Sandro Veronesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sandro Veronesi nel 2012
Premio Premio Strega 2006

Sandro Veronesi (Firenze, 1º aprile 1959[1]) è uno scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È fratello maggiore del regista e sceneggiatore Giovanni Veronesi.[2] Vive a Prato con i suoi tre figli.[3]

Nel 1985 si laurea in architettura a Firenze con una tesi su Victor Hugo e la cultura del restauro moderno. Il suo romanzo d'esordio è del 1988, Per dove parte questo treno allegro, al quale seguono Gli sfiorati nel 1990 e Venite, venite B52 nel 1995, ispirato alla letteratura statunitense e in particolare a Thomas Pynchon.[4]

È autore di quattro libri giornalistici: le raccolte di interviste Cronache italiane (1992) e Live (1996), Occhio per occhio (1992), inchiesta sulla pena di morte nel mondo, e Superalbo (2002), libro che contiene i suoi articoli giornalistici. Tra il 1997 e il 1998 collabora con Rai 3, ed è autore e conduttore del programma televisivo Magazzini Einstein, per la regia di Arturo Minozzi. Collabora con numerosi quotidiani e riviste letterarie; insieme a Domenico Procacci ha fondato la casa editrice Fandango Libri, ed è tra i fondatori della web radio Radiogas.

Nel 2000 pubblica La forza del passato, vincitore del Premio Campiello[5] e del Premio Viareggio, e tradotto in 15 lingue; da quel romanzo è tratto l'omonimo film di Piergiorgio Gay. Nel 2001 pubblica il libro per ragazzi Ring City che vince il Premio Fregene.[6] Nel 2002 scrive la prefazione a L'incredibile menzogna di Thierry Meyssan, riguardante le teorie cospirative sull'11 settembre 2001. Nel 2003 pubblica la riduzione teatrale del film del 2001 No Man's Land di Danis Tanović.

Nel 2006 vince il premio Strega grazie al romanzo Caos calmo,[7] uscito l'anno precedente, con il quale vince inoltre nel 2008 a Parigi il Prix Femina[8] e il Premio Mediterraneo per gli stranieri.[9] Nel 2007 esce Brucia Troia. Tra il 2014 e il 2015 pubblica dapprima Terre rare e poi Non dirlo - Il Vangelo di Marco, questo ultimo da cui ha tratto un monologo teatrale. Nel novembre 2015 lascia Bompiani,[10] insieme tra gli altri a Umberto Eco, per approdare a La nave di Teseo.[11]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Sandro Veronesi presenta XY a Roma, 4 dicembre 2010.

Introduzioni, saggi, interviste[modifica | modifica wikitesto]

  • Ma smettetela di chiamarci giovani scrittori, in l'Unità, 8 aprile 1995.
  • John Fante: la giovinezza come destino, in John Fante, Un anno terribile, Roma, Fazi, 1996, pp. 7–16. ISBN 88-8112-049-6.
  • Intervista con Laura Lepri, in Scrittura creativa. La scrittura creativa raccontata dagli scrittori che la insegnano, Milano, Bompiani, 1997, pp. 45–55.
  • Tirchieria del racconto e generosità del romanzo, in Luigi Rustichelli (a cura di), Seminario sul racconto, Lafayette, In., Bordighera, 1998, pp. 48–59. ISBN 1884419216.
  • Tra gli Smith e san Paolo (epigrafi), in Giordano Meacci, Improvviso il Novecento. Pasolini professore, Roma, Minimum fax, 1999, pp. 189–226. ISBN 88-86568-93-2.
  • Intervista, in Cristiana Lardo e Fabio Pierangeli (a cura di), L'ultima letteratura italiana. Eraldo Affinati, Niccolò Ammaniti, Rocco Carbone, Erri De Luca, Marco Lodoli, Francesco Piccolo, Elisabetta Rasy, Tiziano Scarpa, Sandro Veronesi. Scrittori a Tor Vergata. Interventi ed interviste, Manziana, Vecchiarelli, 1999, pp. 135–141.
  • Il trattino, uno e trino, intervista con Francesca Serafini in Alessandro Baricco, Filippo Taricco, Giorgio Vasta e Dario Voltolini (a cura di), Punteggiatura, Milano, BUR, 2001, pp. 145–154.
  • Cento piccoli Totti, in "Nuovi argomenti", 5ª serie, gennaio–marzo 2000, pp. 84–93.
  • A colloquio con Sandro Veronesi, a cura di Christiane Ebner, In "Italienisch. Zeitschrift für italienische Sprache und Literatur", n. 2, novembre 2009, pp. 5–18.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bio sul Corriere
  2. ^ Giovanni Veronesi: dagli esordi a "Non è un paese per giovani", in Cineblog.it. URL consultato il 19 aprile 2017.
  3. ^ Biografia di Sandro Veronesi. URL consultato il 19 aprile 2017.
  4. ^ Wuz.it - La biografia di Sandro Veronesi
  5. ^ Premio Campiello. I vincitori degli ultimi venti anni - libreriauniversitaria.it, su www.libreriauniversitaria.it. URL consultato il 18 aprile 2017.
  6. ^ Veronesi Sandro, su www.ilnarratore.com. URL consultato il 18 aprile 2017.
  7. ^ Lo Strega al Caos Calmo di Veronesi - Corriere della Sera, su www.corriere.it. URL consultato il 18 aprile 2017.
  8. ^ PressReader.com - Connecting People Through News, su www.pressreader.com. URL consultato il 18 aprile 2017.
  9. ^ (EN) Sandro Veronesi vince il Superflaiano per la narrativa, in Elle.it, 11 luglio 2011. URL consultato il 18 aprile 2017.
  10. ^ ALESSIA RASTELLI, Lo scatto di Giunti, Bompiani è sua: ‘Saremo protagonisti della narrativa’, in Corriere della Sera. URL consultato il 19 aprile 2017.
  11. ^ Ecco il simbolo de La Nave di Teseo, la nuova casa editrice di Elisabetta Sgarbi, su L’Huffington Post. URL consultato il 19 aprile 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN87320047 · ISNI: (EN0000 0001 2321 2119 · SBN: IT\ICCU\CFIV\052746 · LCCN: (ENn94088001 · GND: (DE119530295 · BNF: (FRcb12194214p (data)