Marguerite Yourcenar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« La libertà basta volerla.[1] »
Yourcenar, a 80 anni

Marguerite Yourcenar, pseudonimo di Marguerite Cleenewerck de Crayencour (Bruxelles, 8 giugno 1903Mount Desert, 17 dicembre 1987), è stata una scrittrice francese. È stata la prima donna eletta alla Académie française. Nei suoi libri sono frequenti i temi esistenziali, in particolare quello della morte.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Nacque da una famiglia franco-belga. Il padre, Michel Cleenewerck de Crayencour, di famiglia borghese (era figlio di una ricca proprietaria terriera, Noemi Dufresne) rappresentava la parte francese della famiglia; la madre belga di stirpe nobile, Ferdinande de Cartier de Marchienne, morì dieci giorni dopo la nascita di Marguerite, a causa di setticemia e peritonite insorte in seguito al parto. Marguerite studiò con tutori privati e crebbe nella villa della nonna Dufresne a Mont Noir nel comune di Saint-Jans-Cappel, nel nord della Francia.

La bambina si dimostra subito una lettrice precoce, interessandosi a soli 8 anni alle opere di Jean Racine e Aristofane; a dieci anni impara il latino e a dodici il greco. All'età di diciassette anni, da poco trasferitasi a Nizza, Marguerite pubblica sotto lo pseudonimo di "Marg Yourcenar" il suo primo libro di poesie: sceglie questo pseudonimo con l'aiuto del padre, anagrammando il cognome (Crayencour, appunto). Nel 1924, in occasione di un viaggio in Italia, visita per la prima volta Villa Adriana e inizia la stesura dei primi Carnets de notes de Mémoires d'Hadrien (Taccuini di note di Memorie di Adriano). Nel 1937 a Parigi Marguerite fa un incontro fondamentale per la sua carriera e per la sua vita, quello con Grace Frick, allora insegnante di letteratura inglese, che sarà la sua compagna per il resto della vita. Nel 1939, allo scoppio della Seconda guerra mondiale, si trasferisce negli Stati Uniti d'America (prenderà la cittadinanza americana nel 1947), pur continuando sempre a scrivere in francese. Negli Stati Uniti insegna letteratura francese e storia dell'arte dal 1942 al 1950 e dal 1952 al 1953. Inizia così un decennio di privazioni, che ella stessa definirà più tardi come il più difficile della sua vita. Questo periodo della sua vita si conclude con la pubblicazione delle Mémoires d'Hadrien (Memorie di Adriano), sicuramente il suo libro di maggior successo. A partire da questo momento Yourcenar comincia una serie di viaggi in giro per il mondo, che conosceranno una pausa solo per l'aggravarsi delle condizioni di salute della sua compagna, che la porteranno alla morte nel 1979. Dopo la morte di Grace Frick la scrittrice conosce Jerry Wilson, che diventerà presto una delle sue più intense passioni. Ma neanche lui le sopravvive. Nel 1980 è la prima donna ad entrare a far parte della Académie française.

Marguerite Yourcenar muore presso l'ospedale Bar Harbor di Mount Desert il 17 dicembre 1987.

Carriera da scrittrice[modifica | modifica wikitesto]

Come accennato, esordì come autrice in poesia, con la raccolta Le jardin des chimères (Il giardino delle chimere), pubblicata a proprie spese nel 1921. La prima opera pubblicata da una casa editrice è un romanzo pubblicato tre anni dopo: Alexis o il trattato della lotta vana, dove si affaccia per la prima volta il tema dell'omosessualità vissuta come dramma. Da lì comincia per la scrittrice una carriera che le procurerà la notorietà internazionale.

Nel periodo che va dal 1932 al 1938 pubblica il romanzo Moneta del sogno, ambientato nell'Italia fascista, Fuochi, una raccolta di prose liriche ispirata dal suo amore non corrisposto per André Fraigneau e Novelle orientali, una serie di racconti ispirati a miti e leggende dell'estremo Oriente, della Grecia e dei Balcani.

Attratta dal romanzo di ambientazione storica, scrive le Memorie di Adriano, il suo capolavoro, in cui alla crisi personale di un imperatore illuminato, giunto alla fine della sua vita, si sovrappone il crepuscolo dell'Impero di Roma avviato verso una fine annunciata.

L'opera al nero è un altro romanzo di genere storico ambientato nel tardo Rinascimento con protagonista il medico-filosofo Zénon. Anche qui la storia è una cornice disegnata intorno alle tormentate vicende dei protagonisti con sottili risvolti psicologici apparentemente fuori tempo - per troppa modernità - rispetto all'epoca in cui i personaggi vengono fatti agire; è ciò che verrà definito la modernità del passato. Infatti modernissimo è il discorso in cui Zénon enuncia sinteticamente la sua filosofia dicendo:

« Le nostre idee, i nostri idoli, le nostre costumanze presuntamente sante, e le nostre visioni che passano per ineffabili, mi sembravano generati senz'altro dai sussulti della macchina umana, al pari del soffio delle narici o delle parti basse, del sudore e dell'acqua salata delle lacrime, del sangue bianco dell'amore, dei liquami e degli escrementi del corpo. Mi irritava che l'uomo sprecasse così la propria sostanza in costruzioni quasi sempre nefaste, parlasse di castità prima di aver smontato la macchina del sesso, disputasse di libero arbitrio invece di soppesare le mille oscure ragioni che ti fanno battere le ciglia se improvvisamente avvicino ai tuoi occhi un legno, o di inferno prima di aver interrogato più dappresso la morte.[2] »

Come l'acqua che scorre, pubblicato nel 1982, raccoglie tre racconti storici di ambiente secentesco, ambientati fra l'Italia e le Fiandre. Il primo, Anna, soror..., fu scritto nel 1925 dopo un soggiorno a Napoli, dove si svolge il racconto intimo e delicato della passione incestuosa di Anna per il fratello Miguel. Il secondo, Un uomo oscuro, ci fa seguire le peregrinazioni di Nathanael (un altro dei grandi personaggi yourcenariani), il suo amore per la prostituta Sarai, il servizio presso una nobile famiglia e la silenziosa fine nella solitudine di un'isola. L'ultimo racconto, Una bella mattina, si ricollega alla vicenda di Un uomo oscuro narrando la storia di Lazaro, figlio di Saraí e Nathanael, e della sua vocazione di attore.

Nella trilogia Il labirinto del mondo, Yourcenar passa dalla storia del mondo a quella più ristretta nel microcosmo della sua famiglia attraverso le generazioni.

Scrive anche numerosi saggi e racconti di viaggio, confluiti nelle raccolte Con beneficio d'inventario, Il tempo, grande scultore, Pellegrina e straniera e Il giro della prigione.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi e memorie[modifica | modifica wikitesto]

Racconti e novelle[modifica | modifica wikitesto]

  • Fuochi (1936), trad. di Maria Luisa Spaziani, Milano: Bompiani, 1984
  • Novelle orientali (1938), trad. di Maria Luisa Spaziani, Milano: Rizzoli, 1983
  • Come l'acqua che scorre. Tre racconti (1982), trad. di Maria Caronia, Torino: Einaudi, 1983. (Contiene: Anna, soror..., Un uomo oscuro e Una bella mattina)
  • Racconto azzurro e altre novelle (1993, postumo), trad. di Francesco Saba Sardi, Milano: Bompiani, 1993 (contiene i racconti giovanili Racconto azzurro, La prima sera, Maleficio)

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Tutto il teatro, trad. di Luca Coppola e Giancarlo Prati, Milano: Bompiani, 1988 (Contiene: Dare a Cesare, La Sirenetta, Il dialogo nella palude, Elettra o La caduta delle maschere, Il mistero di Alcesti e Chi non ha il suo Minotauro?)

Epistolario[modifica | modifica wikitesto]

Conversazioni e interviste[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

  • Opere, vol. 1: Romanzi e racconti, Milano: Bompiani, 1986 (Contiene: Alexis o il trattato della lotta vana; Il colpo di grazia; Moneta del sogno; Memorie di Adriano; L'opera al nero; Anna, soror...; Un uomo oscuro; Una bella mattina; Fuochi; Novelle orientali)
  • Opere, vol. 2: Saggi e memorie, Milano: Bompiani, 1992. (Contiene: Premessa all'edizione francese; Con beneficio d'inventario; Mishima o la visione del vuoto; Il tempo grande scultore; Pellegrina e straniera; Il giro della prigione; Care memorie; Archivi del Nord; Quoi? L'eternite; Pindaro; I sogni e le sorti; Dossier dei "Sogni e le sorti"; Articoli non raccolti in volume)

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1976, il regista tedesco Volker Schlöndorff gira il film Il colpo di grazia, tratto dal romanzo omonimo e interpretato, fra gli altri, da Margarethe von Trotta. Nel 1988 è la volta de L'opera al nero, girato dal regista belga André Delvaux e interpretato da Gian Maria Volonté, Anna Karina, Sami Frey.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Citato in Giuseppina Tripodi, La lezione di Rita Levi-Montalcini, Milano, Rizzoli, 2011, p. 53. ISBN 978-88-586-2127-1
  2. ^ M. Yourcenar, L'opera al nero, in: Opere, vol.I, Milano, Bompiani, 1996, p.681

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gruppo la luna, Letture di Marguerite Yourcenar, Torino: Rosemberg & Sellier, 1986
  • Gianni Poli, Invito alla lettura di Marguerite Yourcenar, Milano: Mursia, 1990
  • Rosalba Guerini, "Elementi" nell'Oeuvre au Noir di Marguerite Yourcenar, Alessandria: Edizioni dell'Orso, 1991
  • Josyane Savigneau, L' invenzione di una vita: Marguerite Yourcenar, trad. di Oreste Del Buono, Torino: Einaudi, 1991
  • Silvia Meroni, Patrizia Tomacelli, L' Œuvre au Noir di Marguerite Yourcenar: lettura critica socio-estetica, Milano: Arcipelago, 1992
  • Giorgetto Giorgi, Mito, storia, scrittura nell'opera di Marguerite Yourcenar, Milano: Bompiani, 1995
  • Michèle Sarde, Tu, Marguerite Yourcenar: la passione e le sue maschere, trad. di Lucia Corradini, Firenze: Le lettere, 1996
  • Laura Brignoli, Denier du rêve di Marguerite Yourcenar: la politica, il tempo, la mistica, Firenze: Le lettere, 1999
  • Ciro Sandomenico, Il viaggio di nozze di Marguerite Yourcenar a Capri, Napoli: Liguori, 2001
  • Michèle Goslar, Marguerite Yourcenar. Biografia. "Quanto sarebbe stato insipido essere felice!", trad. di Elisa Bozzelli, Sant'Oreste: Apeiron, 2003
  • Donata Spadaro, Marguerite Yourcenar e l'autobiografia, ADP 2014
  • Dominique Gaboret Guiselin, Alla ricerca di Adriano. Marguerite Yourcenar in Italia e a Capri, Capri: La conchiglia, 2014

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore vincitori Prix Femina Successore
Claire Etcherelli 1968 Jorge Semprun
Predecessore Seggio 3 dell'Académie française Successore
Roger Caillois 1980 - 1989 Jean-Denis Bredin
Controllo di autorità VIAF: (EN105154898 · LCCN: (ENn50014612 · ISNI: (EN0000 0001 2103 5964 · GND: (DE118643460 · BNF: (FRcb11929535g (data) · NLA: (EN35625277 · BAV: ADV10221996