Bompiani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bompiani
Stato Italia Italia
Fondazione 1929 a Milano
Sede principale Milano, via Angelo Rizzoli 8
Settore Editoria
Sito web www.bompiani.eu/

Bompiani è una casa editrice italiana fondata da Valentino Bompiani nel 1929 a Milano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni trenta Bompiani trova le prime alleanze che daranno identità alla propria casa editrice. Vi collaborano Cesare Zavattini, Antonio Banfi (poi, al suo posto, Enzo Paci e infine Umberto Eco, che dagli anni cinquanta dirige collane di studi e vi pubblica fedelmente i propri scritti), quindi Elio Vittorini (che vi pubblica anche i propri scritti), e dagli anni settanta Antonio Porta, poi Mario Andreose, Elisabetta Sgarbi (sorella del critico d'arte Vittorio e direttrice del quadrimestrale «Panta») e Giovanni Reale (curatore con Dario Antiseri anche di una Storia della filosofia dal 2009).

Un'impresa originale e molto apprezzata è stata il Dizionario delle opere e dei personaggi di tutti i tempi e di tutte le letterature, uscito per la prima volta nel 1946 e aggiornato negli anni (con anche una versione su CD-Rom del 2002). L'ultima edizione è del 2005.

Nel 1972, la proprietà passa alla FIAT che con la finanziaria IFI (poi diventata Exor) acquista la Sonzogno, la Fratelli Fabbri e la ETAS, per poi diventare dal 1990 il gruppo RCS, al quale appartengono anche la Sansoni, la Rizzoli, La Nuova Italia, la Marsilio Editori, l'Archinto e percentuali d'altre case editrici.

Autori[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli autori che hanno distinto la casa editrice si annoverano Antoine de Saint-Exupéry (il cui Il piccolo principe è negli anni il libro più stampato e venduto), Corrado Alvaro, Luciano Anceschi, Vitaliano Brancati, Carmelo Bene, Gesualdo Bufalino, James Cain, Erskine Caldwell, Achille Campanile, Albert Camus, Paulo Coelho, Maria Corti, Archibald Joseph Cronin, Andrea De Carlo, T. S. Eliot, Alain Elkann, Ennio Flaiano, André Gide, Patricia Highsmith, Tahar Ben Jelloun, Stephen King, Alberto Moravia (fedelissimo), Edoardo Nesi, Anaïs Nin, Osho, Ottiero Ottieri, Fernanda Pivano, Jean-Paul Sartre, Alberto Savinio, Leonardo Sciascia (poi passato all'Adelphi), Antonio Scurati, John Steinbeck, Jun'ichirō Tanizaki, Giovanni Testori, Pier Vittorio Tondelli, Sandro Veronesi, Kurt Vonnegut, Evelyn Waugh, Marguerite Yourcenar e altri.

Collane[modifica | modifica wikitesto]

Le collane edite da Bompiani dal 1929 in ordine di apparizione:

Fonte: Catalogo generale Bompiani 1929-1999.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]