Les Murray

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Les Murray nel 2014

Leslie Allan "Les" Murray (Nuovo Galles del Sud, 17 ottobre 1938) è un poeta e scrittore australiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Nabiac, Nuovo Galles del Sud, nel 1938, trascorre la sua infanzia in povertà nella fattoria dei nonni nel distretto di Bunyah[1].

Rimasto orfano della madre nel 1951, si deve occupare del padre malato e, dopo essere stato vittima di bullismo durante l'adolescenza, inizia a studiare all'Università di Sydney dove entra in contatto con i giovani scrittori dell'epoca[2].

Sposatosi nel 1962, la sua prima raccolta di poesie esce tre anni più tardi e da allora ha pubblicato altre dodici collezioni di liriche, due romanzi in versi, numerosi saggi oltre a curare sei antologie poetiche[3].

Tra i numerosi riconoscimenti ottenuti si annovera un T. S. Eliot Prize nel 1996 e un Premio Mondello nel 2004 come autore straniero[4].

Opere tradotte in italiano[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • Un arcobaleno del tutto normale (An Absolutely Ordinary Rainbow) (2000), Milano, Adelphi, 2004 a cura di Gaetano Prampolini ISBN 88-459-1900-5

Romanzi in versi[modifica | modifica wikitesto]

  • Freddy nettuno (Fredy Neptune) (1999), Varese, Giano, 2004 traduzione e postfazione di Massimiliano Morini ISBN 88-7420-022-6

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Lettere dalla Beozia: scritti sull'Australia e la poesia, Varese, Giano, 2005 traduzione e postfazione di Massimiliano Morini ISBN 88-7420-056-0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Profilo dello scrittore, su poetryfoundation.org. URL consultato il 23 gennaio 2018.
  2. ^ (EN) Biography, su poetrylibrary.edu.au. URL consultato il 23 gennaio 2018.
  3. ^ (EN) Les Murray, The Art of Poetry No. 89, su theparisreview.org. URL consultato il 23 gennaio 2018.
  4. ^ (EN) Intervista al poeta Les Murray vincitore del Mondello (PDF), su centroculturaledimilano.it. URL consultato il 23 gennaio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN4940524 · ISNI (EN0000 0001 2118 5321 · LCCN (ENn50034270 · GND (DE119223147 · BNF (FRcb120030841 (data)