Valerio Aiolli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Valerio Aiolli (Firenze, 1961) è uno scrittore e romanziere italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Valerio Aiolli ha esordito nella narrativa nel 1995 con una raccolta di racconti, Male ai piedi edita da Cesati. Nel 1999 viene pubblicato dalle Edizioni e/o il suo primo romanzo, Io e mio fratello, nel quale attraverso gli occhi dell'io narrante, un bambino di cinque anni, viene rievocata l'Italia degli anni sessanta[1]; il libro vinse il Premio Fiesole, fu selezionato per il Premio Strega ed è stato finalista al Premio Chianti e al Premio Volterra/Carlo Cassola[2]. Nel 2001 appare Luce profuga, storia del difficile incontro fra un piccolo imprenditore in crisi e un rifugiato dalla guerra di Bosnia. Nel suo successivo romanzo A rotta di collo (2002, Premio Giusti), Aiolli racconta in forma di "commedia gialla" una vicenda di speculazione edilizia e corruzione nella quale si viene a trovare coinvolto suo malgrado un grafico trentenne aspirante fumettista. Fuori tempo, edito da Rizzoli nel 2004, narra invece quanto possa essere complicato innamorarsi quando si è ben oltre le soglie della terza età[3]. Ali di sabbia (Alet 2007), incentrato sulla colonizzazione italiana della Libia fra il 1911 e il 1940, è stato paragonato da alcuni critici a Tempo di uccidere di Ennio Flaiano[4]. Alcune delle sue opere sono state tradotte e pubblicate in Germania, Ungheria e Paesi Bassi[5]. È anche autore di racconti pubblicati in raccolte[6][7] e riviste (Nuovi Argomenti). Nel 2008 ha curato la revisione della traduzione del best seller Necropoli di Boris Pahor[8], edito da Fazi. Nel 2014 è uscito Il sonnambulo (Gaffi), romanzo ambientato nel 1992, che racconta la deriva etica del potere italiano. Sono seguiti Lo stesso vento (Voland 2016) e Il carteggio Bellosguardo - Henry James e Constance F. Woolson: frammenti di una storia (ItaloSvevo Edizioni 2017).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Male ai piedi, Firenze : Franco Cesati, 1995
  • Cinematografie (Pananti 1999) contenente il racconto Il ventilatore
  • Poeti e scrittori contro la pena di morte (Le Lettere 2001) contenente il racconto La pena di morte in Italia non c'è
  • L' Africa secondo noi, racconti di Valerio Aiolli et al., Milano : Edizioni dell'arco, ISBN 88-86042-38-8, 2002 contenente il racconto L'occhio
  • Patrie impure (Rizzoli 2003) contenente il racconto Foto a perdere
  • La vita addosso (Fernandel 2006) contenente il racconto Una parola sola
  • La mia Olanda (Bonardi 2007) contenente il racconto Sotto casa di R.
  • Oh com'è bella l'uva Fogarina (Slow Food 2009) contenente il racconto Di dolce e di zolfo
  • Era l'anno dei mondiali (Corriere della Sera 2010) contenente il racconto Lontano di casa
  • Decameron 2013 (Felici 2013) contenente i racconti Gemelle, Dammi il cinque, Bugie, Le parole difficili
  • C'è un grande prato verde - secondo tempo (Manni 2013) contenente il racconto 33ª giornata
  • Racconti in bottiglia (Corriere della Sera 2013) contenente il racconto Salute
  • Scritto nella memoria (Guanda 2016) contenente il racconto Sott'acqua

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Angelo Guglielmi, Particolari visti da un bambino, L'Espresso 45(18): 139-140, 1999
  2. ^ Io e mio fratello, Scheda del libro Archiviato il 22 febbraio 2014 in Internet Archive.
  3. ^ Recensione di Fuori tempo
  4. ^ Ali di sabbia, su www.gianfrancofranchi.com. URL consultato l'11 novembre 2017.
  5. ^ ALET, Valerio Aiolli
  6. ^ Alba Donati (a cura di), Regione toscana, Consiglio regionale, Poeti e scrittori contro la pena di morte; introduzione di Riccardo Nencini, , Firenze : Le lettere, 2001
  7. ^ Leonardo Butelli (a cura di), La vita addosso : nove scrittori raccontano nove vite estreme, Ravenna : Fernandel, 2006 (on-line)
  8. ^ Boris Pahor, ''Necropoli; introduzione di Claudio Magris; traduzione di Ezio Martin; revisione del testo di Valerio Aiolli, Roma : Fazi, 2008

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79185578 · ISNI (EN0000 0000 7842 3223 · SBN IT\ICCU\RAVV\108042 · LCCN (ENno97004252 · BNF (FRcb144849800 (data) · WorldCat Identities (ENno97-004252