The Discourses on Livy and the Origins of Political Conflictualism. Cambridge-New York, Cambridge University Press, 2018 ISBN 9781107177277.

Principali curatele[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Prof. Gabriele Pedullà: informazioni personali sul sito www.uniroma3.it
  2. ^ Scheda dell'autore, su allegoriaonline.it. URL consultato il 14 febbraio 2018.
  3. ^ Premio Letterario Internazionale Mondello - XXXVI Edizione, su fondazionesicilia.it. URL consultato il 14 febbraio 2018.
  4. ^ Giuliano Di Tanna, Il Super Flaiano di Narrativa ai Biscotti di Gabriele Pedullà, su il Centro, 5 luglio 2020. URL consultato l'8 luglio 2020.
  5. ^ Rivista Il Caffè Illustrato, su gangemieditore.com. URL consultato il 14 febbraio 2018.
  6. ^ Interventi dello scrittore dal sito www.argomenti.ilsole24ore.com

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59267569 · ISNI (EN0000 0001 2135 1270 · SBN BVEV039778 · BAV 495/300469 · LCCN (ENno2001023108 · GND (DE135869021 · BNF (FRcb13775313m (data) · J9U (ENHE987007430953305171 · WorldCat Identities (ENlccn-no2001023108