Antonella Cilento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Antonella Cilento (Napoli, 18 novembre 1970) è una scrittrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Antonella Cilento svolge attività di autrice di romanzi e opere teatrali,[1] è insegnante letteraria e collabora saltuariamente (attraverso articoli di presentazione o critica di pubblicazioni) con Il Mattino,[2] Il Corriere della Sera,[3] L'Indice dei libri del mese[4] e Grazia.[5] Ha collaborato inoltre con Rai Radio 3 proponendo propri racconti via radio, tra cui Napoli sul mare luccica[6] e Scisciano Paradise.[7]

Ha esordito nel 1997, venendo segnalata al Premio Calvino con il romanzo Ora d'aria,[8] e nel 1999, nell'ambito del Premio Riccione, ha vinto il Premio Tondelli con la sua tesi di laurea sull'omonimo giornalista e scrittore.[9] Nel 2014 ha vinto il Premio Letterario Boccaccio, con il romanzo Lisario o il piacere infinito delle donne,[10] arrivato finalista al Premio Strega.[11]

Svolge inoltre attività di formazione e divulgazione dal 1993;[11] nel 2000 ha pubblicato un manuale sulla scrittura creativa Scrivere. Dalla scrittura creativa all'articolo di giornale. Guida ai mondi della parola scritta (coautore Antonio Emanuele Piedimonte)[12] e conduce regolarmente attività di formazione chiamata Lalineascritta,[11] una serie di laboratori di scrittura presso l'Associazione Culturale Aldebaran Park di Napoli;[5] saltuariamente svolge corsi di scrittura fuori sede, come stage di scrittura creativa a Certaldo, in concomitanza del Premio Letterario Boccaccio,[13] corsi di scrittura creativa presso la Fondazione UPAD, a Bolzano,[14] corsi in occasione del laboratorio permanente su lettura e narrazione Ti racconto un libro, a Campobasso,[15] e in occasione dell'evento letterario Il giardino dell’arte e della letteratura, a Bordighera.[16] In collaborazione con l'Institut Français de Naples, Goethe Institut e Instituto Cervantes tiene annualmente una rassegna di incontri a tema letterario detta Strane coppie.[17][18]

Lisario o il piacere infinito delle donne[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Lisario o il piacere infinito delle donne.

Il romanzo è edito Mondadori e ambientato nella Napoli del Seicento, in tono tragico e comico. È stato finalista al Premio Strega (nel 2014)[11] e vincitore del Premio Letterario Boccaccio.[10]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi per ragazzi[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Di fatto, una coppia racconto presente nell'antologia Se stiamo insieme, ed. Caracò, 2013, ISBN 978-88-9756-738-7.
  • M'ama? Mamme, madri, matrigne oppure no antologia, coautrici Saveria Chemotti e Annalisa Bruni, Padova, ed. Il Poligrafo, 2008, ISBN 978-88-7115-590-6.
  • Fonsino, Venezia, ed. Fondazione Querini Stampalia, 2007, SBN VEA073241.
  • La città difficile. Venti racconti da e per Napoli, coautore Amato Massimiliano, Edizioni dell'Ippogrifo, 2006, ISBN 978-88-8898-628-9.[22][23]
  • In terra straniera, di Antonella Cilento, Lia Polcari, Rita Bondioli e Valeria Pannuti, Napoli, ed. Eurograph, 1999, Codice SBN UBO1498300, seconda edizione del Premio Letterario Anibelle e la composizione delle nuvole.[24]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Cafone!, opera drammatica, 2014.[25]
  • “L’angelo della casa”, ovvero Emily Dickinson, 2012.[26]
  • Itagliani!, opera drammatica, 2011, tratta dal romanzo L’amore, quello vero.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Margherita Di Rauso in Itagliani! di Antonella Cilento su Nonsolocinema
  2. ^ A Trentaremi, nel cuore magico di Napoli. Del Tufo ripercorre la città misterica scritto da Antonella Cilento per Il Mattino
  3. ^ Speciale «Il Bello dell’Italia» Contratti e cambiali: l’archivio diventa un crocevia di racconti scritto da Antonella Cilento per Il Corriere della Sera
  4. ^ Settembre 2015, elenco di articoli scritti per L'Indice dei libri del mese
  5. ^ a b Antonella Cilento, Lalineascritta
  6. ^ Antonella Cilento, Napoli sul mare luccica Laterza, Rai Radio 3
  7. ^ Storyville, Rai Radio 3
  8. ^ a b c Antonella Cilento: un'avventura per terra e per mare, Rai Letteratura
  9. ^ a b Premio Tesi di Laurea su Pier Vittorio Tondelli, su Comune di Correggio, 6 febbraio 1999. URL consultato il 25 dicembre 2016.
  10. ^ a b c Premio Boccaccio 2014, un premio speciale al disegnatore Emilio Giannelli del Corriere della Sera, Premio Letterario Boccaccio
  11. ^ a b c d e Finalisti Premio Strega 2014
  12. ^ Scrivere. Dalla scrittura creativa all'articolo di giornale. Guida ai mondi della parola scritta, Google Libri
  13. ^ Nel fine settimana c'è il Premio Letterario Giovanni Boccaccio, Comune di Certaldo
  14. ^ Scuola di scrittura creativa - l'eco dei sensi Archiviato il 1º dicembre 2016 in Internet Archive., UPAD Bolzano
  15. ^ Ti racconto un libro Archiviato il 3 dicembre 2016 in Internet Archive., Primonumero
  16. ^ Bordighera celebra Irene Brin: una due giorni di letteratura e cultura all’interno del suo splendido giardino, Riviera24.it
  17. ^ Poco lontano da qui, Rai Radio 3
  18. ^ Antonella Cilento su Enciclopedia Treccani
  19. ^ Finalisti XI Edizione, Premio Italo Calvino
  20. ^ Morfisa (o l'acqua che dorme), WorldCat
  21. ^ La paura della lince, Google Libri
  22. ^ Antonella Cilento su Google Libri
  23. ^ Antonella Cilento sul Catalogo del Polo BNCF
  24. ^ In terra straniera, Biblioteca Nazionale di Napoli
  25. ^ CAFONE! Archiviato il 1º dicembre 2016 in Internet Archive., Teatro.it
  26. ^ “L’angelo della casa”, ovvero Emily Dickinson, QuartaParete

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN51924818 · ISNI (EN0000 0000 4414 7160 · SBN IT\ICCU\UBOV\428842 · LCCN (ENno2002072762 · BNF (FRcb14523519h (data) · WorldCat Identities (ENno2002-072762