Pino Cacucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pino Cacucci, a destra, premiato da Dario Galli, presidente della provincia di Varese, quale vincitore del Premio Chiara 2012

Pino Cacucci (Alessandria, 1955) è uno scrittore, sceneggiatore e traduttore italiano.

« Cacucci è un artigiano, un costruttore di trame, di atmosfere e di personaggi. »
(Federico Fellini[1])

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto a Chiavari, si è trasferito a Bologna nel 1975 per frequentare il DAMS. All'inizio degli anni ottanta è vissuto per lunghi periodi sia a Parigi che a Barcellona. In seguito viaggia molto in America latina e soprattutto in Messico dove ha abitato per lunghi periodi.

Ha pubblicato finora numerosi libri di narrativa e saggistica. Pone in risalto personaggi storici non vincitori, sommersi e nascosti dalla Storia ufficiale. Come posto in evidenza dallo stesso Autore nell´Opera "In ogni caso nessun rimorso", la Storia viene scritta sempre dai vincitori ed i suoi protagonisti perdono, come conseguenza delle loro azioni tutto: battaglie, lavoro, amici, ideali, la loro stessa vita, tranne la dignità, ma con l'aggiuntiva sfortuna di vivere in un'epoca in cui la dignità stessa era l'ultima delle qualità necessarie per passare alla Storia.

Particolarmente intensa è anche la sua attività come traduttore.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1988 ha vinto il Premio Mystfest 1988 con il Libro "Outland Rock"
  • Nel 1992 ha vinto il premio Pluma de Plata Mexicana per il miglior reportage straniero sul Messico (Guadalajara, ottobre 1992)
  • Nel 1996 ha vinto il premio Terra Città di Palermo con "Camminando. Incontri di un viandante"
  • Nel 1997 ha vinto - di nuovo e unico caso di scrittore che si aggiudica il premio due volte - il premio Pluma de Plata Mexicana per il miglior reportage straniero sul Messico (Acapulco, aprile 1997)
  • [2] Nel 1999 ha vinto il Premio Giorgio Scerbanenco del Noir in Festival di Courmayeur con il Libro "Demasiado Corazon". (Feltrinelli, 1999)
  • Nel 2001 ha vinto il Premio Speciale Fiesole con il libro "Ribelli!".
  • Nel 2003 ha vinto il Premio per la traduzione dallo spagnolo all'italiano, dell'Istituto Cervantes di Roma
  • [3] Nel 2004 ha vinto il Premio Letterario Internazionale Il Molinello] con il libro "Oltretorrente".
  • [4] Nel 2004 è finalista del premio Paolo Volponi con "Oltretorrente". (Feltrinelli, 2003)
  • Nel 2006 ha vinto il Premio Letterario Fenice-Europa con il libro "Nahui".
  • Nel 2007 l'Associazione Culturale Amistade di Olbia ha assegnato il Premio Anima Istrantza allo scrittore Pino Cacucci per gli alti meriti conseguiti come scrittore e come traduttore di molti valenti romanzieri latino-americani.
  • Nel 2008 la giuria del premio di traduzione letteraria al salone della letteratura ispanoamericana di Gijón presieduta da Luis Sepúlveda ha deciso di attribuire l'edizione 2008 del Premio a Pino Cacucci.
  • Nel 2010 ha vinto il Premio “EMILIO SALGARI - VALPOLICELLA” di letteratura avventurosa con il libro "Le balene lo sanno".
  • Nel 2010 ha vinto il Premio “Premio per la letteratura di viaggio l'albatros - Città di Palestrina 2010” con il libro "Le balene lo sanno".
  • Nel 2012 ha vinto il Premio Chiara con "Nessuno può portarti un fiore" (Feltrinelli, 2012)[5]
  • [6] Nel 2012 ha vinto il Premio Fedrigoni per la Traduzione Letteraria di Urbino.
  • [7] Nel 2012 ha vinto il Premio Minerva Letteratura di Impegno Civile (Giugliano, Napoli) per "Nessuno può portarti un fiore". (Feltrinelli, 2012)

Colleghi e amici[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Pino Cacucci, Bologna, 11 marzo '77, in Paola Staccioli. In ordine pubblico. Roma, 2002. pp. 93-104.

Opere per il teatro / Rappresentazioni Teatrali[modifica | modifica wikitesto]

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Francisco Coloane, Una vita alla fine del mondo, Los pasos del hombre, traduzione di Pino Cacucci, Guanda, 2001
  • Paco Ignacio Taibo II, Subcomandante Marcos, Morti scomodi, traduzione di Pino Cacucci, Marco Tropea Editore, 2005
  • Gabriel Trujillo Muñoz, Il Banchetto dei corvi, traduzione di Pino Cacucci, Feltrinelli, 2006

Filmografia (soggetto - sceneggiatura)/ Speciali televisivi[modifica | modifica wikitesto]

La TV francese gli ha dedicato una puntata della sua trasmissione Un livre un jour andata in onda il 6 dicembre 2001 e intitolata "Pino Cacucci: Demasiado corazon".

Speciale LA7 La Valigia dei Sogni su "Puerto Escondido"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Un po' per amore, un po' per rabbia intervista a Pino Cacucci 29 maggio 2008
  2. ^ [1]
  3. ^ [2]
  4. ^ [3]
  5. ^ Premio Chiara il rivoluzionario Cacucci vince nella terra della Lega, varesereport.it. URL consultato il 30 maggio 2014.
  6. ^ [4]
  7. ^ [5]
  8. ^ Camminando. Incontri di un viandante, ed. Feltrinelli, 1996

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN56659835 · LCCN: (ENn92111806 · SBN: IT\ICCU\CFIV\102443 · ISNI: (EN0000 0000 8135 3895 · GND: (DE123674735 · BNF: (FRcb12215686d (data)