Grazia (periodico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Grazia
Logo
StatoItalia Italia
Linguaitaliano
Periodicitàsettimanale
Generefemminili
Fondazione1938
Sedevia privata Mondadori, 1 - Segrate (MI)
EditoreArnoldo Mondadori Editore
Diffusione cartacea170 000
DirettoreSilvia Grilli
VicedirettorePiero Macchioni
ISSN1120-5113 (WC · ACNP)
Sito webwww.grazia.it
 

Grazia è un settimanale femminile italiano fondato nel 1938[1] edito da Arnoldo Mondadori Editore, diretto attualmente da Silvia Grilli.

La rivista è edita in licensing anche in altri paesi: Bulgaria da aprile 2004, Gran Bretagna da febbraio 2005, Grecia da aprile 2005, Emirati Arabi Uniti da novembre 2005, Croazia da febbraio 2006, Serbia da giugno 2006, Russia da marzo 2007, Paesi Bassi da agosto 2007, India da maggio 2008, Australia da luglio 2008, Cina da febbraio 2009, Francia da agosto 2009. Sono previsti i lanci in Indonesia e Thailandia.

È considerata la rivista femminile italiana di maggior successo nella storia[2], certo la più longeva, avendo raggiunto gli ottant'anni di pubblicazione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini di Grazia vengono fatte risalire alla precedente rivista settimanale Sovrana, che usciva dal 1927 e che nel 1938 cambiò nome in Grazia[3].

La rivista si occupava soprattutto di moda, ma anche di attualità, passatempi, lavori femminili e viaggi. Vi erano poi le rubriche che sviluppavano un dialogo con le lettrici[2].

A metà anni cinquanta erano divenute di moda le rubriche di galateo tenute da redattrici con nomi altisonanti (si pensi alla "Contessa Clara Ràdjanny von Skèwitch," di Irene Brin). Arnoldo Mondadori propose a Colette Rosselli di tenere a sua volta una rubrica di bon ton su Grazia, e la scrittrice inventò per la rubrica lo pseudonimo di Donna Letizia[4][5]. Con questo pseudonimo la Rosselli tenne a lungo la popolare rubrica intitolata Il saper vivere, fino al 1978[6]. Donna Letizia rispondeva alle domande riguardanti questioni di galateo e buone maniere, con humour e pungente ironia, per dispensare quelle buone maniere che l'Italia del boom economico le chiedeva attraverso lettere indirizzate alla sua rubrica, trovandosi improvvisamente a dover fare i conti con l'etichetta, avendo ospiti blasonati e figli da istruire.

A questa rubrica fa riferimento anche Francesco Guccini nella canzone Il compleanno del 1970 con il verso «Su "Grazia" hai imparato a ricevere gli ospiti...».

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

  • Carla Vanni (fino al novembre 2006)
  • Silvia Grilli (novembre 2006-2007)
  • Vera Montanari (2007-2012)
  • Silvia Grilli (2012 - in carica)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda completa nel Catalogo Italiano dei Periodici.
  2. ^ a b Raffaella Celentano, Le riviste di moda italiane: la storia nascosta tra i merletti
  3. ^ cronologia del giornalismo femminile
  4. ^ Colette Rosselli Ma non troppo, Longanesi & C., 1986
  5. ^ Colette Rosselli Case di Randagia, Longanesi & C., 1989
  6. ^ Laura Laurenzi Vada fuori dal salotto in La Repubblica del 31 ottobre 1984

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria