Andrea Camilleri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrea Camilleri nel 2010
Andrea camilleri signature-firma.png

Andrea Calogero Camilleri (Porto Empedocle, 6 settembre 1925Roma, 17 luglio 2019) è stato uno scrittore, sceneggiatore, regista, drammaturgo e insegnante italiano. Ha insegnato regia all'Accademia nazionale d'arte drammatica.

Camilleri è stato tradotto in almeno 120 lingue (tra cui inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese, irlandese, russo, polacco, greco, norvegese[1], ungherese, giapponese, ebraico e croato)[2] e ha venduto più di 10 milioni di copie.[3][4][5]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studi e formazione[modifica | modifica wikitesto]

Andrea Calogero Camilleri nasce il 6 settembre 1925 a Porto Empedocle (AG), figlio unico di Carmelina Fragapane e di Giuseppe Camilleri, ispettore delle compagnie portuali che partecipò alla Marcia su Roma.[6]

Vive a Roma dalla fine degli anni quaranta e dal 1968 trascorre alcuni mesi l'anno a Bagnolo, frazione di Santa Fiora, nel territorio del Monte Amiata in Toscana[7]. Dal 26 settembre 2014 è cittadino onorario del borgo toscano, da lui descritto come suo "luogo del cuore"[8][9]; il 14 agosto 2017 gli viene intitolato il Teatro Comunale del paese grossetano.[10]

Dal 1939 al 1943, dopo una breve esperienza in Collegio Vescovile "Pio X", dal quale fu espulso per aver lanciato delle uova contro un crocifisso, studia al Liceo Classico "Empedocle" di Agrigento dove nel 1943 otterrà la maturità senza fare esami, poiché, a causa dei bombardamenti e in previsione dell'imminente sbarco in Sicilia delle forze alleate, le autorità scolastiche decisero di chiudere le scuole e di considerare valido il secondo scrutinio trimestrale.[11]

A giugno dello stesso anno comincia, come ricorda lo scrittore, «una sorta di mezzo periplo della Sicilia a piedi o su camion tedeschi e italiani sotto un continuo mitragliamento per cui bisognava gettarsi a terra, sporcarsi di polvere, di sangue, di paure».

Tra il 1946 e il 1947 vive a Enna, in due misere stanzette prive di riscaldamento, e casualmente, dapprima attirato dal tepore, comincia a frequentare con assiduità la Biblioteca Comunale diretta dall'avvocato Fontanazza. Diventato suo amico questi gli fa conoscere gli scritti originali di due celebrità letterarie locali: Nino Savarese e Francesco Lanza.

Diventa anche amico di Franco Cannarozzo, che poi divenne un famoso scrittore di romanzi di fantascienza con lo pseudonimo di Franco Enna. Camilleri ricorda che il periodo ennese lo indusse a partecipare a certamen letterari, e fu proprio nel 1947 che vinse il Premio Firenze con alcune sue poesie. Camilleri, nel documentario Rai "Il luogo e la memoria" (da lui scritto e letto) attesta il debito letterario verso Enna: «...Ed io, proprio in quelle due stanzette, credo di essermi formato come scrittore»[12].

Carriera da regista e attore[modifica | modifica wikitesto]

Incomincia a lavorare come regista teatrale nel 1942. Nel 1944 si iscrive alla facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Palermo, ma non consegue la laurea.[11] S'iscrive al Partito Comunista Italiano e dal 1945 pubblica racconti e poesie, arrivando anche fra i finalisti del Premio Saint Vincent.

Nel 1949 viene ammesso, unico allievo regista per quell'anno, all'Accademia nazionale d'arte drammatica, dove conclude gli studi nel 1952, contemporaneamente ad allievi attori che diverranno celebri, come Luigi Vannucchi, Franco Graziosi e Alessandro Sperlì, con i quali stringe amicizia; da allora esegue la regia di più di cento opere, soprattutto di drammi di Pirandello. Tra il 1945 e il 1950 pubblica racconti e poesie, vincendo anche il Premio Saint Vincent. Alcune sue poesie vengono pubblicate in un'antologia curata da Giuseppe Ungaretti.

Scrive i suoi primi racconti per riviste e per quotidiani come L'Italia socialista e L'Ora di Palermo.

È il primo a portare Beckett in Italia, di cui mette in scena Finale di partita nel 1958 al Teatro dei Satiri di Roma e poi ne cura una versione televisiva con Adolfo Celi e Renato Rascel.

A Camilleri si devono anche le rappresentazioni teatrali di testi di Ionesco (Il nuovo inquilino nel 1959 e Le sedie nel 1976), Adamov (Come siamo stati nel 1957, prima assoluta in Italia), Strindberg, T. S. Eliot. Porta in teatro i poemi di Majakovskij nello spettacolo Il trucco e l'anima.

Carriera in Rai[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1954 partecipa con successo a un concorso per funzionari Rai, ma non viene assunto poiché comunista, come disse lui stesso.[13][14][15][16] Entra alla Rai tre anni dopo.[11] Nel 1957 sposa Rosetta Dello Siesto da cui ha tre figlie e quattro nipoti.

Insegna al Centro sperimentale di cinematografia di Roma dal 1958 al 1965 e poi dal 1968 al 1970; è titolare della cattedra di regia all'Accademia nazionale d'arte drammatica dal 1977 al 1997. Scrive su riviste italiane e straniere (Ridotto, Sipario, Il dramma, Le thèâtre dans le monde) e dal 1995 su l'«Almanacco letterario» (Edizione dell'Altana).

Dal 1959 a tutti gli anni sessanta, tra le molte produzioni Rai di cui si occupa come delegato alla produzione hanno successo gli sceneggiati Le avventure di Laura Storm, con Lauretta Masiero, e le fiction con il tenente Sheridan, protagonista Ubaldo Lay (fra cui la miniserie La donna di quadri), Le inchieste del commissario Maigret, con protagonista Gino Cervi.

Nel 1968 cura la regia del teleromanzo Lazarillo, tratto dal romanzo Lazarillo de Tormes, con Paolo Carlini e Vittorio Guerrieri.

Attore[modifica | modifica wikitesto]

«Se potessi, vorrei finire la mia carriera seduto in una piazza a raccontare storie e alla fine del mio 'cunto', passare tra il pubblico con la coppola in mano»

(Andrea Camilleri[17])

Camilleri è stato anche attore, interpretando la parte di un vecchio archeologo nel film del 1999 di Rocco Mortelliti La strategia della maschera. Il film giallo, che ha avuto scarso successo sia presso la critica sia presso il pubblico, narra gli eventi che si svolgono tra la Sicilia e Roma relativi alla sparizione di preziosi reperti archeologici.[18] Ha detto l'esordiente attore che in effetti «Non è la mia prima volta da attore, mi è capitato anni fa in Quel treno da Vienna, secondo di tre film per la televisione tratti dai romanzi di Corrado Augias, con Jean Rochefort. Io facevo il suo capo nei servizi segreti[19]

Alla fine del 2002 accetta la nomina di direttore artistico del Teatro Comunale Regina Margherita di Racalmuto, inaugurato nel febbraio 2003 alla presenza del Capo dello Stato, Carlo Azeglio Ciampi.

L'11 giugno 2018 ha recitato al Teatro Greco di Siracusa il suo monologo Conversazione su Tiresia in cui ripercorre la vita dell'indovino cieco collegandola alla sua sopravvenuta cecità.[20][21]

Carriera da scrittore[modifica | modifica wikitesto]

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Primi lavori[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1978 esordisce nella narrativa con Il corso delle cose, scritto dieci anni prima e pubblicato gratuitamente da un editore a pagamento con l'impegno di citare l'editore stesso nei titoli dello sceneggiato TV La mano sugli occhi tratto dal libro che non viene distribuito e rimane ignoto al pubblico dei lettori.[22]

Nel 1980 pubblica con Garzanti Un filo di fumo, primo di una serie di romanzi ambientati nell'immaginaria cittadina siciliana di Vigata a cavallo fra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento. Grazie a quest'ultima opera Camilleri riceve il suo primo premio letterario a Gela.

Nel 1984 pubblica, per Sellerio editore, La strage dimenticata, senza successo.[22]

Anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1992 riprende a scrivere dopo dodici anni di pausa e pubblica La stagione della caccia e nel 1993 La bolla di componenda, entrambe presso Sellerio Editore[22]. Successivamente (1995) Il birraio di Preston, che partecipa al Premio Viareggio e grazie al quale, pur senza classificarsi, riesce a ottenere un discreto successo di pubblico vendendo quasi 70.000 copie.[23] Con quest'opera partecipa a Siracusa, nel 1996, anche al Premio Vittorini, entra nella rosa dei tre vincitori ma il Superpremio della giuria viene aggiudicato a Gustaw Herling[24].

Camilleri diventa un autore di grande successo e i suoi libri, ristampati più volte, vendono mediamente intorno alle 60 000 copie, anche se non tutti trovano il consenso unanime della critica che lo accusa di essere a volte ripetitivo.[25]

Dal 1995 al 2003 si amplia il fenomeno Camilleri, che di fatto esplode nel 1998. Titoli come La concessione del telefono e La mossa del cavallo (1999) vanno a ruba. La mossa del cavallo è un romanzo poliziesco ispirato da un fatto di cronaca realmente accaduto a Barrafranca (Enna) nel XIX secolo. Da esso è stato tratto il film TV La mossa del cavallo - C'era una volta Vigata trasmesso da Rai 1 il 26 febbraio 2018,[26] con protagonista Michele Riondino. È la prima trasposizione televisiva di un romanzo storico dello scrittore.

Anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 pubblica Favole del tramonto in cui Camilleri, benché ormai felicemente nonno, comincia a scrivere favole, non per i suoi nipoti, ma in seguito ad una richiesta di una cooperativa di carcerati ed ex detenuti per i quali compose una prima favola: La magarìa.[27]

Nel 2001 viene pubblicato il romanzo Il re di Girgenti, ambientato nel Seicento, interamente scritto in siciliano inframmezzato con lo spagnolo.

Camilleri nel 1998, «assittato» a leggere nella sua casa romana.

Nello stesso anno da alle stampe Le inchieste del commissario Collura, antologia di racconti gialli ambientati su una nave da crociera in cui sembra comparire anche Silvio Berlusconi. Il libro contiene anche un'Intervista sul commissario Collura a cura di Giovanni Capecchi dove Camilleri racconta che a 12 anni avrebbe voluto fare il marinaio e come i racconti di mare che ha letto lo abbiano aiutato molto a scrivere le storie del commissario Collura. Suso Cecchi d'Amico ha tratto una sceneggiatura dai racconti ma la proposta cinematografica non si è realizzata mentre è andata a buon fine la composizione di un'opera lirica, rappresentata in vari teatri italiani, su un libretto di Rocco Mortelliti tratto dal racconto Il fantasma nella cabina.[28]

A marzo 2005 viene edito Privo di titolo. Nel febbraio 2008 per Mondadori pubblica Il tailleur grigio e nel giugno dello stesso anno con Sellerio Il casellante, secondo romanzo di una trilogia di romanzi fantastici, primo dei quali è il romanzo Maruzza Musumeci pubblicato nel 2007, conclusasi nel 2009 con Il sonaglio.

Il 4 settembre 2008 ha vinto il Premio internacional de novela negra RBA[29] con un inedito in lingua spagnola dal titolo La muerte de Amalia Sacerdote che sarà pubblicato in Spagna il 9 ottobre 2008 e in Italia nel 2009 con il titolo La rizzagliata.

Di particolare interesse la serie di romanzi biografici, di fantasia, dedicata ai grandi pittori: nel 2007 pubblica per Mondadori Il colore del sole (Caravaggio), nel 2008 per Skira La Vucciria (Guttuso) e nel 2009 sempre per Skira il romanzo ambientato nella "sua" Agrigento Il cielo rubato. Dossier Renoir (Renoir).

Nel 2009 pubblica per Rizzoli il romanzo pirandelliano La tripla vita di Michele Sparacino.

Anni dieci[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010, oltre ai romanzi con protagonista Montalbano, escono presso Sellerio Il nipote del Negus, una divertente storia ambientata nella Vigata del ventennio fascista, e, presso Mondadori, L'intermittenza, thriller ambientato nella Milano odierna.

Nel 2011 Camilleri pubblica I fantasmi, romanzo breve fra il giallo, il fantastico ed il satirico, e collabora con Edoardo De Angelis nel brano Spasimo, contenuto nell'album del cantautore romano Sale di Sicilia, insieme con Franco Battiato. Sempre lo stesso anno gli viene conferito il Premio Fondazione Il Campiello.

Nel 2013 con La rivoluzione della luna, Camilleri prendendo spunto da un episodio storico, e che descrive arricchendolo dei colori della sua fantasia, richiama la convinzione dell'autore che le donne abbiano doti tali da esercitare un'azione politica coraggiosa e concreta che classi sociali misogine e reazionarie ostacolano con ogni mezzo.

Inseguendo un'ombra del 2014, può essere considerato il complemento romanzato della biografia dell'umanista Flavio Mitridate.

L'ultimo libro pubblicato prima della sua morte è il romanzo breve giallo Km 123 nel 2019.

La serie di Montalbano[modifica | modifica wikitesto]

Primi racconti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994 Camilleri da alle stampe La forma dell'acqua, primo romanzo poliziesco con protagonista il commissario Montalbano personaggio destinato ad imporsi nel panorama letterario del romanzo giallo in Italia mentre la serie televisiva su Montalbano, interpretato da Luca Zingaretti, fa di Camilleri ormai un autore cult.

Il nome Montalbano venne scelto da Camilleri in omaggio allo scrittore spagnolo Manuel Vázquez Montalbán, ideatore di un altro famoso investigatore, Pepe Carvalho: i due personaggi hanno in comune l'amore per la buona cucina e le buone letture[30], i modi piuttosto sbrigativi e non convenzionali nel risolvere i casi e una storia d'amore controversa e complicata con donne anch'esse complicate.

Nel 1996, pubblica Il ladro di merendine, prima e principale fonte di notizie sul background familiare di Montalbano. Due anni dopo, nel 1998, è la volta di Un mese con Montalbano, prima raccolta di racconti sul commissario seguita l'anno successivo da un'altra antologia di racconti intitolata Gli arancini di Montalbano. La serie quindi prosegue con il romanzo La gita a Tindari del 2000.

Affermazione della serie[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi anni duemila si susseguono diverse storie del commissario ambientate nella immaginaria Vigata.

Nel 2004 La pazienza del ragno, nel giugno 2005 La luna di carta: tutti con protagonista Salvo Montalbano. Tra il 2006 e il 2008, pubblica altri cinque romanzi che hanno per protagonista Montalbano: La vampa d'agosto, Le ali della sfinge, La pista di sabbia, Il campo del vasaio, L'età del dubbio. Nel 2007 vince il Premio letterario "La Tore - Isola d'Elba".

Inoltre, sempre nel 2008, pubblica, per la prima volta sul web (e precisamente sul quotidiano on-line AgrigentoNotizie) un suo racconto, La finestra sul cortile (già apparso in versione cartacea sul mensile Il Nasone di Prati), che vede come protagonista sempre il commissario Montalbano, inserito come appendice nel libro Racconti di Montalbano.

Camilleri nel 2008 al Salone internazionale del libro di Torino

Il 2009 incomincia con il romanzo La danza del gabbiano, vincitore nello stesso anno della XXVI edizione del Premio Cesare Pavese. Tutti presso Sellerio nella collana La Memoria, fondata da Leonardo Sciascia.

Nel 2010 nella stessa collana escono i successivi romanzi di Montalbano, La caccia al tesoro e Il sorriso di Angelica, ai quali si affianca un terzo romanzo, Acqua in bocca, pubblicato da minimum fax. Quest'ultimo scritto insieme con Carlo Lucarelli nella forma "epistolare" già sperimentata con successo ne La scomparsa di Patò, il romanzo vede per la prima volta il commissario Montalbano interagire con un altro investigatore letterario, l'ispettore Grazia Negro creata appunto da Lucarelli.

Il successo della serie sul commissario porta Camilleri ad essere conosciuto e premiato anche all'estero. Il campo del vasaio (tradotto in inglese da Stephen Sartarelli) vince il premio International Dagger conferitogli dalla Crime Writers' Association. L'annuncio è stato fatto il 5 luglio 2012 durante la cerimonia di premiazione tenutasi a One Birdcage Walk a Londra.[31]

La fine della serie[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni seguenti Camilleri continua a pubblicare numerosi romanzi con protagonista Montalbano o che trattano eventi storici rielaborati dalla sua fantasia.

Il filone narrativo del Commissario Montalbano è destinato a una conclusione in quanto nel 2006 Andrea Camilleri ha consegnato all'editore Sellerio l'ultimo libro con il finale della storia, chiedendo che questo venisse pubblicato dopo la sua morte; dichiarerà in proposito:

«Ho scritto la fine dieci anni fa... ho trovato la soluzione che mi piaceva e l'ho scritta di getto, non si sa mai se poi arriva l'Alzheimer. Ecco, temendo l'Alzheimer ho preferito scrivere subito il finale. La cosa che mi fa più sorridere è quando sento che il manoscritto è custodito nella cassaforte dell'editore... È semplicemente conservato in un cassetto.[32]»

Racconta lo scrittore, che - rivelando il segreto dell'ultimo libro della serie - assicura:

«Non può cadere in un burrone come Sherlock Holmes e poi ricomparire in altre forme. Montalbano non muore.[33]»

Ispirazione per fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Nel numero 2994 del fumetto Topolino del 16 aprile 2013 appare la storia "Topolino e la promessa del gatto". Il racconto ambientato in Sicilia vede Topolino aiutare il commissario Salvo Topalbano, parodia del celebre commissario Salvo Montalbano. Un altro personaggio della storia, il signor Patò, è stato disegnato secondo la fisionomia dello scrittore siciliano.[34]. La storia, disegnata da Giorgio Cavazzano e tratta dai testi di Francesco Artibani, è stata supervisionata proprio da Camilleri.[35]. Lo stesso autore in un'intervista afferma che è la prima volta che il suo personaggio appare in un fumetto nonostante avesse avuto altre offerte in passato.[36]

Caratteristiche da autore[modifica | modifica wikitesto]

Metodo[modifica | modifica wikitesto]

In un dialogo con lo scrittore Francesco Piccolo, Camilleri descrive al lettore il suo metodo di scrittore[37] forse sorprendente per il lettore che dalla personalità dell'autore si aspettava un modo di comporre del tutto diverso.

Una caratteristica dei libri di Andrea Camilleri è che hanno tutti una struttura prefissata e ben regolare:

«Per un romanzo di Montalbano diciotto capitoli ciascuno di dieci pagine, ogni pagina nel mio computer vuol dire 23 righe. Un romanzo ben congegnato sta perfettamente in 180 pagine. Per i racconti, 24 pagine, o meglio 4 capitoli di 6 pagine ciascuno. Se non sento questa mia metrica vuol dire che qualcosa non va[38]

Questa esigenza di ordine geometrico-matematico, continua Camilleri, lo costringe come un geometra a fare una sorta di pianta del romanzo che intende scrivere e che pure ha completo nella sua mente. «I vuoti, i pieni, dove c'è la finestra, dove c'è il giardino. Ho bisogno di organizzarmi questo schema, e fino a quando non organizzo questo schema sono incapace di scrivere.» Del resto anche Simenon, il suo maestro, faceva lo stesso e «Quindi vuol dire che non sono solo nelle mie manie, questo mi consola».

La perdita della vista[modifica | modifica wikitesto]

Nella nota finale del suo centesimo libro, L'altro capo del filo, pubblicato nel maggio 2016, Camilleri dichiara che questo è «un Montalbano scritto nella sopravvenuta cecità», infatti, a 91 anni ha dovuto dettare il romanzo alla sua assistente Valentina Alferj, «l'unica che sia in grado di scrivere in vigatese.»[39][40] non potendo più scrivere autonomamente per l'impossibilità di vedere.

La lingua di Camilleri[modifica | modifica wikitesto]

Una peculiarità di alcuni romanzi di Camilleri è l'uso di un particolare linguaggio commisto di italiano e siciliano.[41] Come sue prime opere letterarie Camilleri scrisse poesie che rispettavano scrupolosamente le regole di composizione e usavano il linguaggio letterario italiano. Le sue poesie furono premiate in concorsi poetici importanti e furono riconosciute come notevoli, tanto che Giuseppe Ungaretti le fece stampare in una sua antologia e lo stesso fece Ugo Fasolo. In seguito lo stesso Salvatore Quasimodo insistette per avere delle sue poesie da pubblicare. Il nuovo interesse per il teatro fece però abbandonare a Camilleri la poesia, anche se continuò con la scrittura di brevi racconti in italiano. Questo fino a quando, avendo deciso di voler rappresentare opere teatrali sue con parole sue, si rese conto di non riuscire a esprimersi in italiano in opere di grande respiro, e così smise di scrivere sia in versi sia in prosa.

Lavorando per il teatro Camilleri s'imbatté nelle opere in dialetto di Carlo Goldoni e del Ruzante e da lì gli nacquero l'amore per Gioacchino Belli e Carlo Porta e la scoperta dell'uso letterario del siciliano, che gli fece tornare la voglia di scrivere.

Il particolare linguaggio di Camilleri si formò quando, assistendo in ospedale suo padre morente, volle raccontargli una storia[42] che avrebbe voluto pubblicare ma che non era capace di comporre in italiano: fu suo padre a suggerirgli di scriverla come gliel'aveva raccontata.

Tuttavia uno scrittore che volesse essere compreso da tutti non poteva esprimersi completamente in siciliano, pertanto occorreva adottare un linguaggio equilibrato dove i termini dialettali avessero la stessa qualità e significanza, la stessa risonanza di quelli italiani. Fu un duro lavoro di elaborazione che continua tuttora, ad esempio nei romanzi scritti in vigatese dove la base del lavoro è sempre una iniziale struttura in lingua italiana, con cui mescolare i termini tratti non dalla letteratura alta ma dai vari dialetti siciliani comunemente parlati.

«... Non si tratta di incastonare parole in dialetto all'interno di frasi strutturalmente italiane, quanto piuttosto di seguire il flusso di un suono, componendo una sorta di partitura che invece delle note adopera il suono delle parole. Per arrivare ad un impasto unico, dove non si riconosce più il lavoro strutturale che c'è dietro. Il risultato deve avere la consistenza della farina lievitata e pronta a diventare pane.»[43][44]

Impegno politico[modifica | modifica wikitesto]

Camilleri ha partecipato alla manifestazione No Cav Day, l'8 luglio 2008 a piazza Navona, contro i provvedimenti del governo Berlusconi IV in materia di giustizia.

Camilleri al No Cav Day in piazza Navona, Roma, 8 luglio 2008.

Il 29 gennaio 2009 decide di entrare in politica prospettando il "Partito dei Senza Partito" insieme con Antonio Di Pietro e Paolo Flores d'Arcais per partecipare alle elezioni europee del 2009[45] ma il 12 marzo dello stesso anno viene annunciato il mancato accordo fra i tre.

Nel marzo 2013, in seguito alle Elezioni politiche, assieme ad altri personaggi famosi lancia una raccolta firme con l'appoggio di MicroMega con l'intento di non fare entrare al Senato Silvio Berlusconi per la questione del conflitto d'interessi facendo applicare il D.P.R. n. 361 del 1957, riprendendo peraltro l'iniziativa portata avanti già nel 1994 e nel 1996 da un altro comitato di personaggi e conclusasi con il parere sfavorevole della Giunta delle elezioni della Camera dei deputati.[46]

Il 5 giugno 2013, nel corso della presentazione in un programma televisivo del suo libro Come la penso, ha espresso alcune sue considerazioni sulla situazione politica italiana; la sua contrarietà al governo Letta e alla rielezione del capo dello Stato Giorgio Napolitano.[47]

Ha manifestato il suo appoggio alla lista Tsipras per le elezioni europee del 2014, salvo poi ritirarlo per polemiche interne.[48]

La morte[modifica | modifica wikitesto]

«Diventato cieco mi è venuta una curiosità immensa di intuire cosa sia l’eternità, quell’eternità che ormai sento così vicina a me.[49]»

La mattina del 17 giugno 2019, Camilleri viene trasportato in gravi condizioni all'ospedale Santo Spirito di Roma per un arresto cardiorespiratorio e ricoverato in prognosi riservata nel reparto di rianimazione, dove muore il 17 luglio senza aver mai ripreso conoscenza.[50][51]

Il creatore del commissario Montalbano è stato colpito dal malore mentre si stava preparando a partecipare con la sua Autodifesa di Caino allo spettacolo che si sarebbe tenuto il 15 luglio alle antiche Terme di Caracalla.

È stato sepolto nel Cimitero acattolico di Roma, dopo aver ricevuto un funerale, secondo la sua volontà, strettamente privato.[52][53]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Serie del Commissario Montalbano[modifica | modifica wikitesto]

Audiolibri[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiati radiofonici Rai[modifica | modifica wikitesto]

Programmi radio Rai[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regia[modifica | modifica wikitesto]

  • La carretta dei comici (1970)
  • Re Cervo (1970)
  • Lazarillo (1970)
  • Finale di partita (1970)
  • Francesca Da Rimini (1980)
  • L'indizio (cinque inchieste per un commissario) (1982)

Sceneggiatura[modifica | modifica wikitesto]

Soggetto[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Grande Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[57]»
— Roma, 23 gennaio 2003
Cittadino onorario del Comune di Santa Fiora (GR) - nastrino per uniforme ordinaria Cittadino onorario del Comune di Santa Fiora (GR)
— Santa Fiora,— 26 settembre 2014
Cittadino onorario della città di Agrigento - nastrino per uniforme ordinaria Cittadino onorario della città di Agrigento
«Di iniziativa del sindaco di Agrigento, Lillo Firetto»
— Roma, 4 febbraio 2016

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 2008 ha vinto il Premio Internacional de Novela Negra col romanzo giallo in lingua spagnola La muerte de Amalia Sacerdote[61].
  • Nel 2011 viene insignito del Premio Fondazione Il Campiello.
  • Nel 2014 ha ricevuto a Barcellona il IX Premio intitolato a Pepe Carvalho, il protagonista dei gialli dello scrittore spagnolo Manuel Vázquez Montalbán, dal cui cognome Camilleri ha tratto quello del suo commissario.[63]

Lauree honoris causa[modifica | modifica wikitesto]

I suoi numerosi lavori letterari lo hanno reso meritevole anche di diverse lauree honoris causa.

Lauree di Andrea Camilleri (honoris causa)
Disciplina Università Data Lectio magistralis
Diploma di laurea (vecchio ordinamento) in Lingue e letterature straniere Università IULM 15 ottobre 2002 Girando attorno alla Torre di Babele
Laurea specialistica in Sistemi e progetti di comunicazione Università di Pisa 26 maggio 2005 Le fabbriche del credere
Laurea specialistica in Psicologia applicata, clinica e della salute Università dell'Aquila 3 maggio 2007 La religiosità di Provenzano
Laurea specialistica in Filologia moderna Università degli Studi "Gabriele d'Annunzio" 12 novembre 2007 Gramsci, Pirandello e un lapsus rivelatore
Honorary degrees University College Dublin il 5 dicembre 2011
Dottorato di ricerca in Storia dell'Europa Sapienza - Università di Roma 16 marzo 2012 Uno scrittore italiano nato in Sicilia
Laurea in Lingue per la Didattica, l'Editoria, l'Impresa Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo" 15 novembre 2012 Sullo stato di salute della lingua italiana
Laurea Magistrale in Lingue e Letterature Moderne, Europee e Americane Università degli Studi di Cagliari 10 maggio 2013 Riflessioni su un capitolo di Svevo
Doctor of Humane Letters The American University of Rome 30 ottobre 2013 American Literature in Fascist Italy (letteratura americana nell'Italia fascista)[67]

Omaggi[modifica | modifica wikitesto]

Nell'album di Daniele Silvestri S.C.O.T.C.H., che vanta la collaborazione di numerosi artisti: Niccolò Fabi, Pino Marino, Diego Mancino, Raiz, Stefano Bollani, Peppe Servillo, vi è anche Camilleri, che compare per la prima volta su un disco, precisamente al termine del brano Lo scotch, dove racconta una storia avvenuta durante un viaggio in treno.

Dal 2013 sono state pubblicate due storie a fumetti sul periodico Topolino con protagonista Tobalbano (parodia di Montalbano), disegnate da Giorgio Cavazzano e scritte da Francesco Artibani, con la consulenza di Camilleri stesso.

Lo scrittore argentino Carlos Salem ha reso omaggio al collega siciliano chiamando "Andrés Camiller" un personaggio del suo romanzo Nuda è la morte.[68]

Nel 2014 è stato mandato in onda su Rai 1 un film-documentario sulla vita dello scrittore intitolato Andrea Camilleri - Il maestro senza regole.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si veda l'intervista con Jon Rognlien in: Dori Agrosì, Focus personaggio: 10 domande a Jon Rognlien, traduttore di Camilleri in norvegese, in N.d.T. La Nota del Traduttore, febbraio 2005. URL consultato il 28 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2016).
  2. ^ Corriere della Sera Magazine, numero 1/2 del 12 gennaio 2006
  3. ^ "16.500.000 Il record di volumi venduti in libreria è di Andrea Camilleri. Un boom iniziato nel 1997." Bye bye America, il bestseller torna in Italia (articolo di Ranieri Polese), Corriere della Sera, 13 novembre 2007, 49. URL consultato il 18 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2009).
  4. ^ "[...] Ma forse non tutti sanno che l'inventore del Commissario Montalbano, un personaggio che, interpretato in televisione da Luca Zingaretti, ha avuto e che ha un grande successo in tutto il mondo, che vanta traduzioni in decine di lingue e oltre dieci milioni di copie vendute" Camilleri uomo di teatro, Corriere della Sera, 17 febbraio 2007, 17. URL consultato il 18 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2012).
  5. ^ "... Il successo arriva nel '94, a 69 anni, con La forma dell'acqua (il primo libro con Montalbano): fino ad oggi Camilleri ha venduto 10 milioni di copie." Un libro per vivere nel lusso Follett e l'invidia degli italiani (articolo di Gabriela Jacomella), Corriere della Sera, 27 febbraio 2006, 25. URL consultato il 18 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2012).
  6. ^ In trasmissione televisiva Acqua in bocca, documentario su Andrea Camilleri e Carlo Lucarelli, andato in onda il 21/12/2010 su Rai 3
  7. ^ Lucio Niccolai, Santa Fiora. Invito alla scoperta del centro storico e del territorio, Effigi, Arcidosso, 2009, pp. 91-96.
  8. ^ Alberto Celata, SANTA FIORA LO SCRITTORE HA RICEVUTO LA CITTADINANZA ONORARIA Camilleri, questo abbraccio è per te «Sono commosso, qui mi sento a casa», Provincia di Grosseto (La Nazione, 27 ottobre 2014. URL consultato il 9 settembre 2018 (archiviato il 24 settembre 2015).
  9. ^ Camilleri, cittadinanza onoraria di Agrigento per 90 anni, ANSA, 4 settembre 2015. URL consultato il 9 settembre 2018 (archiviato il 29 agosto 2017).
  10. ^ Teatro: Santa Fiora lo intitola a Camilleri
  11. ^ a b c Alessandro Trocino, Popstar della cultura, p. 161
  12. ^ http://www.arte.rai.it/articoli/il-luogo-la-memoria/16754/default.aspx
  13. ^ "Nel 1954 partecipa con successo a un concorso per funzionari Rai, ma non viene assunto perché comunista." Matrimonio tra Nichi Vendola e Andrea Camilleri, Affaritaliani.it, 17 marzo 2009. URL consultato il 18 agosto 2009.
  14. ^ "... entra in Rai per concorso alla metà degli anni cinquanta («ma non fui assunto subito perché ero di famiglia comunista»)... " Camilleri e i ricordi in bianco e nero "Quando la Rai agganciò Eduardo..." (articolo di Alessandra Vitali), La Repubblica.it - Divisione La Repubblica, Gruppo Editoriale L'Espresso, 2 luglio 2007. URL consultato il 18 agosto 2009.
  15. ^ "... [Camilleri] ricorda quando nel '54 l'amministratore delegato Filiberto Guala, bloccò il suo ingresso perché «mi giudicò troppo comunista». "Zingaretti: «Lascerò Montalbano» E festeggia gli 80 anni di Camilleri" (articolo di Sandra Cesarale), Il Corriere della Sera, 15 settembre 2005, 47. URL consultato il 18 agosto 2009 (archiviato dall'url originale l'8 settembre 2011).
  16. ^ "È il 1954 quando partecipa ad un concorso della Rai per funzionario ma è comunista dichiarato e non viene assunto." Festa di compleanno per Andrea Camilleri (articolo di Alessandra Rota), La Repubblica.it - Divisione La Repubblica, Gruppo Editoriale L'Espresso, 6 novembre 2005, 36 (sezione: Cultura). URL consultato il 18 agosto 2009.
  17. ^ Andrea Camilleri, l'ultimo bollettino medico: "Ha una fibra forte ma le condizioni rimangono critiche", su Repubblica.it, 18 giugno 2019. URL consultato il 30 giugno 2019.
  18. ^ Vigata.org
  19. ^ Roberto Poppi, Dizionario del cinema italiano, Gremese Editore, 1991 p.300
  20. ^ Siracusa, conversazione su Tiresia, scritto e interpretato da Andrea Camilleri, al Teatro Greco - Siracusa News, in Siracusa News, 4 giugno 2018. URL consultato il 12 giugno 2018 (archiviato il 12 giugno 2018).
  21. ^ Roberto Andò, Camilleri: «La cecità mi ha reso libero. Non devo più vedere la mia faccia da imbecille», L'Espresso, 8 giugno 2018. URL consultato il 18 febbraio 2019 (archiviato il 12 giugno 2018).
  22. ^ a b c Alessandro Trocino, Popstar della cultura, p. 162.
  23. ^ Alessandro Trocino, Popstar della cultura, p. 164.
  24. ^ Salvo Sorbello,Quando Andrea Camilleri non vinse il Superpremio Vittorini,LaSicilia 21 luglio 2019
  25. ^ Nel 2005 Il giornalista Mariano Sabatini ha inserito nel suo Trucchi d'autore un capitolo sulle tecniche di lavoro dello scrittore siciliano.
  26. ^ Tv, oggi in prima serata su Rai 1 "La mossa del cavallo-C'era una volta Vigata", su rainews.it. URL consultato il 27 febbraio 2018.
  27. ^ ''La magarìa'' è stata riscritta da Camilleri e pubblicata su l'Unità, 18 dicembre 2005 al fine di adattarla alla versione in musica di Marco Betta.
  28. ^ op. cit. pag.107
  29. ^ (ES) Andrea Camilleri gana el II Premio Internacional RBA de Novela Negra, elmundo.es (edizione on-line di "El Mundo"), 5 settembre 2008. URL consultato il 18 agosto 2009.
  30. ^ «Andrea Camilleri: - Anche per Montalbano i libri sono importanti, come per Carvalho; l'unica differenza sta nel fatto che il mio commissario non li brucia. Sicuramente al tuo Carvalho i libri non hanno insegnato molto...
    Manuel Vázquez Montalbán: - Sì, certo. Per entrambi i libri sono importanti: per il tuo personaggio in senso positivo, per il mio in senso negativo, ecco perché finisce col bruciarli.
    Andrea Camilleri: - Però la scelta di quale libro bruciare equivale alla scelta di quale libro leggere...» (Hado Lyria, Dos Tardes con Camilleri, Editore Salamandra, 2003)
  31. ^ The CWA International Dagger 2012 shortlist, su web.archive.org, 4 luglio 2012. URL consultato il 2 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2012).
  32. ^ Silvia Fumarola, La Repubblica.it, 20 giugno 2017
  33. ^ Camilleri: "Ecco come finirà il mio Montalbano", AdnKronos, 2017.
  34. ^ Topolino nº 2994 p. 52
  35. ^ Op.cit. p.11
  36. ^ Op.cit. p. 53
  37. ^ A. Camilleri, F.Piccolo, Quando scrivevo come Amado, in La Repubblica del 1º luglio 2009
  38. ^ Eleonora Lombardo,la Repubblica.it Palermo 5 giugno 2015
  39. ^ A. Camilleri, op.cit., p.301
  40. ^ Mauretta Capuano, Camilleri, "Sono cieco, ma scrivo ancora. E adesso ho più memoria", ANSA, 11 dicembre 2017. URL consultato il 31 ottobre 2018 (archiviato il 15 gennaio 2018).
  41. ^ Andrea Camilleri, Tullio De Mauro, La lingua batte dove il dente duole, Editori Laterza, 2013
  42. ^ Sarà pubblicata con il titolo Il corso delle cose
  43. ^ Andrea Camilleri, Tullio De Mauro, op.cit.
  44. ^ Per approfondimenti: un saggio e una bibliografia in Il dialetto nei romanzi di Andrea Camilleri
  45. ^ Tavola rotonda di Paolo Flores d'Arcais, Andrea Camilleri, Antonio Di Pietro originariamente pubblicato in MicroMega, n. 1/2009
  46. ^ Firma anche tu per cacciare Berlusconi dal Parlamento (facendo applicare la legge 361 del 1957) repubblica.it, 1º marzo 2013
  47. ^ Camilleri: "Governo? Altro che Gattopardo. E Napolitano ne è responsabile", su youtube.com, RomaItaliaLab.it, 5 giugno 2013. URL consultato l'8 giugno 2013.
  48. ^ Mario Lucio Genghini, Elezioni Europee 2014 | Lista Tsipras: Camilleri, Flores e la sinistra miope, polisblog.it, 11 marzo 2014. URL consultato il 14 dicembre 2014.
  49. ^ Andrea Camilleri, le frasi celebri dello scrittore, su Virgilio.it, 17 luglio 2019. URL consultato il 9 agosto 2019.
  50. ^ È morto Andrea Camilleri, un maestro a tutto campo nato per raccontare storie, su Repubblica.it, 17 luglio 2019. URL consultato il 17 luglio 2019.
  51. ^ Morto Camilleri, le lacrime per l'addio. Luca Zingaretti: "Addio maestro e amico", su repubblica.it, 17 luglio 2019. URL consultato il 17 luglio 2019.
  52. ^ Andrea Camilleri è stato sepolto al Cimitero Acattolico di Roma: le immagini, su Fanpage. URL consultato il 18 luglio 2019.
  53. ^ Roma, migliaia nel cimitero acattolico per salutare Andrea Camilleri. Il maestro sepolto vicino a Gramsci, su Repubblica.it, 18 luglio 2019. URL consultato il 19 luglio 2019.
  54. ^ «L'ho dato alla casa editrice solo a questa condizione: che venisse tirato fuori quando l'alzheimer per me sarà irreversibile. Intanto, con le facoltà di intendere e di volere intatte, mi diverto a inventare nuove storie». (Camilleri: 'Ritorno a Vigàta', in "la Repubblica.it", 9 novembre 2006).
  55. ^ tutto realizzato in esterni a Torre a Mare, v. Radiocorriere TV, 1964, n. 29, p. 21
  56. ^ Programmi RAI 7 novembre 1971
  57. ^ Dettaglio onorificenza [1]
  58. ^ Albo d'oro nel sito ufficiale del Premio.
  59. ^ Premi del 2003 Archiviato il 25 settembre 2015 in Internet Archive. nella cronologia del sito ufficiale del premio
  60. ^ Cronologia ufficiale del premio.
  61. ^ Elenco dei vincitori del Premio internacional de novela negra
  62. ^ Albo d'oro Premio Chiara alla carriera, su premiochiara.it. URL consultato il 4 maggio 2019.
  63. ^ El Periódico 6 febbraio 2014
  64. ^ MPC 106503 (PDF), su Minor Planet Center, 5 ottobre 2017.
  65. ^ Un asteroide di nome Luca: l'omaggio a Parmitano, su repubblica.it, 12 ottobre 2017. URL consultato il 14 ottobre 2017.
  66. ^ Camilleri professore emerito Tor Vergata, su ansa.it, 9 aprile 2018. URL consultato il 16 aprile 2018.
  67. ^ The American University of Rome, (in)Maestro Andrea Camilleri Receives AUR Honoris Causa Degree, su aur.edu. URL consultato il 10 aprile 2014.
  68. ^ Matar y guardar la ropa in Vigata.org

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN68987008 · ISNI (EN0000 0001 2320 9833 · SBN IT\ICCU\CFIV\052081 · LCCN (ENn80040553 · GND (DE121404412 · BNF (FRcb12261794c (data) · NLA (EN40362965 · NDL (ENJA00821285 · WorldCat Identities (ENn80-040553